martedì 17 febbraio 2009

"L'anonimo sardo"



Ugo Cappellacci è il nuovo governatore della Sardegna. Il candidato Pdl, sostenuto e coccolato da Silvio Berlusconi durante la lunga campagna elettorale ha battuto il presidente uscente Renato Soru. A poco meno di duecento sezioni ancora da scrutinare (1.697 su 1.812) il vantaggio è di oltre otto punti percentuali (51,86% a 42,92%). Soru ha ammesso la sconfitta: "Ho chiamato Ugo Cappellacci per augurare buon lavoro a lui e alla Sardegna per i prossimi cinque anni". 

Un altro pesante ribaltone, dunque, (il secondo in pochi mesi dopo quello in Abruzzo) del centrodestra sul centrosinistra. Una vittoria che Berlusconi si annette quasi totalmente: "Ci ho messo la faccia - ha detto già dopo i primi risultati nella notte - Non potevo perdere...". 

Il crollo del centrosinistra. Ma per il centrosinistra la riflessione si fa ancora più dura se si guarda la differenza tra i voti di lista e quelli del candidato: Renato Soru ha conquistato quasi cinque punti in più della sua coalizione, mentre Cappellacci ne ha presi esattamente cinque in meno. Un disastro: alle politiche dell'anno scorso, Pd e Idv insieme conquistarono il 40,2% finendo sconfitti di poco meno di 3 punti: Pdl e Mpa presero, insieme, il 43,1%. 

E' pur vero che, questa volta, insieme al Pdl si è schierato l'Udc che, alle politiche prese il 5,6%, ma col centrosinistra, oggi, c'erano Rifondazione e Pdci che alle politiche, come Sinistra Arcobaleno, raggiunsero il 3,1%. Insomma, a farla breve, la differenza tra le due coalizioni sale al 17 per cento. All'interno di ciascuna, poi, diversi i movimenti significativi. Il Pd scende di undici punti dal 36,2% al 25%, mentre l'Idv sale dal 4% al 5,1%. Nel centrodestra anche il Pdl cala in modo significativo passando dal 42,4% delle politiche al 30,67%. Calo ampiamente recuperato dai Riformatori (6,86%) e dall'Udc che porta alla coalizione addirittura l'8,96%. 
Il breve testa a testa. Una vittoria che, nelle ultime settimane, non sembrava così certa. Sondaggi più o meno segreti parlavano di un recupero deciso di Soru e del centrosinistra e davano per sicuro un testa a testa che, invece, si è verificato solo fino a circa 200 sezioni scrutinate su 1.812. Poi, a poco a poco, mentre arrivavano i voti di Cagliari e Oristano, Cappellacci ha preso il largo ed è salito oltre il 50%. Poi, grazie al nuorese, Soru (che nel 2204 era arrivato al 50,2%) ha recuperato qualcosa. Non abbastanza, però. E, così, il centrosinistra si trova a riflettere su un'altra pesante sconfitta. 

Il travaglio nel Pd. Una sconfitta che, ovviamente, pesa anche di più sul Partito Democratico e le sue già travagliatissime vicende interne. Walter Veltroni ha sempre ripetuto che il voto sardo non era un referendum tra lui e Berlusconi ma una sfida regionale, gestita in prima fila da Renato Soru che ha sempre voluto carta bianca sia dal Pd, commissariato dopo lo scioglimento della giunta, sia dagli altri partiti della coalizione. Ma tutti al vertice dei democratici sono coscienti che una sconfitta non può che allargare le fratture interne e accelerare una fase congressuale cominciata nei fatti dopo la discesa in campo di Pier Luigi Bersani. 

L'ottimismo iniziale è scemato quando, racconta un dirigente del Pd, "si è capito che a Sassari e a Nuoro, tradizionalmente più vicine a noi, si era vinto ma con un vantaggio stretto". Non sufficiente, quindi, a bilanciare i voti di Cagliari, dove il Pdl è più forte. Ma c'è un altro dato che, man mano che le sezioni scrutinate aumentavano, ha preoccupato i big del Pd, cioè i consensi del Pd intorno al 25%, ovvero undici punti sotto il risultato delle politiche (36,2%). 

Perchè tra le varie sfaccettature del voto sardo c'è anche la polemica sotterranea che ha atraversato il rapporto tra Soru e il Pd, con la possibile scesa in campo per puntare alla segreteria del partito sull'onda anche della vittoria dell'outsider Matteo Renzi alle primarie fiorentine rispetto al candidato del partito. Una possibilità che va ora rivalutata alla luce della sconfitta. 

Da oggi si faranno i conti. Con tutti gli aspetti del voto sardo si cominceranno a fare i conti. Quello che è certo è che Veltroni non ha alcuna intenzione nè di mollare ma nemmeno di continuare a farsi logorare fino alle europee. Per questo, anche se il congresso non sarà anticipato, come pensano in molti, sarà da rivedere lo schema della conferenza programmatica e magari anche l'assetto del vertice del partito, anche se "ora - spiega un dirigente - i primi a non avere più interesse a fare un comitato di emergenza sono critici e sfidanti, ormai sincronizzati sui tempi previsti del congresso ad ottobre per tirare lì le somme della gestione veltroniana". 
Fonte: la Repubblica

La vittoria del popolo venezuelano


Il presidente ha vinto con dieci punti di scarto la consultazione sul quesito referendario che gli dà il via libera alla rielezione senza limiti temporali, e ha già annunciato che si ripresenterà alle presidenziali del 2012. Il successo politico conseguito dal ''rivoluzionario socialista'' rafforza anche l'alleanza nella Regione.

Era in gioco il suo "destino politico" - aveva precisato ieri pomeriggio il presidente Hugo Chavez riferendosi alla consultazione referendaria che ha impegnato ieri il Venezuela su un quesito costituzionale - e ha vinto su tutta la linea. L'annuncio ufficiale è arrivato stamattina alle tre di notte ora italiana. Con dieci punti di scarto tra i "sì" e i "no", il presidente venezuelano si aggiudica la vittoria al referendum che gli dà il via libera alla rielezione senza limiti temporali, estendendola anche a governatori, sindaci, consiglieri municipali e parlamentari. Una vittoria che ha premiato "la costanza, la verità non la menzogna, la dignità del popolo" ha detto Chavez, che ha ribadito il proprio "impegno nei confronti del socialismo, quello vero, la rivoluzione socialista". Il presidente, il cui mandato scade nel 2012, ha già preannunciato che si ripresenterà alle prossime elezioni presidenziali "a meno che Dio non disponga un'altra cosa".

Grande festa per le vie di Caracas, lancio di petardi, folla nelle strade e il presidente vittorioso che si affaccia dal balcone del "Palazzo Miraflores" - sede della presidenza - dal quale tiene un lungo discorso a tutto tondo, spaziando dall'analisi politica ai ricordi familiari, passando per citazioni letterarie (tra cui Borges) e canti, fino ad intonare "El pueblo unido jamas serà vencido". Molti tra la folla coloro che indossano la camicia rossa del "socialismo chavista". 
Nel discorso della vittoria il presidente ha preannunciato che l'anno a venire sarà caratterizzato - dal punto di vista economico - dall'aggiustamento e consolidamento delle conquiste finora realizzate. Il Venezuela di oggi, accanto al risultato molto positivo di un abbassamento dell'indice di povertà dal 50% al 30% della popolazione, subisce una brusca frenata nella sua crescita a causa del calo del prezzo del petrolio e dell'inflazione superiore al 30% annuo.

Il primo a congratularsi per la vittoria Fidel Castro, che "dieci secondi" dopo l'annuncio ufficiale ha inviato un messaggio a Caracas in cui parla della vastità del successo dell'amico che ha avuto "una dimensione tale da non poter essere misurata". il responso delle urne, espresso ufficialmente dal presidente del Consiglio elettorale nazionale (Cne), Tibisay Lucena, riporta che i voti a favore sono stati il 54,3% contro il 45,63% dei "no" - in cifre assolute 6.003.594 elettori a favore, contro 5.040.082 dell'opposizione - e, secondo i dati provvisori, l'astensione registrata si è mantenuta al 32,95%. Un buon risultato perché ben al di sotto del 41,1% riferito al referendum che si è avuto nel Paese il 2 dicembre 2007 sulla trasformazione socialista del Venezuela, in cui Chavez ha perso per un soffio. Inoltre va considerato come il rafforzamento di Chavez dovuto al passaggio di questo referendum valichi i confini del Paese per avere degli effetti anche nella Regione: la preponderanza dei "sì" rafforza anche l'alleanza tra i paesi amici Cuba, Bolivia e Ecuador.

Si tratta dunque di un grande risultato politico - che come ha ricordato Chavez nel suo discorso è vittoria "del popolo e della rivoluzione" socialista - che corrisponde al riscatto dei poveri e dei diseredati contro le classi abbienti (tutte schierate contro il presidente) in un contesto nazionale caratterizzato da una profonda spaccatura sociale, in cui gli elettori favorevoli a Chavez ricordano come egli si sia speso per i poveri associandoli al potere con la lotta di classe, mantenendo bassi i prezzi degli alimentari e permettendo istruzione e accesso alle cure mediche, mentre i suoi detrattori sostengono che il suo potere, già troppo esteso, diventerà incontrollabile dopo l'abolizione del limite dei dodici anni di mandato istituito nel 1999.

Le consultazioni si sono comunque svolte in un clima tranquillo e l'opposizione ha ammesso subito la sconfitta. "Siamo sicuri che la storia ci darà ragione - ha dichiarato a caldo il leader dell'opposizione studentesca, David Smolansky - e "che i leader solitari, personali sono sbagliati e che le leadership collettive possono fare la differenza".

di Manuela Bianchi

Link: http://www.aprileonline.info/notizia.php?id=11027

Chavez, "hasta siempre"!


Hugo Chavez. Il nome del presidente bolivariano del Venezuela sembra destinato a rimanere scritto ancora per lungo tempo negli annali del Paese. L'emendamento alla Costituzione prevede la rielezione a tempo indefinito per Chavez, riuscendo là dove il referendum costituzionale aveva fallito il 2 dicembre del 2007.

I numeri. Sono particolarmente importanti. Hanno votato a favore il 54,36 percento, contro il 45,63.
In numeri assoluti, sono 6.003.594 voti contro 5.040.082. 
L'astensione: 32,95 percento.

I numeri sono molto importanti perchè dicono due cose, sulle altre. La prima: Hugo Chavez ha vinto, con il riconoscimento formale delle opposizioni, su una modifica essenziale della Costituzione. Ma si deve ricordare che nel 2007 la posta in gioco era più alta: oltre alla questione dello sfondamento delle norme costituzionali sul numero dei mandati a disposizione del presidente, il quesito conteneva anche una pesante riforma delle regole sulla proprietà privata. 
"Un dato che in queste ore sembra sparito dalle analisi - dichiara a PeaceReporter il presidente dell'Icei Alfredo Somoza - mentre giova ricordare come il disfacimento della proprietà privata ipotizzato nella riforma costituzionale bocciata per una manciata di voti era stato letto allora come la vera chiave di volta del rifiuto dell'elettorato al referendum voluto da Chavez". Una gran parte del ceto medio avrebbe reagito negativamente.

La seconda osservazione che parte dai numeri: il 54 percento è un risultato che dovrebbe preoccupare l'inquilino di Palazzo Miraflores. Per due motivi: il primo è che si sta assottigliando, nonostante le campagne elettorali capillari e molto appassionate, il consenso di cui godeva e ha goduto fino a ora il presidente. Con un'opposizione incapace di scalfirlo perché disunita, ma che vede 'solo' un milione di voti di distanza dal bersaglio grosso. Il secondo motivo sta nelle critiche 'da sinistra' che circolano in Venezuela, già da alcuni anni. Esistono circoli intellettuali, accademici che criticano Chavez perché ritengono la sua politica, fondata sul mito della personalità, una strategia debole nel costruire solide basi che restino a lungo nella repubblica bolivariana. È già successo una volta(in quel caso era un golpe, poi sventato): se Chavez scomparisse di colpo dalla scena politica del Venezuela ? Cosa rimarrebbe delle grandi politiche sociali, senza un partito capace di proseguire perchè orfano della guida carismatica?

L'ultimo elemento che dovrebbe preoccupare Chavez, che si sta gustando la vittoria e pianifica il proprio operato per i prossimi dieci anni almeno, è la crisi economica e la recessione internazionale. Non è indifferente passare da un barile di greggio oltre i 100 dollari a quotazioni che lo danno a 35. Se la speculazione finanziaria globale sulle materie prime ha portato montagne di dollari nelle casse della rivoluzione bolivariana, adesso è il momento di fare i conti a bolla sgonfia. Un passaggio delicato, anche per chi vende petrolio agli Usa, proprio quando il neo presidente Barack Obama non ha fatto mistero di voler diminuire la propria dipendenza sull'approvigionamento di materie prime.

di Angelo Miotto

Link: http://it.peacereporter.net/articolo/14258/Hasta+siempre+Comandante%3F

La "Crisi", una spada di Damocle sospesa


L’aria che si respira, durante la riunione sindacale della CGIL, è pesante. Non si parla solo della frattura sindacale con CISL ed UIL, dei contratti di carta straccia, di leggi e leggine, le quali piovono sulla scuola come coriandoli in uno scenario che, di Carnevale, non ha nulla.
C’è il segretario provinciale, che tratteggia la situazione e sciorina dati: la cassa integrazione è triplicata in breve tempo, ed anche coloro i quali sono privi di qualsiasi protezione sociale aumentano, compresi i precari della scuola che rimarranno a spasso. Un camposanto.
Anche le frecciate sul piccolo ministro della Funzione Pubblica rimangono sullo sfondo, poiché la domanda che aleggia nell’aria – inespressa ma presente sui volti – è la stessa: dove andremo a finire?

I dati sul reale impatto della crisi economica si susseguono e s’accavallano: ciascuno cita una cifra più alta di quella del giorno prima, mentre il governo ha scelto la strada d’urlare più forte per tacitare i brusii. Se non basta proclamare 
urbi et orbi che esiste il traffico d’organi, si monta subito una bella disfida di Barletta su Eluana. Domani? Speriamo che il solito rumeno ne combini qualcuna, altrimenti siamo spiazzati. Ci salverà il Grande Fratello, ma è un’ancora di salvezza poco affidabile.


L’impressione che si ricava da questa crisi finanziaria è quella di una spada di Damocle sospesa, che non si sa con precisione quanto incombe e quando calerà con fragore.
Si scomodano, allora, i precedenti storici e, ovviamente, la crisi del ’29 la fa da padrone. Sarà sufficiente?
Gli aggettivi si sprecano: “epocale”, “imprevedibili effetti”, “catastrofica”…ma…le ragioni?
Certo, quelle più evidenti sono state chiarite: la creazione di ricchezza fasulla, di una montagna di carta straccia timbrata come moneta o certificato di credito, poi rivenduto, ecc. Perché è stato permesso? Qui, la cosa si complica, perché esiste un legame fra le guerre degli ultimi decenni e la cosiddetta “crisi finanziaria”.

Per capire le ragioni profonde ed importantissime di questa crisi – di questa punta dell’iceberg – potremmo partire all’incirca dall’anno di Grazia 1500, quando Cabral sbarca sulle coste del Mozambico e fonda le prime colonie portoghesi. Ho scritto “potremmo”, poiché le colonie oltre il Capo furono solo il seguito di quelle create ad Occidente del Capo di Buona Speranza, già nel XV secolo. Qual era la ragione di tanto ardire? Giungere alle isole delle spezie per mare, senza dover sottostare alle esose richieste dei mercanti arabi.
Quei piccoli borghi medievali fortificati sulle coste dell’Africa, rappresentarono un crinale della Storia: prima, Oriente ed Occidente erano appena consci della presenza, l’uno, dell’altro. Pochi anni dopo, iniziavano a confrontarsi.
Fino a quel momento, la Cina godeva d’alcuni primati tecnologici, soprattutto nella costruzione d’altiforni e nella chimica: la polvere da sparo fu una loro invenzione, anche se non ci sono prove storiche così certe.
In pochi anni, però, il primato passò all’Occidente: perché? Poiché era Cristiano.

Superiorità religiosa? No, più prosaicamente, una questione metallurgica: i Cristiani fabbricano campane, gli orientali i gong.
Se “allungate” un gong potrete ottenere al massimo un catino, mentre se “snellite” una campana otterrete un cannone: i primi fabbricanti di cannoni, già nel XIV secolo, erano tutti ex fonditori di campane.
Anche i cinesi usarono la polvere da sparo per la propulsione di lancio, ma utilizzarono i bambù come recipienti e – si comprende facilmente – un cilindro di ferro, più capiente e robusto di uno di bambù, lancerà più lontano un proiettile più pesante.
Ecco la "chiave”, una prima risposta per capire come mai l’Oriente diventò “territorio di caccia” per gli occidentali e non il contrario.
Le cronache riportano una lunga sequenza di “accordi commerciali” e “protettorati”, nati e cresciuti all’ombra di un vascello o di una cannoniera ancorati di fronte alle coste altrui.

I secoli seguenti vedono l’affermazione dapprima commerciale, poi decisamente coloniale, dell’Occidente: le Compagnie delle Indie ed i viceré nelle colonie sono carte dell’identico mazzo.
Ancora nell’800, le cannoniere americane di Perry (1854) “aprirono” le porte del Giappone, mentre quelle francesi servirono identica “portata” (con la battaglia navale di Fu-Chan, nel 1884) alla Cina.
La prima metà del ‘900 non muta lo scenario, mentre la seconda inizia con qualche sussulto: nel 1953, per convincere il riottoso Primo Ministro iraniano Mossadeq ad accettare le “generose” offerte delle compagnie petrolifere occidentali (il 6% agli iraniani, il 94% alla BP & soci), Eisenhower invia un emissario “speciale” – il generale Norman Schwarzkopf sr, ricordate questo nome? – il quale riesce, con un colpo di stato abilmente diretto da Washington, a cancellare ogni anelito d’equità nella ripartizione delle risorse iraniane.
Nel 1948 nasce Israele, il quale – oltre ad una serie di ragioni ben note relative al sionismo – ha il compito di “sentinella” per il Canale di Suez e per gli sviluppi del sistema d’approvvigionamento petrolifero, in questo coadiuvato dalla famiglia regnante degli Al Saud.
Il sistema neocoloniale ancora tiene: le piccole caravelle di Cabral continuano a segnare il tempo ed a riproporre la prassi dell’appropriazione, spesso truffaldina, delle risorse altrui. Ma i giorni passano.

La lunga guerra in Vietnam rivela, per la prima volta, che gli USA non sono invincibili, ma non è questo il “giro di boa”. Lentamente, l’Oriente si risveglia: in Occidente si ride, alla comparsa sulle bancarelle dei mercati rionali, delle bamboline in legno e pezza “made in China”. Ma guarda ‘sti cinesi…riusciranno a farle così bene perché hanno le mani piccole…
Nel 1991, un altro Norman Schwarzkoft (jr, il figlio del precedente “inviato” in Iran, buon sangue non mente) guida la “Felicissima Armada” che convince Saddam Hussein a “mollare” il Kuwait, e tutto sembra continuare come sempre: se alzi la testa, l’Occidente – unito – spara ad alzo zero.
Verrebbe da dire “e arriva l’11 Settembre”, ed invece non lo affermiamo proprio, perché c’entra poco o nulla.
Arrivano, invece, computer dalla Cina e software house dall’India: poi, tutto precipita. Dal Brasile all’Iran, dalla Malesia alla Russia, il “non-Occidente” si mette a fabbricare ed a commercializzare di tutto: elettronica, energia, meccanica, chimica…
Le caravelle di Cabral s’arenano e, con esse, cinque secoli di predominio mercantile e militare sul Pianeta.
La risposta?
Secondo copione, partono le cannoniere, ma ottengono ben poco: per comprendere in qual basso stato siano giunte le armi occidentali, basti pensare che, pochi giorni or sono, a Kabul hanno dato l’assalto al palazzo presidenziale. Karzai s’è salvato per miracolo, mentre l’Iraq è oramai un affare chiuso: un fallimento che attende solo l’Ufficiale Giudiziario.
La forza dell’Occidente, per questi cinque secoli, è stata sorretta da due aspetti: denaro e cannoni. I quali, se manca il denaro, servono a poco. E allora? Se non possiamo più stampare vagoni di carta moneta a ufo…creiamo ricchezza finanziaria fasulla!
Nel volgere di mezzo secolo, gli USA sono passati dal controllare il 50% del commercio mondiale al 20%, oggi forse ancora meno, e l’Europa non ha certo colmato quei vuoti.
Li stanno colmando legioni di uomini d’affari cinesi, indiani, brasiliani…che vendono di tutto, di tutto di più. Vendono perché fabbricano, fabbricano perché progettano, progettano perché studiano: noi, siamo ridotti a creare truffe.
Domandiamoci, allora, la natura di questa crisi partendo da tre ipotesi di “scuola” marxista:

1) Una crisi ciclica del capitalismo.
2) La crisi terminale del capitalismo.
3) Una crisi d’assestamento verso nuovi equilibri internazionali.

Abbiamo distinto le ipotesi 1 e 3, anche se presentano molti punti in comune, sulla base delle cause: endogene, ossia crisi di ristrutturazione degli apparati produttivi nel primo caso (modello anni ’70 del ‘900, ad esempio, oppure le grandi trasformazioni della seconda metà dell’Ottocento, ecc) e cause geopolitiche nel terzo, pur rendendoci conto che esistono parecchi aspetti interdipendenti fra i due fenomeni.

Un secondo aspetto, da approfondire, concerne l’analisi “tecnica” degli eventi, ossia le evoluzioni parallele dei fenomeni in atto, se confrontate con altri sconquassi economici del passato.
La crisi del 1929 ben si presta perché è vicina a noi – gli “attori” portano, a volte, quasi gli stessi nomi, gli Stati coinvolti pure, ecc – e, soprattutto, poiché consente d’analizzare gli eventi utilizzando i parametri dell’economia contemporanea.
Ci sono, ovviamente, delle differenze: ad esempio, all’epoca era ancora in vigore l’ancoraggio all’oro di parecchie monete, ma non è questo il fatto saliente.
Una crisi, se analizzata partendo dagli effetti puramente economici (parametri, ecc), può condurre a parallelismi che non hanno ragion d’essere poiché, come avviene per la diagnosi di una malattia, effetti simili od addirittura perfettamente sovrapponibili possono derivare da cause molto diverse. E’ questo il caso.

La crisi del 1929 non fu minimamente catalizzata da eventi esterni all’Occidente: nessuno, all’epoca, era in grado d’impensierire il commercio internazionale gestito dalle potenze dell’epoca. Tutti i Paesi, oggi emergenti, erano colonizzati od asserviti oppure, come l’URSS, alle prese con infiniti guai interni. Grandi Paesi come la Cina od il Brasile, nel commercio mondiale, valevano pressoché zero.
La crisi del 1929 rivelò i rischi di un capitalismo lasciato galoppare senza freni – le “bolle finanziarie” spadroneggiarono anche allora – ma era il contesto economico reale (la cosiddetta “Main Street”), ossia la potenzialità di ricchezza, la possibilità d’espansione economica ad essere diversa rispetto all’oggi.
Per questa ragione, ebbero successo le politiche keynesiane: la “Tennessee Valley” fu possibile perché lo Stato (per nulla indebitato) varò il
deficit spending per incentivare l’agricoltura ed i trasporti negli stati del Sud.
Oggi, un ipotetico “piano” per “Silicon Valley” sarebbe improponibile perché Silicon Valley, nel nostro tempo, è in Cina, India, Malesia…
Queste premesse, ci portano a concludere che l’attuale crisi del capitalismo non è una crisi “terminale”, proprio perché – da qualche parte – esistono aree che possono ricevere nuova industrializzazione, incrementare i consumi, ecc.
Sull’altro versante, un simile spostamento di ricchezza, produzione, conoscenza, ricerca…non può “transitare” senza scossoni epocali: perdere cinque secoli di predominio, è un trauma equivalente alla caduta di un impero dell’antichità.

La fiaba, raccontata in tutte le salse, della produzione “diversificata” e globalizzata e, dall’altra, di una finanza accentrata in poche mani occidentali, sta svanendo come neve al sole.
L’opulenza della piazza finanziaria di Londra si consuma nell’evidenza dei licenziamenti, nelle banche salvate dalla mano pubblica, ossia in una partita di giro che vede caricare sulle spalle dei cittadini le perdite del sistema finanziario. Un partita di giro truccata, poiché a soffrire dei disastri finanziari è prevalentemente la parte più ricca della popolazione, mentre a subirne gli effetti saranno – con l’estinguersi dello stato sociale – i settori meno abbienti.
Mentre metà del Pianeta s’interroga su dilemmi di natura espansiva – finanziari, tecnologici, ambientali, ma sempre espansivi, poiché ci sono secoli di domanda interna da colmare – l’altra metà non trova risposte, perché quelle risposte esigerebbero proprio la presa di coscienza di un mondo non più “eurocentrico” oppure “amerocentrico”.
Al più, dopo i fallimenti della politica unilaterale di Bush, si torna a parlare di “multipolarismo”, ma il diritto di veto al Consiglio di Sicurezza dell’ONU rimane solidamente ancorato nelle mani di cinque attori, tre dei quali sono potenze un tempo coloniali o neocoloniali: si stenta a comprendere che un “G20”, oggi, deve prender forma su piani d’assoluta parità.
Ancor più drammatico, è capire quale potrà essere il futuro di vecchie ed azzimate signore – un tempo padrone del pianeta – che oggi si ritrovano con le pezze al sedere. Premere sull’acceleratore dell’innovazione tecnologica?

Non si può certo rifiutare lo sforzo per la conoscenza, ma aspettarci grandi frutti da queste politiche è incerto, giacché bisogna fare i conti con la novità: non siamo più in testa, stiamo inseguendo.
Anche nel nuovo comparto energetico – l’unico che, forse, consente all’Occidente il vantaggio di un’incollatura – dobbiamo considerare che le potenzialità dell’Oriente – ricerca, finanza, produzione – crescono con numeri a due cifre, non con i nostri asfittici “0,…%”. Se i cinesi si mettessero a costruire pannelli solari, c’è da giurarci che in breve tempo li costruirebbero migliori ed a minor costo rispetto ai nostri.
L’unica sfida che l’Occidente dovrebbe accettare non è nella corsa economica o tecnologica: la presa di coscienza della propria condizione di “poveri in divenire”, dovrebbe accelerare il dibattito sulla distribuzione della ricchezza, sul valore stesso di “ricchezza”, sulla necessità d’essere “ricchi”.
In fin dei conti, restiamo Paesi “ricchi”: non ci mancano certo i beni primari e la protezione sociale, e siamo in grado d’avere anche un po’ di superfluo; ciò che non ci potremo più permettere, è di vivere credendoci nababbi hollywoodiani.

Roma fu invincibile e padrona assoluta per secoli: eppure Roma lasciò poco, mucchi di macerie che oggi chiamiamo “ruderi”. Atene non dominò quasi nulla, però i suoi fondamenti sono, ancora oggi, le basi della nostra conoscenza.
Diventa allora essenziale riportare il dibattito sui valori fondanti del nostro vivere: aspetti giuridici ed economici, difesa e rivalutazione dei grandi principi costituenti da un lato, serrato dibattito per riportare alla collettività le leve dell’economia.
Recentemente, un uomo politico italiano (poco importa chi è, la pensano quasi tutti così) ha dichiarato “di non essere attratto dalla decrescita”: “decrescita” non potrà più essere un vago concetto sul quale decidere “quoto” o “non quoto”, poiché ai cinesi frega assai di cosa “quotiamo”. E, se lasceremo fare al “mercato”, non otterremo mai risposte perché il “mercato” non prende in considerazione aspetti culturali: valuta l’incremento, o il decremento, e su quella base decide.
La decrescita, invece, non può fare a meno di una profonda rivisitazione – su basi culturali – del nostro vivere: solo dopo si potrà decidere se costruire autostrade od incrementare la ferrovia, se passare ad un sistema di produzione/consumo d’energia su piccola scala, se intervenire sull’obsolescenza dei beni, ecc.
La politica, insomma, senza valori culturali di riferimento, si riduce ad un mero esercizio di calcolo: di soldi, di voti, di favori.

Voglio portare un esempio che può sembrare provocatorio, e che non lo è per niente.
L’Italia è un Paese fortunato, fortunatissimo. Non abbiamo quasi petrolio, ed abbiamo industrie che anche altri hanno, spesso più solide delle nostre.
La Francia ha Versailles, la Spagna il Prado, la Russia l’Hermitage, la Germania i castelli del Reno…ma nessuno ha la reggia di Caserta, gli Uffizi, Venezia irripetibile, Roma mozzafiato, antichità greche, rinascimentali…anche il più sperduto borgo ha qualcosa che all’estero si sognano. Viviamo in un grande museo a cielo aperto.
E’ mai possibile che dobbiamo perdere terreno nei confronti d’altri Paesi europei proprio sul turismo?!? Ogni anno che passa, quando si fanno i conti sulla stagione turistica, è un fazzoletto di lacrime in più rispetto a quello precedente.
Eppure, gli studi sul turismo evidenziano che l’unico settore che “tiene” è quello dell’arte, soprattutto per i milioni di “nuovi ricchi” orientali. Non potremo mai fare concorrenza alle spiagge tropicali, mettiamocelo in testa: non riusciamo nemmeno a reggere il confronto con Spagna e Croazia.
Osserviamo, allora, l’importanza che l’Italia assegna al suo patrimonio artistico – il suo petrolio! – dai nomi dei ministri chiamati ad amministrarlo. Buio pesto, che più pesto non si può.
Dai palesi incompetenti – Bondi, Urbani – a quelli in altre faccende affaccendati, Veltroni e Rutelli: non uno che abbia fatto qualcosa, che abbia varato consistenti investimenti per la manutenzione e per il restauro d’altri, enormi patrimoni ancora sotterra o nei sotterranei dei musei.
Questi patrimoni, domani – se affiancati da una politica d’investimenti nei settori di supporto (alberghiero, ricettivo, ecc) – si potrebbero trasformare in milioni di posti di lavoro per tutti quegli italiani che non possono fare concorrenza ai cinesi nel produrre magliette e computer.
Perché non viene attuato nulla? Un caso? No, troppo semplice.

La ricchezza che si creerebbe, mettendo finalmente a frutto il nostro patrimonio artistico, sarebbe diffusa sul territorio, ne godrebbero milioni di “signori nessuno”, giovani senza lavoro, gente di mezza età che lo perde. In altre parole: noi. E’ lo stesso, perverso meccanismo che mette bastoni fra le ruote alla produzione energetica diffusa.
Ancora una volta, l’ostacolo è di natura culturale: la ricchezza diffusa (anche modesta) genera cittadini, quella dispensata dall’alto per non cadere in miseria, produce sudditi.
E, non sia mai, che ciò comporti una perdita di potere da parte di quel milione d’italiani che vive di politica, di mala politica, d’affari legati alla politica, poiché entrerebbe in contraddizione con il primo, vero articolo della nostra Costituzione:

Art. 1 bis: 
L’Italia è una repubblica oligarchica, fondata sul conflitto d’interesse e sul potere delle Caste.

Perciò, partendo da questo semplice esempio, possiamo capire ciò che c’attende per la cosiddetta “crisi economica” – che di strettamente economico ha ben poco – poiché l’economia (“governo della casa”) non è un dogma e tutti dovremmo parteciparvi. Non è accettabile dover sottostare ad imposizioni dettate da personaggi che fanno parte dello stesso mondo che fabbrica ricchezza fasulla! Perché un signore in doppiopetto di un’agenzia di rating – spesso collusa con le banche truffaldine – può decidere il futuro dei miei figli?
Per imbonirci, i politici nostrani usano strategie diversificate: si nasconde la testa sotto la sabbia (centro destra), oppure si vagheggiano astrusi parallelismi con la (per ora, tutta da verificare) politica di Obama (centro sinistra). In definitiva, ci raccontano solo un mare di frottole.
Nel primo caso, servono potenti anestetici (c’è il traffico d’organi! Eluana! Grande Fratello forever!) per tentare d’addormentare la popolazione sempre più stanca ed avvilita, mentre nel secondo si mesta nel torbido, perché è facile promettere una politica d’innovazione, soprattutto energetica, senza affrontare il nodo della gestione. A che servono, auto elettriche “targate” ENEL od ENI? A cambiare cappio, per strozzarci in un altro modo?

Non perdiamo altro tempo per analizzare, per spaccare il capello in quattro e conoscere finalmente il nome di colui che stampava carta straccia, e nemmeno se può essere più affidabile del suo socio: domani, potrebbero semplicemente scambiarsi la scrivania. Il passaggio storico è di quelli da far rizzare i capelli – questo è da tenere in primo piano! – e non sono stati i trucchi di quattro banchieri a generare il disastro: c’era già prima.
Ciò che la Storia c’insegna, è che questi enormi mutamenti richiedono la nostra attiva partecipazione: nuove idee, nuovi stili, nuovi obiettivi.
Ci arriveremo? Senza dubbio, ma la Storia ci racconta anche qual è il discrimine, il crinale che separa l’accettazione supina dalla fattiva elaborazione: milioni di morti.
di Carlo Bertani 
Fonte: http://carlobertani.blogspot.com/
Link: http://carlobertani.blogspot.com/2009/02/ma-cose-questa-crisi.html

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori