domenica 24 maggio 2009

Irlanda, la Chiesa degli orrori

Dopo 9 anni di lavoro, sono stati resi pubblici, in Irlanda, i risultati della Commissione per gli abusi sui bambini, che documentano le atrocità commesse negli istituti cattolici, a danno di orfani e ragazzini "disagiati". Si calcola che, dal 1920 fino al 1980, quasi 35 mila bambini siano passati per queste case. Più di mille hanno subito anche molestie sessuali.

"Era comune essere svegliato durante la notte da qualcuno che voleva fare sesso con te e se informavi i Fratelli Cristiani (la congregazione che gestiva la casa) ottenevi in cambio di venire picchiato e minacciato da quelle stesse persone, religiosi o guardiani, che venivano a cercarti". Chi parla è Tom Haynes, uno delle migliaia di orfani e "ragazzi disagiati" che sono stati rinchiusi, fino agli '80, negli istituti cattolici e che hanno subito molestie sessuali. Tom Wall, che all'età di 8 anni fu spedito nella stessa scuola di Haynes, a Glin, nella contea di Limerick, racconta: "Se ti sceglievano diventavi un pericolo, se ti sceglievano diventavi un bersaglio. E non c'era modo di evitarlo, perché potevano arrivare a te 24 ore su 24". Storie che hanno lasciato delle ferite profonde nelle persone che hanno dovuto subire. Oggi "trovo impossibile mischiarmi con la gente, credere in qualcuno o avere un qualche tipo di relazione con l'altro sesso", ha confessato alla fine della sua storia Tom Wall.

"Mi sento ingannato e preso in giro. Non avrei mai riaperto le mie ferite se avessi saputo che questo sarebbe stato il risultato" è stato il commento di John Walsh, vittima degli abusi dei prelati cattolici e leader dell'Irish Survivors of Child Abuse. La sua delusione è dovuta al fatto che i risultati della commissione non potranno essere usati in tribunale perché nel 2004 i Fratelli Cristiani, hanno ottenuto l'anonimato per tutte le persone coinvolte nei fatti. Nessun nome, dunque, che si tratti di una vittima o di un carnefice, appare nel documento finale. "Tutto ciò mi ha devastato- prosegue Walsh, così come devasterà la maggior parte di coloro che hanno dovuto subire gli abusi, perchè non ci saranno procedimenti penali nè assunzioni di responsabilità di nessun tipo".

Anche se non si arriverà mai ad un processo, il rapporto stilato dalla commissione traccia una verità storica dei fatti e dice molte cose. Come, per esempio, il fatto che gli abusi sessuali all'interno delle strutture educative cattoliche erano "endemici" e che le autorità cattoliche irlandesi, al corrente di quello che stava succedendo, hanno lasciato fare per spirito d'omertà e di fedeltà al gruppo. Del resto, ancora oggi, di fronte alla pubblicazione degli atti della Commissione, Vincent Nichols, capo dei cattolici d'Inghilterra e del Galles, si è pronunciato in favore di coloro "che vederanno le loro storie raccontate in pubblico" e di coloro che "all'interno degli ordini religiosi e del clero di Dublino, dovranno affrontare fatti del loro passato ai quali avrebbero preferito, istintivamente e naturalmente, non dover più guardare", per concludere dicendo che "non dovremmo dimenticarci che quello che è emerso oggi getterà ombra anche su tutto ciò che è stato fatto di buono."

Nei cinque volumi stilati dalla commissione, però, di buono c'è poco. Al contrario, il rapporto parla di un ricorso sistematico alla violenza come metodo di gestione delle strutture educative; dell'imposizione di una disciplina "irragionevole ed oppressiva" sui ragazzini e sullo staff; e di una serie di abusi fisici e mentali che concorrevano a prolungare la cultura della violenza anche nelle generazioni successive.
Dal 1920 al 1980 trentacinque mila bambini sono passati per gli istituti cattolici. Si stima che siano un migliaio quelli che hanno subito abusi di tipo sessuale, ma per gli altri restavano frequenti violenze e umiliazioni designate a farli sentire inutili. Nelle case d'accoglienza per ragazze, gestite dalle suore, le violenze sessuali sembrano essere state minori. In compenso lo sfruttamento e il lavoro pesante sono bene documentati, come nel caso delle lavanderie gestite dalle Sorelle di Maddalena (Magdalene Sisters). 
In ultimo, il rapporto della Commissione non omette di condannare le autorità governative irlandesi, che non hanno saputo o non hanno voluto prevenire le atrocità che venivano commesse negli istituti cattolici, nonostante fin dagli anni '40 alcuni ispettori avessero denunciato ossa spezzate e una generale situazione di malnutrizione. In questo senso, il lavoro della commissione segna anche il cambiamento che si avuto all'interno della società irlandese, non più strettamente legata ai voleri della chiesa cattolica.

di Chiara Pracchi

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori