giovedì 23 ottobre 2008

La repubblica centroasiatica del Turkmenistan ha scoperto di possedere uno dei giacimenti di gas naturale più grandi del pianeta.




Turkmenistan, un megagiacimento di gas vicino al confine afgano


Gacimento di gasYoloten-Osman, vicino al confine afgano. La scorsa settimana la società di consulenza britannica Gaffney, Cline & Associates (Gca), chiamata dal governo del Ashgabat a dare un parere indipendente sulla consistenza dei giacimenti di gas turkmeni, la scorsa settimana ha annunciato che quello di Yoloten-Osman, nel sudest del Pasese, vicino al confine con l'Afghanistan, contiene almeno 6-7 mila miliardi di metri cubi di gas, forse addirittura il doppio. Ciò farebbe del Turkmenistan la terza potenza gasifera del mondo dopo Russia e Iran, o magari anche la seconda. 

GasdottoSi rianima la corsa al gas turkmeno. La notizia ha fatto saltare sulla sedia i dirigenti delle compagnie petrolifere del pianeta che da tempo si contendono il gas turkmeno, ma che mai avrebbero immaginato che la posta in gioco fosse così alta. 
Dopo la morte, due anni fa, del padre-padrone del Turkenistan Saparmurat Niyazov, il suo successore Gurbanguly Berdymukhamedov ha messo fine al duopolio russo-iraniano sul gas turkmeno aprendo a Cina e Occidente, dando il via a un'accanita competizione. 

PipelinesL'Occidente in ritardo sulla Cina.Dal prossimo anno i cinesi succhieranno il gas turkmeno del giacimento di Bagtyyarlyk, nell'est del Paese, attraverso un gasdotto lungo 7 mila chilometri attualmente in costruzione. 
Gli statunitensi e gli europei, invece, ancora non sono riusciti a convincere il Turkmenistan a pompare il suo gas nel futuro gasdotto Nabucco (Turchia - Bulgaria - Romania - Ungheria - Austria) collegandosi alla pipeline trancaspica (Azerbaigian - Georgia - Turchia). 
Ma per l'Occidente, deciso a tagliar fuori la Russia da questa partita, la sorpresa del megagiacimento di Yoloten-Osman ha aperto, anzi riaperto, un'allettante soluzione alternativa. 

MappaRispunta il gasdotto transafgano. Alla fine degli anni Novanta gli Stati Uniti volevano costruire una pipeline per portare il gas del modesto giacimento turkmeno di Daulatabad fino in Pakistan e in India, attraverso l'Afghanistan occidentale (via Herat e Kandahar). 
Il progetto, poi abbandonato, torna adesso prepotentemente alla ribalta, visto che il giacimento Yoloten-Osman, immensamente più ricco di quello di Daulatabad, si trova anche molto più vicino (solo 250 chilometri) al confine afgano. Sarebbe perfetto, se solo la Nato riuscisse a vincere la guerra in Afghanistan. 

DI ENRICO PIOVESANA
LINK: http://www.peacereporter.net/dettaglio_articolo.php?idc=&idart=12492

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori