venerdì 7 novembre 2008

Saakashvili deve dimettersi. L'Osce getta l'ombra del dubbio sulle operazioni georgiane a Tskhinvali




Migliaia di oppositori hanno manifestato oggi a Tbilisi, la capitale della Georgia, contro il presidente Saakashivili. Chiedono riforme democratiche e nuove elezioni. E accusano Saakashvili di aver intrapreso una guerra con la Russia che sapeva di non poter vincere.

Guidati dal leader dell'opposizione Kakha Kukava, diecimila manifestanti sono tornati a scendere in piazza ad un anno esatto dagli scontri che avevano portato alle elezioni anticipate, poi vinte ancora da Saakashvili. Anche se meno numerosi rispetto all'anno precedente e alle aspettative dell'opposizione, che sperava in trentamila persone, Kukava ha detto che la nuova ondata di proteste civili non si fermerà fino a quando non otterrà nuove elezioni. Una protesta che non costituisce un reale pericolo per il potere del presidente, ma che arriva in un momento critico.
Saakashvili sta infatti affrontando una serie di inchieste, sia interne che internazionali, sulla condotta tenuta da Tbilisi durante la guerra di quest'estate. In particolare la comunità internazionale si sta chiedendo se la Georgia non sia ricorsa alla violenza indiscriminata per cercare di riprendere il controllo della Repubblica osseta. Saakashvili ha sempre presentato l'intervento georgiano come un atto difensivo e assolutamente mirato contro gli indipendentisti sud-osseti. Ora però un'inchiesta dell'Osce, l'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa, sembra mettere in dubbio questa versione. La ricostruzione, fatta dagli osservatori europei, sembra anzi suggerire che, il 7 agosto scorso, l'inesperto esercito georgiano abbia attaccato indiscriminatamente la città di Tskhinvali, esponendo i civili, i soldati della missione di pace russi, e gli osservatori internazionali a rischio.
L'inchiesta dell'Osce però non è né conclusiva, né sufficientemente ampia da poter dare una risposta univoca alla domanda, ma solleva moltissimi dubbi sull'accuratezza e sull'onestà della versione fornita dal presidente georgiano.

di Nicola Sessa

Link: http://it.peacereporter.net/articolo/12685/Georgia,+in+migliaia+in+piazza+contro+Saakashvili.+E+l'Osce+parla+di+violenze+a+Tskhinvali

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori