mercoledì 26 novembre 2008

1500 euro se lo chiami Benito


L'iniziativa del partito di estrema destra in 5 piccoli comuni della Basilicata

Chissà se Mussolini sarebbe contento. La sezione Movimento Sociale - Fiamma Tricolore della Basilicata ha dato il via a un'iniziativa per affrontare il problema dello spopolamento nella Regione: un contributo, una tantum di 1500 euro per ogni nascituro che verrà battezzato con il nome di Benito, se maschio, o Rachele se femmina. Tutto in onore del Duce e di sua moglie, donna Rachele.

Si tratta di un nostalgico salto nel Ventennio? La notizia della singolare iniziativa, presentata dal responsabile regionale Vincenzo Mancusi, è stata ripresa anche all'estero, dalla Bbc. Le regole sono molto rigide: i nascituri dovranno venire al mondo nel 2009 e il contributo percepito dovrà essere utilizzato solo a beneficio dei neonati per comprare culla, pannolini, vestiti e alimenti. Potranno usufruirne solo i nuovi iscritti nell'anagrafe di cinque piccoli comuni a sud della regione, Calvera, Carbone, Cersosimo, Fardella e S. Paolo Albanese. Mancusi è consapevole che ciò non servirà a far schizzare verso l'alto il tasso della natalità, ma, assicura "si tratta dell'iniziativa di un piccolo partito che avrà un suo piccolo effetto". Secondo Mancusi è la Regione Basilicata che dovrebbe fare di più prelevando, per esempio, dai diritti di sfruttamento dei giacimenti petroliferi lucani i bonus da assegnare, annualmente, a ciascun nato fino al raggiungimento della maggiore età. "Perchè Benito e Rachele? Una scelta casuale, sono nomi belli come tanti altri", dice il segretario regionale Mancusi, il quale assicura che beneficiari del bonus saranno anche i figli nati da coppie miste. L'importante che almeno uno dei due genitori sia italiano. Chissà se il Duce sarebbe contento che una "faccetta abbronzata" porti il suo nome.

Fonte: peacereporter

Link: http://it.peacereporter.net/articolo/12901/Ti+do+1500+euro,++se+lo+chiami+Benito

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori