domenica 4 gennaio 2009

Gaza, un massacro pianificato da tempo


Come per tutti gli avvenimenti che rischiano di ampliarsi fino a minacciare la pace mondiale, è necessaria una messa a punto in merito alla responsabilità su quanto sta accadendo in Palestina.
Troppo comodamente infatti i 
mass media occidentali stanno accogliendo, per ragioni che non è possibile analizzare in questa sede, la tesi israeliana che vuole presentare l'operazione Cast Lead ("Piombo fuso") come una semplice ritorsione contro il lancio da parte di Hamas di svariate decine di razzi contro i centri abitati israeliani più prossimi al confine con la striscia di Gaza.
In primo luogo è bene chiarire che la forza militare di Hamas è di gran lunga inferiore rispetto a quella dello Stato ebraico. A fronte dei circa 15.000 militanti armati attribuiti al movimento Hamas, Israele può schierare circa 3.630 carri armati pesanti (di cui circa 1.350 di ultima generazione), 6.870 altri mezzi corazzati, 896 pezzi di artiglieria pesante, 250 mortai e 48 lanciatori multipli di razzi da 227 mm., 520 aerei e 180 elicotteri da combattimento, 13 navi da guerra e 3 sottomarini, 630.000 uomini (inclusi i riservisti), di cui più di mezzo milione nell'esercito, oltre a 7.650 uomini della polizia di frontiera. Lo Stato ebraico è poi accreditato di disporre di almeno 150 ordigni nucleari di cui alcuni lanciabili da sottomarini.
Da anni del resto il puro rapporto quantitativo fra le vittime del conflitto presenta un rapporto numerico del tutto sfavorevole ai palestinesi: dal 28 settembre 2000, inizio della cosiddetta seconda Intifada, infatti si contano oggi 5.302 palestinesi uccisi a fronte di 1.082 israeliani, con un rapporto quindi assai vicino ai 5 a 1 (
Internazionale, n. 775, dicembre 2008).
Questo raccapricciante 
body count non è del tutto gratuito poiché questi rapporti quantitativi sono tenuti in notevole considerazione dai responsabili militari israeliani nella valutazione dei risultati di questo tipico conflitto a bassa intensità: lo dimostra il fatto che il capo dello Shin Bet israeliano, Yuval Duskin, ha presentato al governo israeliano, nel gennaio 2008, i "risultati ottenuti" dalla sua organizzazione vantando appunto gli 810 palestinesi uccisi negli ultimi due anni (G. Levy, "Strong in numbers", Ha'aretz, 21 gennaio 2008).
Per una analisi di dettaglio degli avvenimenti cruenti che hanno prodotto questo stillicidio di caduti nel 2007 e 2008, rimandiamo, senza alcuna pretesa di completezza, alla cronologia in appendice.
È quindi possibile affermare che non esistono ragioni strettamente militari che possano giustificare l'attacco israeliano contro la Striscia di Gaza, dato che Israele ha dimostrato di essere pienamente in grado di gestire con risultati soddisfacenti questo tipo di conflitto, definito 
asimmetrico dagli specialisti.

Anche riguardo al secondo elemento di "colpa" attribuita ad Hamas, la responsabilità nella rottura della tregua, la semplice, spassionata ricostruzione degli avvenimenti degli ultimi mesi, purché condotta sulla base dei fatti, mette in chiara evidenza invece le responsabilità di Israele, che dipendono da una lucida e consapevole scelta politica di fondo adottata da tempo.
Come è stato osservato da autorevoli esponenti israeliani (intervista al generale israeliano Shlomo Gazit, "L'obiettivo? È politico, non militare", 
Il Messaggero, 29 dicembre 2008), le motivazioni dell'offensiva israeliana sono squisitamente politiche, a prescindere dal livello di intensità militare e dai rischi di un sempre possibile ampliamento del conflitto che questo potrebbe comportare in futuro.
La tregua fra Hamas e Israele è stata raggiunta il 19 giugno 2008 grazie alla mediazione egiziana: lo scopo era quello di favorire un accordo fra al-Fatah e Hamas, a seguito dello scontro fratricida in atto da mesi, come premessa indispensabile per arrivare ad un accordo con lo Stato ebraico, secondo le aspettative di Egitto e Arabia Saudita, allineati con i Paesi occidentali, a favore della spartizione, sia pure ineguale, della Palestina fra Israele e Palestinesi.
Risulta chiaro che la tregua era indispensabile per Hamas che aveva appena assunto il governo della Striscia di Gaza, trovandosi stretta fra la pressione delle forze armate israeliane, il blocco delle frontiere ed il conflitto civile con al-Fatah. Lo dichiara del resto, senza mezzi termini, quello che sembra essere oggi l'uomo forte israeliano, il ministro della Difesa ed ex comandante delle forze speciali dello Stato ebraico, Ehud Barak. Al giornalista italiano che, in pieno periodo di tregua, lo intervista, chiedendogli: "
Il governo israeliano ha siglato una tregua con Hamas. È l'ammissione che la strategia dell'embargo, politico ed economico, è fallita?" - risponde con estrema chiarezza e lucidità: "Al contrario. Hamas ha chiesto il cessate il fuoco sotto la pressione dell'embargo e delle operazioni militari contro i lanci di razzi Qassam. Noi non negoziamo con Hamas, stiamo solo trattando per il rilascio del soldato rapito (il caporale Gilad Shalit, ndr). E non negozieremo con Hamas, fino a quando non accetteranno le richieste del Quartetto: riconoscimento di Israele e degli accordi firmati in passato, rinuncia alla violenza. Insomma, quando Hamas smetterà di essere Hamas" (Corriere della Sera, 7 agosto 2008).
Il 30 ottobre, come segno di apertura verso Al-Fatah, Hamas ha rilasciato tutti i diciannove detenuti della fazione avversaria in suo possesso, in vista dell'apertura di colloqui diretti che dovevano iniziare sabato 8 novembre al Cairo. Lunedì 3 novembre, Hamas invia in anticipo al Cairo una propria delegazione, per esaminare le proposte egiziane e di Fatah.
Mercoledì 5 novembre, un'unità di paracadutisti israeliani compie un attacco "mirato" presso la cittadina di Deir-al-Balah nella striscia di Gaza, allo scopo, si dice, di distruggere un tunnel destinato al trasporto di uomini e materiali nel territorio palestinese: nell'operazione muore un guerrigliero palestinese. Hamas risponde con colpi di mortaio contro il territorio israeliano. Israele lancia un attacco aereo nel quale vengono uccisi altri cinque guerriglieri di Hamas.
Con il pretesto del lancio dei razzi, seguito all'uccisione dei sei militanti, Israele a questo punto chiude tutti i passaggi attraverso i quali transita tutto il cibo, i carburanti e le medicine diretti al milione e mezzo di abitanti della striscia di Gaza.
"L'attacco sopraggiunge poco prima dell'incontro che doveva tenersi questo sabato al Cairo, dove Hamas ed il suo rivale politico al Fatah dovevano tenere colloqui in merito alla composizione delle divergenze attuali in vista della creazione di un governo unitario. Sarebbe stata la prima occasione nella quale le due organizzazioni si incontravano a questo livello dallo scoppio della quasi guerra civile di oltre un anno fa", commenta da Gerusalemme Rory McCarthy del 
Guardian.
Secondo l'
Associated Press la decisione dell'attacco è stata approvata personalmente dal Ministro della Difesa israeliana, appunto Ehud Barak: non si tratta quindi di un'operazione di routine ma di un'operazione militare politicamente motivata, in quanto essa rompe la tregua in atto dal giugno 2008 e lo fa proprio quando i Palestinesi avevano la prima seria opportunità dopo un anno di ricostituire un governo unitario, per trattare riuniti con Israele.
La valenza politica dell'attacco, tuttavia, non è solo quella di rendere impossibile una rappacificazione fra le 13 fazioni palestinesi in lotta: la posta politica in gioco è per Israele molto più alta, investendo un elemento strategico di fondo, cioè quello di evitare l'internazionalizzazione del conflitto israelo-palestinese, e riportarne la gestione delle trattative all'interno dello Stato ebraico.
Il 9 novembre, infatti, a Sharm-el-Sheik, in Egitto, si deve riunire il cosiddetto 
Quartetto, composto da Usa, Unione Europea, Russia e Nazioni Unite, il cui compito principale è quello di tenere in vita il processo di pace di Annapolis, avviato senza grandi risultati dal presidente americano Bush. Il proposito, enunciato nel novembre 2007, era infatti quello di arrivare ad un accordo fra Israele e Palestinesi di Al-Fatah entro il 2008, per evitare il definitivo affossamento del processo di pace.
In realtà, i colloqui del 9 novembre 2008 non fanno altro che registrare il completo arresto delle trattative: dato che sia gli Usa che Israele si presentano con una dirigenza uscente, la sola novità avrebbe potuto essere proprio quella di una riunificata leadership palestinese, che avrebbe potuto imprimere una forte sollecitazione sul piano internazionale al processo di pace, giacché solo i Palestinesi hanno un effettivo interessere a concludere entro l'anno un accordo, consapevoli che altrimenti Israele risolverà a suo modo la questione.
L'attacco israeliano ha dunque scongiurato anche questo rischio. Tzipi Livni, ministro degli esteri di Israele, dichiarerà infatti molto esplicitamente: "noi ci siamo mossi per assicurare che questo processo [di pace] rimanga bilaterale e che il mondo non intervenga sui contenuti dei colloqui e li sostenga senza cercare di imporre soluzioni o di presentare soluzioni transitorie". Rimandata ad un incerto futuro, forse a Mosca nella primavera del 2009, l'iniziativa internazionale, Israele riacquista quindi lo spazio politico per riprendere l'iniziativa in Palestina, senza interferenze esterne.
L'11 novembre il premier israeliano Olmert dichiara che lo scontro con Hamas è inevitabile e il giorno seguente, a rafforzare il messaggio rivolto ad Hamas ed alla comunità internazionale, Israele attua un raid  che causa l'uccisione di altri quattro militanti di Hamas.
Il 23 novembre, Hamas, sempre su stimolo dell'Egitto, decide di sospendere i tiri di razzi e di riprendere il colloquio con Al-Fatah, ponendo come sola condizione che Israele riapra i passaggi nella striscia di Gaza.
L'8 ed il 9 dicembre, Israele raggiunge un altro fondamentale risultato sul piano internazionale, nel quale l'Unione Europea, sotto la presidenza di turno francese, assume, nel particolare momento in cui si colloca, cioè a dire dopo il nulla di fatto di Sharm-el-Sheik e le azioni di rottura israeliane a Gaza, una valenza particolarmente grave. Infatti i Ministri degli Esteri della UE approvano una dichiarazione intitolata 
Council Conclusions Strengthening of the EU bilateral relations with its Mediterranean partners - upgrade with Israel.
La prima cosa davvero singolare di questo avvenimento è che il documento viene approvato dai Ministri europei senza tenere in considerazione il fatto che pochi giorni prima, il 5 dicembre, il Parlamento europeo, nonostante il personale intervento di Tzipi Livni, si fosse pronunciato contro il rafforzamento dei rapporti con Israele, proprio in considerazione della delicatezza della situazione a Gaza ("Israël devra attendre", 
Le Monde, La valise diplomatique, 5 dicembre 2008).
Ma davvero significativo è il contenuto dell'allegato tecnico al documento, nel quale sono indicate le principali attività derivanti dal rafforzamento del dialogo politico con Israele: regolari riunioni congiunte dei capi di Stati e di governo della UE e di Israele, privilegio accordato fino ad ora solo a Stati come Cina, Russia; intensificazione del dialogo fra Parlamenti; partecipazione degli esperti israeliani ai comitati UE sul processo di pace, diritti umani e lotta contro il terrorismo ed il crimine organizzato; colloqui informali sui problemi strategici e scambi in tema di diritti umani e antisemitismo; coinvolgimento di Israele nella politica estera, di sicurezza e di difesa (la cosiddetta Pesc) dell'UE, inserendo anche esperti israeliani nelle missioni extra-europee dell'Unione, in Africa e oltre. Dato poi che Israele non può partecipare alle attività del gruppo Asia nell'ambito delle Nazioni Unite, l'UE tenterà di inserire lo Stato ebraico nel "Gruppo occidentale e altri gruppi" (
Western European and other Groups, WEOG), in modo che Israele, come sua antica aspirazione, potrà essere presente in numerosi Consigli dell'organizzazione internazionale, tra cui quello di Sicurezza dell'Onu!
Israele registra quindi, grazie all'attivismo della Francia, un risultato di straordinaria importanza sul piano strategico, giacché in questo modo capitalizza un inedito rapporto privilegiato con l'Unione Europea, con implicazioni enormi per la sua proiezione internazionale, nell'area mediterranea e in quella mondiale. Insieme al non-risultato di Sharm-el-Sheik, Israele ha in questo modo raggiunto in pochi giorni un assetto internazionale straordinariamente favorevole, che gli lascia praticamente carta bianca nella gestione del problema Hamas e in generale dei Territori occupati.
Lo prova il fatto che il 14 dicembre lo Stato ebraico si può permettere di fermare e respingere all'aeroporto di Tel Aviv, nel generale silenzio dei principali media occidentali, il prof. Richard Falk, inviato speciale (
Special Rapporteur) delle Nazioni Unite, per conto delle quali, dopo una lunga permanenza nei Territori occupati, aveva steso in agosto un durissimo rapporto sulle violazioni del diritto internazionale compiute da Israele nei territori occupati della Palestina (il documento integrale è scaricabile QUI ).
Sulla base delle informazioni da lui raccolte fra il gennaio ed il luglio 2008, Falk aveva infatti affermato "l'evidenza di continue e deliberate violazioni da parte di Israele, nella sua occupazione del territorio Palestinese," della 
Quarta Convenzione di Ginevra relativa alla Protezione dei civili in tempo di guerra e del I protocollo addizionale di Ginevra del 1977 relativo alla protezione delle vittime di conflitti armati, ovverosia delle norme di base del diritto internazionale in materia di diritti umani delle popolazioni civili in occasione di conflitti armati.
Il 17 dicembre, giusto alla vigilia dello spirare della tregua, Israele lancia un altro attacco aereo contro Gaza, al quale Hamas risponde sparando otto razzi e cinque colpi di mortaio contro cittadine ebraiche nel Sud. Al tempo stesso, il portavoce ufficiale di Hamas, Ayman Taha, annuncia che, poiché Israele non sta più rispettando da novembre gli accordi sulla tregua, Hamas non intende rinnovare la tregua dopo la sua scadenza, le ore 6 del mattino del 19 dicembre.
Dal 4 novembre, intanto, Israele ha ucciso complessivamente almeno 18 palestinesi, principalmente ma non solamente guerriglieri, in varie operazioni, mentre Hamas ha lanciato circa 200 fra razzi e colpi di mortaio, senza provocare vittime.
Lo stesso 17 dicembre, a causa della ripresa delle ostilità, Israele chiude nuovamente i passaggi, impedendo all'UNRWA (l'organizzazione delle Nazioni Unite per i rifugiati) di consegnare il cibo destinato ai circa 750.000 Palestinesi assistiti nella striscia di Gaza.
I 20 dicembre la tregua non è stata rinnovata, dopo la scadenza del 19 dicembre, tuttavia Hamas, ancora una volta su proposta egiziana, si è dichiarata disponibile ad ulteriori ventiquattro ore di tregua, a condizione che Israele riapra i passaggi per gli aiuti umanitari e sembra disponibile a ridiscutere la possibilità di prolungare la tregua.
Israele come tutta risposta chiude i passaggi e lancia numerosi attacchi aerei contro diverse località della Striscia di Gaza: il 20 dicembre, nell'attacco contro Beith Lahiya, uccide un militante palestinese, Ali Hijazi, e ferisce quattro civili fra cui due bambini.
Il 21 dicembre l'Italia è direttamente in ballo, perché le autorità israeliane hanno bloccato la mensile distribuzione da parte dell'Autorità nazionale palestinese (Anp) a 47.000 famiglie dei fondi stanziati dall'Italia, pari a 20 milioni di euro, di cui 9,36 milioni sono destinati alle famiglie povere. I fondi che Israele ha bloccato servono a pagare gli assegni sociali destinati alla popolazione di Gaza, distribuiti dalla Ue e finanziati dal Governo italiano a circa 24 mila famiglie povere, che avrebbero dovuto ricevere il loro contributo mensile (
Il Messaggero, 22 dicembre 2008).
Non risulta che il governo italiano abbia elevato alcuna protesta per questa aperta violazione di accordi internazionali.
Il 22 dicembre, su proposta egiziana, Hamas decide, si osservi, unilateralmente una tregua di ventiquattro ore e non effettua più lanci di missili contro Israele, in attesa di un incontro fra Mubarak e Abu Mazen, previsto per il 23, e con Tzipi Livni, invitata al Cairo per il 25 dicembre. Prosegue intanto da parte israeliana il blocco delle frontiere, che esasperano il problema della sopravvivenza della popolazione della Striscia di Gaza.
Secondo notizie di stampa, tuttavia, a questa data, il premier uscente Olmert, Barak (Difesa) e la Livni (Esteri) "si sarebbero già messi d'accordo su tempi e modi di un'eventuale escalation che sarà preceduta da una campagna diplomatica e di stampa a livello internazionale" (
Il Messaggero, 23 dicembre 2008).
Un leader di Hamas, Mahmoud Zahar rilascia lo stesso giorno alla tv israeliana "Channel 10" una dichiarazione secondo la quale Hamas è pronta a rinnovare la tregua con Israele, dato che questo è "il prezzo da pagare per le vite dei Palestinesi", chiedendo in contropartita che tornino regolari le forniture di cibo ed elettricità e vegano cessate le azioni militari a Gaza e in Cisgiordania (
Associated Press, 23 dicembre 2008). Il giorno seguente, le dichiarazioni saranno ripetute ad altre agenzie di stampa, per esempio dallo stesso Mahmoud Zahar all'autorevole France Press (FP, 23 dicembre 2008) e da un altro portavoce di Hamas, Fawzi Barhoum, alla BBC britannica (BBC, 23 dicembre).
Nel frattempo Israele continua ad effettuare manovre con mezzi corazzati ai confini della Striscia di Gaza, iniziate il 22 dicembre. Il 23 dicembre poi Israele uccide in altri raid nella Striscia di Gaza tre militanti di Hamas e un quarto il 24 dicembre, Yahi Al-Shaaher, 23 anni, colpito insieme a tre altri palestinesi a Rafah, mentre riprendono i tiri di mortaio e di razzi da parte dei palestinesi contro Sderot. Così facendo, la possibilità di una ripresa della tregua e dello sviluppo di una qualsiasi trattativa è definitivamente sepolta.
Il colloquio al Cairo della Livni, il 25 dicembre, non serve ad altro che a ribadire le accuse contro Hamas, mentre il 26 dicembre Olmert dichiara alla televisione 
Al-Arabya che "non esiterà ad usare la forza di Israele per colpire Hamas e la Jihad islamica".
Con la copertura internazionale opportunamente predisposta nel frattempo, si apre lo spazio all'azione militare del 27 dicembre, alla quale da mesi il governo israeliano e le fonti di stampa internazionale ad esso collegate hanno gradualmente preparato l'opinione pubblica interna e mondiale, riversando la "colpa" della nuova offensiva su Hamas, come da esplicita direttiva che il ministro degli esteri dello Stato ebraico ha impartito a tutte le proprie sedi diplomatiche nel mondo.
Tuttavia, come in ogni operazione militare che si rispetti, la grande massa di informazioni diffuse attraverso i media ed i colloqui diplomatici in corso hanno attentamente preservato un certo margine di sorpresa all'azione militare israeliana: pare infatti, secondo il sito israeliano 
Debka specializzato in questioni strategiche e dotato di buone entrature negli ambienti militati dello Stato ebraico, che i dirigenti di Hamas siano stati rassicurati da almeno due elementi:
"1. Le notizie di stampa espressione di fonti ufficiali di Gerusalemme venerdì (26 dicembre) davano l'impressione che l'operazione militare principale approvata dal governo israeliano fosse stata disdetta per l'immediato, almeno finché il governo non fosse stato riconvocato per una nuova valutazione della situazione;
2. l'Egitto ha sviato Hamas, riportando l'informazione di fonte sicura secondo cui Israele non avrebbe attaccato di sabato".
Sono questi dunque i nudi fatti che mettono in chiara evidenza il fatto che lo Stato ebraico, a sessant'anni dalla propria costituzione, in un momento delicatissimo del quadro internazionale, ha semplicemente deciso di avviare una nuova sanguinosa operazione militare in Palestina, per risolvere il problema rappresentato dall'
entità ostile Hamas, in continuità con una strategia di potenza nel Medio Oriente e nel Mediterraneo che nei prossimi mesi potrebbe produrre effetti ancora più devastanti per gli equilibri mondiali: è difficile pensare infatti che la prova di forza avviata da Israele non abbia tenuto conto, nella sua pianificazione, dell'Iran.
di Alberto Terenzi

Cronologia dei principali eventi cruenti nei Territori palestinesi occupati da Israele


L’analisi comprende l’intero anno 2007 e il 2008 fino alla tregua fra Hamas e Israele (giugno 2008). Le notizie sono ricavate da fonti di stampa e possono quindi essere incomplete e presentare inesattezze ed errori. Sono stati prevalentemente indicati gli avvenimenti riguardanti la Striscia di Gaza, anche se sono ricordati alcuni dei principali eventi avvenuti nella Cisgiordania. Gli avvenimenti politici sono stati riportati solo quando necessari alla comprensione dei fatti: da questo punto di vista, la cronologia non ha alcun carattere di completezza.

 

2007

4 gennaio, proseguono gli scontri fra Hamas e Al Fatah nella Striscia di Gaza.

15 gennaio, due membri dei Comitati di resistenza popolare uccisi nella Striscia di Gaza dall’esercito israeliano.

24 gennaio, un palestinese disarmato ucciso a Kissufim, al posto di frontiera fra Striscia di Gaza e Israele.

25 gennaio, almeno 35 caduti negli scontri a Gaza fra Hamas e Al Fatah. Il giorno successivo alla proclamazione di una tregua, viene ucciso un membro di Hamas, Hussein al Shubassi.

4 febbraio, in cinque giorni sono caduti 28 palestinesi negli scontri a Gaza, dopo la rottura delle tregua fra Hamas e Al Fatah.

8 febbraio, Hamas e Al Fatah raggiungono alla Mecca, con la mediazione dell’Arabia Saudita, un accordo sulla formazione di un governo di unità nazionale. Il ministro Olmert ha minacciato di boicottare il nuovo esecutivo se esso non accoglierà tutte le richieste del Quartetto per il Medio Oriente.

21 febbraio, l’esercito israeliano uccide il capo dell’ala militare della Jihad islamica a Jenin, Mahmud Qassem Abu Obeid.

28 febbraio, tre attivisti della Jihad islamica uccisi dai soldati israeliani nella città di Jenin.

12 marzo, nella Striscia di Gaza viene rapito il giornalista della Bbc alan Johnston (il 15 aprile il rapimento verrà rivendicato da un gruppo palestinese sconosciuto).

14 marzo, accordo fra Hamas a Al Fatah sul nuovo governo di unità nazionale (nove ministeri a Hamas e sei a Fatah). Israele ha ribadito la sua posizione.

17 marzo, il nuovo governo, guidato da Ismail Haniyeh di Hamas entra in carica. Israele proclama il boicottaggio totale finché Hamas non riconoscerà esplicitamente lo Stato ebraico.

21 marzo, un commando armato rapisce Adham al Sufi, professore all’università islamica di Gaza.

27 marzo, due miliziani delle brigate dei martiri di Al Aqsa uccisi a Nablus dall’esercito israeliano.

28 marzo, un membro della Jihad islamica ucciso dai soldati israeliani a Jenin.

4 aprile, raid israeliano contro Beit Hanun nella Striscia di Gaza: uccisione di un membro della Jihad islamica, Ramez Awad al Zaanin.

7 aprile, un raid aereo israeliano nella Striscia di Gaza uccide un membro del Fronte democratico di liberazione della Palestina, Fuad Nabil Maaruf.

15 aprile, due palestinesi caduti negli scontri tra gruppi rivali a Khan Yunis nel sud della Striscia di Gaza.

17 aprile, un membro delle Brigate dei martiri di Al Aqsa, Ashraf Hanaysha, viene ucciso dall’esercito israeliano nella striscia di Jenin, nel nord della Cisgiordania.

21 aprile, tre militanti palestinesi, un poliziotto ed una giovane di 17 anni sono uccisi dall’esercito israeliano a Jenin, in Cisgiordania. Un militante della Jihad islamica viene ucciso a Jabalya, nella Striscia di Gaza.

22 aprile, due membri delle Brigate dei martiri di Al Aqsa vengono uccisi a Nablus, in Cisgiordania.

24 aprile, a causa delle operazioni israeliane a Gaza e a Cisgiordania, che hanno provocato nove caduti fra i Palestinesi,  le Brigate Ezzedin al Qassam, organizzazione armata di Hamas, dichiarano la rottura del cessate il fuoco proclamato in vigore dal novembre 2006 e rivendicano lanci di razzi contro il sud di Israele.

28 aprile, tre militanti delle Brigate Ezzedin al Qassam vengono uccisi dall’esercito israeliano nella Striscia di Gaza.

16 maggio, almeno 38 palestinesi cadono negli scontri fra Hamas e Al Fatah a Gaza: le violenze scoppiano dopo il raggiungimento di un accordo fra Abu Mazen e Ismail Haniyeh per un piano di sicurezza nei Territori occupati. Lanci di razzi Qassam contro Sderot. Tre palestinesi caduti a seguito di due raid israeliani nella Striscia di Gaza.

19 maggio, le fazioni palestinesi raggiungono una tregua, dopo nove giorni di scontri, che hanno provocato 50 vittime nella Striscia di Gaza.

23 maggio, 36 caduti palestinesi nella Striscia di Gaza, a seguito di una serie di raid aerei israeliani contro Hamas. I razzi lanciati dai gruppi palestinesi uccidono una donna israeliana a Sderot.

24 maggio, l’esercito israeliano arresta trenta membri di Hamas in Cisgiordania, tra cui il ministro dell’istruzione Nasser al Shaer e alcuni deputati.

27 maggio, il governo israeliano ha ordinato ulteriori raid aerei nella Striscia di Gaza: dal 16 maggio sono caduti 50 palestinesi e 2 israeliani uccisi dai razzi a Sderot.

1 giugno, due palestinesi di 12 e 13 anni sono stati uccisi dall’esercito israeliano vicino all’ex insediamento ebraico di Dugit nel nord della Striscia di Gaza.

9 giugno, un palestinese caduto in un attacco contro una postazione militare in territorio israeliano vicino alla Striscia di Gaza.

13 giugno, 67 palestinesi caduti negli scontri fra Hamas e Al Fatah nella Striscia di Gaza.

18 giugno, Hamas assume il controllo della Striscia di Gaza.

27 giugno, nove palestinesi uccisi e più di quaranta i feriti nelle operazioni militari condotte da Israele nel nord della Striscia di Gaza; tra i caduti, Raed Fanuna, uno dei leader della Jihad islamica.

30 giugno, sette caduti palestinesi a seguito di due raid aerei israeliani nella Striscia di Gaza, tra cui Ziad al Ghanam, uno dei leader delle brigate al Quds, ala militare della Jihad islamica.

5 luglio, undici miliziani palestinesi, tra cui sei membri di Hamas, uccisi in una serie di raid israeliani nella Striscia di Gaza.

20 agosto, sei miliziani di Hamas caduti in un raid israeliano a Gaza.

21 agosto, due bambini uccisi da soldati israeliani nella Striscia di Gaza.

22 luglio, due membri di Hamas e due della Jihad islamica caduti nei raid israeliani nella Striscia di Gaza.

25 agosto, due miliziani palestinesi provenienti dalla Striscia di Gaza caduti in un attacco in territorio israeliano; quattro palestinesi uccisi dai soldati israeliani nella Striscia di Gaza (un palestinese ed un arabo-israeliano in Cisgiordania).

29 agosto, due bambini palestinesi uccisi dall’esercito israeliano a Jabalya, Gaza.

6 settembre, sei miliziani palestinesi uccisi dai soldati israeliani nell’attacco ad un avamposto dell’esercito nella Striscia di Gaza.

11 settembre, 69 soldati israeliani feriti dall’esplosione di un razzo Qassam nella base di Zikim, vicino ad Ashkelon.

19 settembre, il governo israeliano dichiara la Striscia di Gaza controllata da Hamas entità ostile.

26 settembre, sette palestinesi uccisi dall’esercito israeliano nel nord della Striscia di Gaza.

17 ottobre, un soldato israeliano ed un membro di Hamas caduti nei combattimenti nella zona sud della Striscia di Gaza.

18 ottobre, quattro palestinesi caduti negli scontri a Gaza fra le forze di sicurezza di Hamas e seguaci di Al Fatah.

25 ottobre, il governo israeliano inasprisce le sanzioni contro la popolazione della Striscia di Gaza; i tagli alle forniture di carburante ed elettricità sono sospesi su richiesta del procuratore generale dello Stato ebraico Menachem Mazuz.

29 ottobre, quattro miliziani di Hamas caduti in un raid aereo israeliano a Khan Yunis, Gaza.

12 novembre, la polizia di Hamas spara sulla folla a Gaza, durante una manifestazione organizzata da Al Fatah: sette caduti. Oltre duecento gli arresti.

20 novembre, tre miliziani palestinesi uccisi dai soldati israeliani nella Striscia di Gaza.

27 novembre, conferenza di Annapolis, durante la quale Ehud Olmert e Abu Mazen si impegnano ad arrivare ad un accordo di pace entro la fine del 2008.

27 novembre, a Hebron, la polizia palestinese di Al Fatah reprime con la forza in Cisgiordania una manifestazione contro la conferenza di Annapolis. Un caduto e 35 feriti.

4 dicembre, tre miliziani di Hamas uccisi da un raid aereo israeliano nella Striscia di Gaza.

11 dicembre, sei miliziani di Hamas caduti in una serie di raid israeliani nella Striscia di Gaza.

18 dicembre, tredici militanti palestinesi caduti in una serie di raid israeliani nella Striscia di Gaza, fra i quali il capo militare della Jihad islamica, Majed al Harazin.

 

2008

1 gennaio 2008, otto palestinesi uccisi negli scontri fra i sostenitori di Hamas e Al-Fatah nella striscia di Gaza.

3 gennaio 2008, raid aerei israeliani e distruzione di case nella zona settentrionale della striscia di Gaza: undici palestinesi uccisi, fra cui due donne.

15 gennaio, diciassette palestinesi uccisi da un raid dell’esercito israeliano ad Al Zeitoun, nella striscia di Gaza; Hamas lancia razzi e colpi di mortaio contro Sderot provocando quattro feriti leggeri fra i civili israeliani; due palestinesi sono uccisi in un attacco dell’esercito israeliano a Beit Hanoun.

16 gennaio, il leader della Jihad islamica Walid Obeidi viene ucciso dall’esercito israeliano vicino a Jenin, nella Cisgiordania.

17 gennaio, il governo israeliano decreta la chiusura di tutte le frontiere intorno a Gaza.

20 gennaio, chiusura per mancanza di carburante della centrale elettrica di Gaza.

23 e 25 gennaio, abbattimento di parte del muro divisorio della frontiera fra Gaza e l’Egitto, per permettere a decine di migliaia di palestinesi di approvvigionarsi in Egitto, per poi rientrare nella Striscia.

27 febbraio, cinque membri dell’ala militare di Hamas uccisi in un raid aereo nella città di Khan Yunis nella striscia di Gaza. Un israeliano ucciso a Sderot da un razzo Qassam lanciato dalla striscia di Gaza.

3 marzo, inizio di una offensiva israeliana nella striscia di Gaza, in risposta alla morte dell’israeliano caduto a Sderot: in totale si contano 123 vittime fra i palestinesi, delle quali almeno la metà sono civili; si tratta della più sanguinosa offensiva da otto anni.

12 marzo, il leader di Hamas, Ismail Haniyeh propone ad Israele un cessate il fuoco, a condizione che lo Stato ebraico sospenda le sanzioni economiche e riapra le frontiere.

4 aprile, due israeliani e due palestinesi cadono in un attacco al posto di frontiera di Nahal Oz nella striscia di Gaza.

9 aprile, cinque palestinesi uccisi per rappresaglia dall’esercito israeliano; un soldato israeliano ed un palestinese sono caduti in un raid dell’esercito nel sud della striscia di Gaza.

16 aprile, uccisione di tre soldati israeliani nei pressi del posto di frontiera di Nahal Oz; nella rappresaglia da parte dell’aviazione israeliana cadono almeno nove persone, tra cui alcuni bambini ed un cameraman dell’agenzia Reuters.

18 aprile, tre militanti di Hamas sono uccisi nell’attacco al posto di frontiera di Kerem Shalom, nella striscia di Gaza.

23 aprile, il governo israeliano autorizza la consegna di un milione di litri di gasolio per la centrale elettrica di Gaza, dove sono quasi esaurite le scorte di carburante; le NU comunicano che in assenza di rifornimenti dovranno sospendere le attività umanitarie in atto a Gaza.

27 aprile, una donna palestinese ed i suoi quattro figli sono uccisi nel corso di un raid israeliano nella Striscia di Gaza.

14 maggio, un razzo di Hamas lanciato da Gaza causa decine di feriti in un centro commerciale di Ashkelon.

5 giugno, un israeliano del kibbutz di Nir Oz viene ucciso da un razzo Qassam lanciato dalla striscia di Gaza; nella rappresaglia l’esercito uccide una bambina di quattro anni; il premier Olmert minaccia un’offensiva su larga scala.

di Clarissa (a cura di A.T.)

Link: http://clarissa.it/ultimora_nuovo_int.php?id=88

Hamas: la nostra terra diventerà il vostro cimitero


Sul far della sera, all'ottavo giorno dell'operazione 'Piombo fuso', le truppe israeliane sono penetrate nella Striscia di Gaza.
Decine di cingolati e centinaia di uomini sono entrati in territorio palestinese in quella che è stata definita da Olmert la seconda fase della guerra, nella quale sono gia iniziati i primi scontri a fuoco tra le truppe israeliane e i miliziani palestinesi di Hamas. Il ministero della Difesa ha richiamato altre migliaia di riservisti oltre ai 6.500 già mobilitati da giorni. Testimoni riferiscono che i carri armati israeliani hanno iniziato a sparare contro le postazioni di Hamas che ha risposto con colpi di mortaio. L'ufficio del primo ministro Ehud Olmert ha ribadito che l'obiettivo dell'offensiva è assumere il controllo delle postazioni di lancio dei razzi Qassam e distruggere le infrastrutture di Hamas. L'ingresso delle truppe di Tel Aviv nella Striscia è avvenuto da nord. Nel pomeriggio una moschea era stata colpita dall'aviazione provocando la morte di decine di fedeli in preghiera. La prima vittima dell'offensiva di terra è un bambino, ucciso dalla cannonata di un tank israeliano, che ne ha feriti una decina, secondo testimoni e fonti mediche. Finora, secondo fonti non confermate, sarebbero diverse decine i miliziani di Hamas uccisi. Nelle operazioni, in corso di svolgimento, è stato colpito anche il compound della Jihad islamica. Marina e aviazione continuano incessanti a martellare la Striscia.

Le avvisaglie dell'escalation militare si erano verificate già nel pomeriggio, quando l'artiglieria israeliana aveva cominciato a bombardare da terra la Striscia, secondo alcuni per liberare il terreno dagli ordigni esplosivi lasciati dai militanti di Hamas. Ancora non si conosce l'entità dell'offensiva, e se questa sarà di breve durata e solo nelle zone periferiche dove sono dislocate le installazioni dei razzi Qassam, ma l'offensiva "non sara' una passeggiata e durerà per molti lunghi giorni". Lo ha spiegato il generale Avi Benayahu al secondo canale della tv israeliana. L'esercito ha ribadito che i civili residenti nella Striscia "non sono l'obiettivo dell'offensiva" ma "chiunque sara' sorpreso a nascondere un terrorista o un'arma nella sua casa sara' considerato (a sua volta) un terrorista". Israele "pagherà un pesante tributo" per la sua operazione a Gaza. Lo ha detto stasera il movimento estremista islamico che controlla la Striscia di Gaza, che ha anche riferito come la Striscia di Gaza diventerà 'un cimitero' per i soldati israeliani.

Con il bombardamento della moschea di Beit Lahya è salito ad almeno 460 il numero dei palestinesi rimasti uccisi a Gaza nel corso dell'operazione 'Piombo Fuso'. Lo riferiscono fonti mediche locali. I feriti sono stimati in oltre 2.300. Queste cifre non includono tuttavia le vittime dei combattimenti delle ultime ore, seguite all'invasione terrestre da parte delle forze israeliane di diverse zone nella striscia di Gaza. A quanto risulta sono in corso duri combattimenti in diverse località di Gaza, ma finora non è stato possibile valutare il numero delle nuove vittime. "Azione difensiva e non offensiva": così la nuova presidenza di turno ceca dell'Unione europea ha definito, in quella che appare come una dichiarazione rivelatrice della posizione di Praga sul conflitto, l'inizio delle operazioni di terra a Gaza dell'esercito israeliano. Una missione dell'Unione europea, guidata dal ministro degli Esteri ceco Karel Schwarzenberg, arriva domani in Medio Oriente, mentre lunedì è atteso il presidente francese Nicholas Sarkozy. Il presidente palestinese Abu Mazen ha condannato la operazione militare sferrata oggi da Israele a Gaza. Lo ha detto alla stampa il negoziatore Saeb Erekat secondo cui l'Anp chiede la convocazione urgente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per fermare gli spargimenti di sangue.

di Luca Galassi

Link: http://it.peacereporter.net/articolo/13479/Gaza,+cominciata+offensiva+terrestre


Nella striscia è battaglia


Dopo otto giorni di bombardamenti aerei e uno di martellamento con l'artiglieria pesante che ha causato nuove stragi di civili a Gaza, l'operazione "Piombo fuso" passa alla seconda fase. Intorno alle 20 (ora locale) è iniziato l'attacco di terra. I carri armati di Israele hanno varcato il confine e sono penetrati nella Striscia da due località a nord, nei pressi di Beit Lahiya: proprio dove nel pomeriggio è stata colpita una moschea piena di fedeli, con 16 morti e molti feriti. In serata, nei combattimenti a terra i morti tra i palestinesi sono già decine e anche Hamas fa sapere di aver ucciso diversi militari israeliani.  Una situazione sempre più preoccupante, che ha spinto l'Onu a convocare una riunione d'emergenza del Consiglio di Sicurezza che si svolge nella notte a New York. E il segretario delle Nazioni Unite Ban Ki-Moon è già intervenuto con decisione. In una telefonata con il premier israeliano Olmert ha manifestato "preoccupazione e delusione" per l'attacco, ha chiesto a Israele di garantire la sicurezza della popolazione civile della Striscia. Poi, in una dichiarazione pubblica, il segretario generale ha chiesto direttamente di sospendere subito le operazioni: "Ban Ki-moon è convinto - ha detto un portavoce - che questa escalation renderà inevitabilmente ancora più grave la già pesante situazione in cui si trova la popolazione civile. Il segretario generale ha ribadito l'appello per una fine immediata delle operazioni di terra - si legge nella dichiarazione - e ha chiesto a Israele di fare tutto il possibile per garantire la protezione dei civili e per fare in modo che aiuti umanitari possano raggiungere coloro che necessitano di assistenza". 
Nel frattempo, il dipartimento di Stato degli Usa è tornato a ribadire la necessità di un immediato cessate-il-fuoco e ha chiesto al governo israeliano di "tener conto delle potenziali conseguenze dell'azione militare sui civili".  Annunci incrociati. Intanto, gli scontri a Gaza non sembrano destinati a fermarsi: il ministro della difesa israeliano Ehud Barak ha detto che l'offensiva di terra nella Striscia "non sarà né facile né breve". E il movimento islamico ha risposto con durezza, assicurando che centinaia di kamikaze sono già pronti a colpire: "Per Israele sarà un cimitero", ha detto Hamas. Mentre dal Libano, il leader di Hezbollah Nasrallah ha incitato Hamas a "uccidere il più alto numero di soldati israeliani possibile". "Israele si è assunto la piena responsabilità delle conseguenze dell'offensiva", ha affermato invece il presidente dell'Anp Abu Mazen, lasciando trapelare la possibilità di una sospensione dei negoziati di pace.  Opinioni diverse nella Ue. Sul fronte internazionale, si profila invece una divergenza all'interno dell'Unione Europea: dopo che la Repubblica Ceca, dal primo gennaio presidente della Ue, ha fatto sapere di considerare l'azione di terra "difensiva e non offensiva", la Francia si è distanziata, condannando sia Israele sia Hamas. In seguito, però, per bocca del ministro degli Esteri ceco Karel Schwarzenberg, è arrivata una parziale correzione da parte di Praga: "Il diritto inalienabile di uno Stato a difendersi non lo autorizza a compiere azioni che coinvolgono massicciamente i civili", ha dichiarato il capo della diplomazia ceca, chiedendo anche una tregua alle ostilità. In serata il ministro degli Esteri spagnolo Miguel Angel Moratinos ha chiamato al telefono Abu Mazen per esprimergli "solidarietà e sostegno", mentre il suo omologo inglese David Milliband ha chiesto un immediato cessate il fuoco.  Gli Usa: "Cessate-il-fuoco immediato"Stasera anche il dipartimento di Stato americano è intervenuto sulla questione mediorientale, chiedendo una tregua immediata. Il messaggio rivolto dagli Usa a Israele è di tener conto delle conseguenze dell'offensiva militare sui civili. "Siamo molto preoccupati della situazione umanitaria a Gaza", hanno detto gli Usa, ribadendo però che Hamas "tiene in ostaggio" la popolazione della Striscia. 
Battaglia nella Striscia. Le truppe dell'Idf avanzano appoggiate da elicotteri d'attacco. Pesanti combattimenti sono scoppiati in diverse località della Striscia di Gaza. "Vogliamo ripulire lezione da cui partono i missili contro la popolazione civile israeliana. Non sarà una gita scolastica", avevano subito detto i militari di Tel Aviv e Hamas aveva risposto duramente: "Israele pagherà cara questa scelta. Abbiamo già ucciso militari israeliani". Fonti mediche palestinesi hanno fatto sapere che la prima vittima delle truppe di terra israeliana è stato un bambino. Non si ferma nemmeno i raid: in serata l'esercito israeliano ha bombardato un deposito di petrolio a Beit Lahiya, nel nord della Striscia di Gaza, provocando un incendio di vaste proporzioni.  La strage nella moschea. Oggi, mentre in molte città europee la gente è scesa in piazza per protestare con i raid a Gaza, la giornata di guerra era cominciata con i tiri di artiglieria pesante. Il secondo gradino della strategia israeliana che cerca di colpire militanti e leader di Hamas e di distruggere i luoghi dove, secondo il Mossad, i miliziani islamici nascondono armi o dai quali tirano sulle città israeliane di confine con i missili Qassam. Nel pomeriggio, alcuni proiettili di cannone si sono abbattuti sulla moschea di Behit Lahya, nel nord della Striscia: almeno 16 i morti e decine i feriti. Per Israele, il luogo sacro era in realtà un deposito militare, per i palestinesi si tratta di un nuovo, terribile "massacro di civili. Una vera e propria strage con diversi bambini tra le vittime". A lungo si è parlato anche di un'altra moschea sotto attacco, quella di Jabaliya con una decina di morti. E le agenzie di tutto il mondo ne hanno dato notizia. Fonti Onu hanno poi fatto sapere che c'era stata un'erronea sovrapposizione di nomi e di luoghi. Allo stato resta confermata solo la strage di Behit Lahya.  Uccisi altri dirigentidi HamasAltri due leader del movimento islamico sono morti oggi. Nel pomeriggio è stato ucciso il comandante Mohammed Maaruf, colpito mentre viaggiava su un'auto a Khan Yunis. Questa mattina era stato ammazzato Abu Zakaria al-Jamal, importante leader dell'ala militare di Hamas, le Brigate al Qassam. 
Fonte: la Repubblica

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori