mercoledì 1 ottobre 2008

Tornado in Afghanistan


Il governo di Berlusconi invia quattro caccia nel paese centro-asiatico in guerra. «Solo per missioni di osservazione», dice il ministro della difesa Ignazio La Russa. Ma gli aerei vengono da Ghedi sono per definizione destinati all'attacco, sia con armi convenzionali che nucleari
TOMMASO DI FRANCESCO
MANLIO DINUCCI

Sarà il 6˚ Stormo di stanza a Ghedi (Bs) a inviare in Afghanistan i quattro cacciabombardieri Tornado: lo comunica l'aeronautica, precisando che si tratta della versione Ids (Interdiction and strike) del Tornado, «in grado di svolgere missioni di attacco e di ricognizione». Sono dotati del nuovo sistema Reccelite, per «l'acquisizione di target ( l'obiettivo da colpire ) completamente automatizzata». Ma gli aerei, come ha spiegato il ministro della difesa Ignazio La Russa, «serviranno non per bombardare ma per osservare». Se così fosse, perché non usare i Predator A, gli aerei teleguidati che l'aeronautica ha acquistato nel 2004 (durante il governo Berlusconi) e stanziato in Afghanistan per compiti di ricognizione? Perché non usare i quattro Predator B/Reaper, di cui la commissione difesa della Camera ha approvato l'acquisizione lo scorso febbraio (durante il governo Prodi)? I Tornado sono in grado di volare a una velocità superiore a quella del suono, lungo il profilo del terreno a pochi metri da suolo, così da penetrare in profondità nel territorio nemico prima di essere avvistati. Per questo sono destinati all'attacco, con armi sia convenzionali che nucleari. Secondo documenti ufficiali declassificati - resi pubblici nel rapporto U.S. Nuclear Weapons in Europe (febbraio 2005) dal Natural Resources Defense Council - risulta che gli Stati uniti mantengono a Ghedi 40 bombe nucleari (più 50 ad Aviano) e che al loro uso sono destinati i Tornado italiani. Quelle dislocate a Ghedi e ad Aviano sono bombe tattiche B-61 in tre versioni, la cui potenza va da 45 a 170 kiloton (13 volte maggiore di quella della bomba di Hiroshima). Le bombe sono tenute in speciali hangar insieme ai caccia pronti per l'attacco nucleare: F-15 e F-16 statunitensi ad Aviano e i Tornado italiani a Ghedi. La pericolosità di questo arsenale nucleare in Italia consiste nel fatto che il nostro paese viene ad essere agganciato alla strategia nucleare statunitense. Al Pentagono sono in fase di realizzazione armi di nuovo tipo, tra cui bombe nucleari in grado di penetrare nel terreno e distruggere i bunker dei centri di comando, così da «decapitare» il paese nemico con un first strike , un attacco nucleare di sorpresa. La B-61, il tipo di bomba nucleare depositato in Italia, è stata modificata per trasformarla in bomba nucleare penetrante: alla famiglia delle B-61 si è così aggiunta la B61-11 che, secondo i test, può penetrare nel terreno così da creare, con l'esplosione nucleare, un'onda d'urto capace di distruggere obiettivi sotterranei. È quindi probabile che, tra le bombe nucleari depositate a Ghedi e Aviano, vi siano anche B61-11, pronte per l'uso. In tal modo l'Italia viola il Trattato di non-proliferazione delle armi nucleari che, all'articolo 2, stabilisce: «Ciascuno degli Stati militarmente non-nucleari, si impegna a non ricevere da chicchessia armi nucleari o altri congegni nucleari esplosivi, né il controllo su tali armi e congegni esplosivi, direttamente o indirettamente». Ciò è stato confermato il 19 giugno 2008 dalla Federazione degli scienziati americani: nel quadro delle armi nucleari Usa in Europa 2008, si legge che le bombe nucleari, custodite a Ghedi dal 704 Munss statunitense, saranno trasportate in caso di guerra dai «Tornado italiani del 6˚ Stormo». Gli stessi che il governo Berlusconi invia in Afghanistan: anche senza armi nucleari, essi costituiscono la punta di lancia della nostra aviazione da attacco. Preoccupati, i ministri ombra Pd della difesa e degli esteri, Roberta Pinotti e Piero Fassino, hanno chiesto al governo: «In quale scenario e in quale contesto si colloca l'invio dei Tornado in Afghanistan? Si presuppone un cambio di strategia nella missione? E in questo caso con quali obiettivi e quali impegni per le nostre forze armate?». In attesa della risposta del governo Berlusconi, possiamo dire qualcosa noi. Lo scenario della guerra e della conseguente strage di civili in Afghanistan è lo stesso di quando, nel 2006, il governo Prodi decise la spesa annua di 1 miliardo di euro nel 2007, 2008 e 2009, per finanziare la partecipazione italiana alla missione in Afghanistan e alle altre «missioni internazionali di pace». Resta la stessa la strategia e di conseguenza restano immutati gli impegni delle nostre forze armate, da quando nell'agosto 2003 la Nato ha assunto con un colpo di mano «il ruolo di leadership dell'Isaf, forza con mandato Onu» (senza che in quel momento vi fosse una decisione del Consiglio di sicurezza, che solo dopo ha preso atto del fatto compiuto). Da allora, il quartier generale Isaf è stato inserito nella catena di comando Nato e, di conseguenza, in quella del Pentagono, che mira al controllo dell'Afghanistan: zona di primaria importanza per la sua posizione geostrategica rispetto a Russia e Cina, e per il controllo dei corridoi energetici del Caspio. Il contingente italiano in Afghanistan è inserito nella catena di comando che fa capo al generale Usa David D. McKiernan, già comandante delle forze terrestri che nel 2003 attaccarono e invasero l'Iraq, il quale nel giugno 2008 ha assunto il comando Isaf, prima ricoperto da un altro generale Usa. Il gen. McKiernan, che comanda allo stesso tempo le forze Usa in Afghanistan nel quadro dell'operazione Enduring Freedom, ha posto in chiaro il 16 settembre che gli alleati devono inviare in Afghanistan maggiori forze e rinunciare ai vincoli sul loro uso. Sarà il gen. McKiernan, col suo stato maggiore, a decidere l'impiego dei Tornado italiani, nel quadro della crescente guerra aerea condotta dagli Usa in Afghanistan. Come documenta il Comando centrale, ogni giorno i cacciabombardieri statunitensi e alleati effettuano, in media, circa 80 «missioni di appoggio aereo ravvicinato alle truppe Isaf in Afghanistan». Dalla sola portaerei Lincoln, stazionata nel Golfo, ne sono state compiute 7.100 da aprile ad agosto. A questi aerei si uniranno i Tornado italiani, «non per bombardare ma per osservare».

1 commento:

  1. GHEDI -BRESCIA- Sono decollati all'incirca alle ore 8.00 quattro tornado che verranno impiegati in Afghanistan con compiti di ricognizione. I quattro velivoli si sono alzati da una delle piste del sesto stormo (Diavoli rossi) di Ghedi e Castenedolo, la pista in questione è molto più vicina al secondo comune che al primo. I quattro aerei sono dotati di una nuova apparecchiatura, un "pod reccelite".Dicono che saranno dotati solo d'armamento di autodifesa. Gli aerei saranno di stanza nell'aeroporto di Mazar-i Sharif, circa 500 chilometri a prima di essere trasferiti ad Herat, dove si trova il grosso del contingente italiano. Lo rende noto lo Stato maggiore della Difesa, dopo che ieri lo stesso capo di Stato maggiore, il generale Vincenzo Camporini, aveva parlato dell'imminente partenza dei caccia. La partecipazione dei Tornado italiani alla missione Nato Isaf "tra origine - sottolinea Smd - dalla necessità di dotarsi di una più adeguata capacità di protezione del contingente presente in loco". I quattro velivoli dell'Aeronautica militare avranno compiti di ricognizione aerea e saranno "equipaggiati con un sistema di assoluta avanguardia", di recente acquisizione: il "pod reccelite", cioè sensori elettro-ottici e all'infrarosso di elevate prestazioni che consentono al velivolo di operare con molta efficacia da media-alta quota, di giorno e di notte. I Tornado si inseriranno nella "Joint air task force" di Herat, comandata dal colonnello pilota Francesco Vestito, da cui dipendono tutti gli assetti aerei italiani in Afghanistan: i velivoli senza pilota Predator, gli aerei C-27J, gli elicotteri AB-212, CH-47 e A129 Mangusta, la missione di questi aerei da guerra - che ci costerà oltre quattro milioni di euro al mese - non sarà quella di sganciare missili e bombe. Ma ciò non vuol dire che non parteciperanno alla guerra.
    Poi sembrerebbe anche che in realtà i quattro tornado non saranno sotto comando italiano, bensì a disposizione del comandante statunitense David D. McKiernan e, dunque, verranno impiegati su tutto lo spazio aereo afgano in operazioni di sorveglianza del territorio ma essenzialmente in operazioni di intelligence e ricognizione, ovvero di individuazione obiettivi. Vale a dire che gli obiettivi poi verranno bombardati da altri caccia alleati o attaccati dalle truppe di terra della Nato.
    Affermare che i tornado non parteciperanno alla guerra è sostanzialmente falso.
    E' risaputo che le missioni aeree di ricognizione non hanno finalità ricreative e umanitarie e non lo dico io ma bensì ironizzando lo dice il generale Mini, ex comandante della missione Kfor in Kosovo.Proseguendo un pò meno ironico "Sono missioni da combattimento vero e proprio in quanto preludono all'attacco con bombe a grappolo, incendiari ed esplosivi ad alto potenziale".Al di là di questo, rimane la convinzione che i Tornado alla fine possano venire usati anche per bombardare. Gli aerei sotto controllo americano non hanno limiti operativi e i nostri cacciabombardieri saranno chiamati a cacciabombardare, e tali convinzioni emergono dalle dichiarazioni del generale Mini.
    La convinzione è dovuta dal fatto che anche durante la guerra del Kosovo del 1999 i Tornado italiani, ufficialmente, svolgevano solo missioni di ricognizione e supporto aereo. Poi si scoprì che sganciarono tonnellate di bombe su Belgrado, così come faranno in Afghanistan.

    Girato da link:
    http://www.network54.com/Forum/584098/thread/1227538322/last-1227619839/INTANTO...+ti+decollano+4+TORNADO+per+L%27Afghanistan

    RispondiElimina

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori