martedì 16 dicembre 2008

Il Venerabile della Loggia P2 e la democrazia,...e chi ce l'ha?


Chi l’avrebbe potuto prevedere, soltanto due anni fa?
Uno dei quotidiani più diffusi in Italia (si colloca subito  dietro “Il Corriere della sera”,”La Repubblica” e “Il Sole 24 ore”), parlo de “la Stampa”, di Torino, diretta da Giulio Anselmi, ha pubblicato ieri un’intervista lunga una pagina intera a Licio Gelli, il Venerabile della Loggia P2, ritornato agli onori della cronaca non solo  politica, ora presente ogni settimana su Odeon TV. 
La giustizia italiana, malgrado numerosi processi intentati negli ultimi venticinque anni dopo la scoperta della Loggia e l’inchiesta parlamentare del 1982, non è giunta - come succede sempre nei confronti dei ricchi e dei potenti - a nessun risultato.
Sicchè Licio Gelli è un cittadino libero e dotato di idee assai precise su sé stesso, come sull’Italia. Per prima cosa fa una domanda retorica  al giornalista: ”Il mio piano rinascita ha trionfato, non crede?” E subito dopo: ”Berlusconi se ne é letteralmente abbeverato, la giustizia e le carriere separate dei giudici, le tv, i club rotariani in politica…Già, proprio come Forza Italia. Apprezzo che non abbia mai rinnegato la sua iscrizione alla P2, e del resto come poteva?”
I riferimenti di Gelli sono limpidi. Quando parla del piano rinascita, ricorda il suo “Piano di rinascita democratica” sequestrato a sua figlia all’aeroporto di Linate, che prevedeva appunto l’addomesticamento della stampa e della tv (chi potrebbe negarlo oggi?), la divisione dei sindacati (innegabile, senza dubbio), la separazione delle carriere e altri obbiettivi minori.
E non si può dar torto a Gelli quando dice che Berlusconi se ne è “abbeverato”. 
Quel che è difficile accettare della diagnosi generale di Gelli è che la crisi della sinistra, di cui tanti parlano, derivi dall’espansione delle logge massoniche di cui parla il Venerabile. A Firenze enumera 520 logge a Palazzo Vecchio e 500 a Palazzo Vitelleschi e si lamenta per le “discriminazioni” che, a suo avviso, ci sono in alcune regioni come Marche e Toscana. Poi aggiunge che ormai (finito il PCI) non ci sarebbe più la sinistra: ma qui cade in contraddizione perché se la giunta fiorentina di Dominici non gli pare più di sinistra ma poi gli pare in crisi….
Tra Veltroni e D’Alema non vede differenze e preferisce, nettamente, la moglie di quest’ultimo che è una nota archivista alla quale si è rivolto per depositare le carte innocue di carattere storico che aveva nella sua villa.
E’ormai in pista e, a proposito della P2, afferma senza esitazioni: ”La P2? La rifarei tranquillamente…” E ribadisce: ”Meglio  burattinaio che burattino.”
Il cerchio sembra ormai chiudersi, dopo vent’anni di turbolente vicende, ritornare alla casella iniziale. 
Ma è possibile che gli italiani non se ne accorgano? Che sia giunta a questo punto di declino la nostra democrazia?   
di Nicola Tranfaglia
Link: www.nicolatranfaglia.com

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori