mercoledì 19 novembre 2008

Riccardo Villari come Sergio De Gregorio, da Prodi a Veltroni sempre gli stessi errori



L’altra volta era stato Antonio di Pietro ad imbarcare quel bandito di Sergio de Gregorio.

Stavolta è il Partito democratico ad incappare nel Riccardo Villari di turno cooptato dalle destre come presidente della commissione di Vigilanza della RAI e aggrappatosi alla poltrona come neanche Totò Cuffaro.

Incappare poi… non era scritto da nessuna parte che dopo che Clemente Mastella aveva fatto cadere il governo di Romano Prodi i notabili mastelliani dovevano trovare un sicuro rifugio nella nuova (aspirante) balena banca del PD.

Ma la sostanza è sempre quella. De Gregorio o Villari, IDV o PD poco cambia. Pronti a vendersi al primo Berlusconi che passa. Nel frattempo la “sinistra” li raccatta, inutile capire perché. Loro portano due voti dai loro clienti e ne fanno perdere quattro per impresentabilità.

Si sono scritti libri, e centinaia di articoli più o meno livorosi sulla fine della differenza della sinistra (quella etica, sul resto non è questa la sede) e sul tramonto della questione morale di berlingueriana memoria. Purtroppo oggi il personale politico della sinistra, per carrierismo, impreparazione e viltà compete spesso con le destre e perde solo perché di là ci sono invincibili eroi moderni dello squallore nazionale come Maurizio Gasparri o Roberto Castelli o Mariastella Gelmini, nullità assolute con le quali diventa arduo competere perfino per un quaquaraquà come Villari.

Loro sono nullità, ma sanno dove va il mondo.

E allora di fronte a uno spettacolo così disonorevole rivendichiamo il nostro diritto all’ingenuità. Continuiamo a preferire le persone leali ai furbi, gli onesti ai corrotti e ai corruttori, i preparati e competenti invece degli arruffoni e degli inetti. E i Riccardo Villari ci fanno vomitare.

di Gennaro Carotenuto

LInk: http://www.gennarocarotenuto.it/4554-riccardo-villari-la-sinistra-perde-perch-imbarca-questa-gente/#more-4554


Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori