mercoledì 19 novembre 2008

Il suicidio ambientale: ecco "SPORCHI DA MORIRE", il racconto della vergognosa promozione degli inceneritori da parte dei grandi media



Dopo Biutiful Cauntri e dopo lo sguardo realistico di Gomorra, ecco Sporchi da morire, un impressionante nuovo documentario sui rifiuti. La conferma che i rifiuti sono molto di più che il mero scarto di un qualunque processo, ma un vero caso politico, ecologico ed economico. Si presentano come un problema che divora pezzi sempre più importanti della nostra vita civile. Autori del film sono Marco Carlucci, David Gramiccioli e Matteo Morittu.

«Difficilmente le nuove generazioni ci perdoneranno per questo suicidio ambientale». Questa frase dell’oncologo Lorenzo Tomatis è il significativo sottotitolo del documentario. Alla denuncia si associa il 
dott. Stefano Montanari, che sul tema svolge da anni un’attività instancabile. Al centro del film le nanoparticelle e l’indefessa autopromozione del mondo degli inceneritori. In dieci minuti potete farvi coinvolgere dal montaggio incalzante del promo che riproduciamo qui sotto. Il trailer offre un suggestivo assaggio dei contenuti drammatici del film. Risulta tanto più sconvolgente quanto più si confronta con il silenzio e la sostanziale inattendibilità dei grandi media. Di qui gli accostamenti agli atroci imbonimenti della comunicazione alla Wanna Marchi. 
di Pino Cabras

Link: http://it.youtube.com/watch?v=HzgKDjKVey8

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori