lunedì 17 novembre 2008

Gli idioti di "Facebook":...i discepoli di Maria De Filippi in rete


È guerra di adesioni su "Facebook" tra i politici italiani. Una battaglia trasversale, che si combatte anche tra esponenti dello stesso schieramento. Guardando solo ai "sostenitori" che compaiono cliccando sulla voce "politici", fa il pieno di consensi Maria Stella Gelmini: il ministro dell’Istruzione, in questi giorni al centro di infuocate polemiche del mondo della scuola e dell’università per la riforma del sistema scolastico, conta 8.053 sostenitori. 

Sempre utilizzando lo stesso criterio di ricerca, si incontra il segretario del Pd Walter Veltroni, con 7.798 supporters, seguito dal ministro delle Riforme Umberto Bossi che raggiunge quota 5.660 e dal ministro della Funzione Pubblica Renato Brunetta che vanta 5.129 sostenitori. Il leader dell’Idv Antonio Di Pietro mantiene il passo con 4.661 sostenitori, comparendo nuovamente con il simbolo "Lista Di Pietro Italia dei Valori" a quota 4.158 sostenitori. Ed ecco che fa la sua comparsa anche il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, con 4.045 fan. Continuando a scorrere le pagine secondo il criterio di scelta per tipologia "politici" fa il suo ingresso su Facebook anche il ministro della Difesa Ignazio La Russa, con 2.030 sostenitori, seguito da Massimo D’Alema con 1.478, che precede il ministro dell’Interno Roberto Maroni, con 1.343 sostenitori, e l’ex presidente del Consiglio Romano Prodi, che si ferma a quota 1.234. 

Andando ancora più giu, si incontra Emma Bonino, con 942 fan, seguita dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, con 833 sostenitori, il portavoce di CasaPound Gianluca Iannone con 782 sostenitori, Fausto Bertinotti con 702 fan e Marco Pannella con 638. Succede così che se il ministro Gelmini sembra detenere il primato su Facebook in quanto a sostenitori, il fondatore della Lega Nord scalza il suo collega di coalizione di governo Renato Brunetta. Il Senatùr raccoglie consensi un pò ovunque, visibili nei messaggi lasciati dai suoi sostenitori sulla sua bacheca: da "Bossi sei un mito" a "sei tutti noi" all’entusiasmo per il federalismo fiscale, il ministro delle Riforme fa il pieno di consensi sul web. Ma la vera sfida si combatte tra avversari di schieramenti politici opposti: e così si scopre che Gianluca Iannone, leader di Casapound, batte il suo "avversario" Fausto Bertinotti. 

Utilizzando anche il criterio di ricerca per "nome", si scopre che il gruppo in sostegno del presidente della Camera Gianfranco Fini conta su Facebook 391 fan, ai quali però vanno aggiunti anche quelli di "Gianfranco Fini Italy’s next Prime Minister". Ma non solo. Al leader di An tocca fare i conti anche con il gruppo nato su Facebook "Contro l’antifascista compagno Gianfranco Fini", che raccoglie una cinquantina di membri. Quanto ad Antonio Di Pietro, che della propaganda su internet è stato uno dei pionieri, sulla sua pagina personale conta 4.185 amici, mentre sono 1.820 gli iscritti alla pagina Idv-Antonio Di Pietro. Ma non sono pochi neanche i detrattori del leader dell’Italia dei Valori sul web. Così al gruppo "Liberateci da Antonio Di Pietro" hanno aderito 1.564 utenti di Facebook, mentre per "Io non sopporto Antonio Di Pietro" sono 77 gli aderenti. Il più irriguardoso "Insegna l’italiano ad Antonio Di Pietro", conta appena 36 iscritti. 

Gruppi e fan club infatti si alternano alle pagine personali, non sempre accessibili a tutti, create da esponenti di destra, sinistra e centro, che si sono moltiplicate sul web negli ultimi mesi, raccogliendo consensi trasversali testimoniati dalle lunghe liste di amici o fan. Attraverso le pubblicazione delle proprie biografie, ma anche foto personali e con i fan, post scritti sulle proprie bacheche, annunci di eventi sponsorizzati dai partiti, il mondo della politica si fa largo nella più grande community virtuale nata ad Oxford per rintracciare i compagni di università persi ormai di vista. E, se si passa alla sfida in "rosa", dopo la Gelmini con i suoi 8.053 sostenitori, a detenere il primato in quanto a iscrizioni è "l'Official Fan club" del ministro alle Pari Opportunità, Mara Carfagna: la nuova portavoce del governo Berlusconi registra 1.463 membri, staccando di gran lunga altre sue colleghe, da Michela Vittoria Brambilla, che sul gruppo creato dai suoi fan registra 203 membri, ad Alessandra Mussolini, alla quale fanno riferimento diversi gruppi, che registrano la cifra di circa cinquanta iscritti ognuno. 

Raccoglie consensi anche la vicepresidente della Camera Rosy Bindi, che tra i suoi fan registra 159 sostenitori. Anche in questo caso però, l’esponente del Pd deve fare i conti con gruppi a lei avversi, come quello intitolato "Contro il gruppo dei fan di Rosy Bindi", che registra 43 iscritti. Va meglio ad Anna Finocchiaro, che vanta 792 sostenitori e 96 messaggi in bacheca. Per il gruppo dedicato a Daniela Santanchè si contano almeno 243 iscritti, ma alla leader del Movimento per l’Italia i suoi fan hanno dedicato anche il gruppo "Santanchè for president", che registra 307 membri. Ma a stracciare tutte sono due personaggi appartenenti al mondo della satira: Sabina Guzzanti e Paola Cortellesi riescono a raggiungere più di 10.000 fan ciascuna. Toccherà alle esponenti del parlamento italiano cercare di recuperare terreno.
Fonte: LA STAMPA

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori