martedì 4 novembre 2008

Il colonnello e la geopolitica energetica di Mosca


Concordanza d'intenti tra il colonnello e i presidenti Medvedev e Lukashenko. Sul tavolo progetti nucleari e di forniture militari

Il leader libico Muammar Gheddafi ha incontrato oggi il presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko dopo una visita a Mosca, la prima in 23 anni. Gheddafi ha potuto piantare la sua tenda di beduino nel giardino della residenza presidenziale alle porte di Minsk, dove si svolge l'incontro. Lukashenko ha detto di "non differire ideologicamente sull'approccio alla questione dell'ordine mondiale. Come lei - ha detto a Gheddafi - crediamo che il mondo debba essere multipolare. Gheddafi resterà a Minsk fino a domani, e partirà poi per Kiev per una visita ufficiale in Ucraina.

Più importante, sul piano della cooperazione economica e geopolitica, è stata la visita a Mosca. L'accordo tra Libia e Russia per forniture di armi e tecnologia nucleare potrebbe modificare parte degli assetti strategici dell'area nordafricana. L'incontro a tre tra il colonnello, il presidente Dmitri Medvedev e il Primo Ministro Vladimir Putin ha inoltre avuto come focus l'ipotesi d'una collaborazione russo-libica per lo sfruttamento dei giacimenti di gas e petrolio; una volta avviata, tale collaborazione cingerebbe l'Europa in una pericolosa cintura energetica sottoposta al controllo di Mosca. Tripoli era da tempo in trattative con il Cremlino per la fornitura di caccia Su30, carri armati T90 ed elicotteri da trasporto; smentito invece l'accordo per la creazione congiunta d'un sistema anti-missile. La visita di Gheddafi ha inoltre avuto la funzione di sancire l'avvio della collaborazione tra i due paesi per la costruzione di reattori nucleari e per l'avvio d'uno scambio di carburante atomico.

Fonte: Peacereporter

Link: http://it.peacereporter.net/articolo/12600/Gheddafi+visita+Russia+e+Bielorussia,+stretti+rapporti+economici-militari

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori