domenica 8 marzo 2009

La Cina sotto il peso della crisi



Per quasi due decenni, il patto tra il Partito e il popolo aveva tenuto: in cambio di una crescita economica a doppia cifra, con conseguente netto miglioramento della vita per centinaia di milioni di persone, i cinesi erano disposti ad accettare una limitazione delle libertà personali e politiche, nel modello voluto da Pechino. Ma la crisi mondiale, smentendo le previsioni di molti, sta colpendo duro anche la Cina. Le autorità prevedono un anno difficile, con l'esplosione di conflitti sociali che mettano a rischio quella "stabilità" e "armonia" su cui tanto insiste Pechino, con l'obiettivo di prevenire sommovimenti pericolosi per chi detiene il potere.La crisi qui è arrivata con un crollo delle esportazioni, dato il brusco calo dei consumi in Occidente. Migliaia di fabbriche specialmente nel sud del Paese, dove negli ultimi quindici anni si è costruito il miracolo economico cinese, hanno chiuso per mancanza di ordini: Pechino calcola in 20 milioni - a livello nazionale - i nuovi disoccupati che saranno costretti a tornare nelle campagne, ma altre stime credono che quella cifra sia stata raggiunta nella sola provincia meridionale del Guangdong, centro vitale delle esportazioni. Non che nel settore agricolo vada meglio, anche per problemi meteorologici: nel nord del Paese, dove vive metà della popolazione ma si trovano solo il 19 percento delle riserve acquifere, è in pieno corso quella che è stata definita la siccità peggiore degli ultimi cinquanta anni. Diverse sezioni del Fiume giallo sono quasi a secco. Sono stati sparati più di 400 razzi per creare nuvole artificiali, nella speranza di aumentare le precipitazioni. Lo stesso premier Wen Jiabao si è fatto riprendere mentre irrigava un campo di grano, promettendo soluzioni agli agricoltori preoccupati.Secondo le stime della Fondo Monetario Internazionale, l'economia cinese crescerà del 6,7 percento nel 2009, il che costituirebbe il valore più basso dal 1990. E' una cifra che l'Occidente può sognarsi, ma negli anni diverse stime hanno identificato intorno al 7-8 percento la crescita minima annua che la Cina deve perseguire, se vuole continuare a creare posti di lavoro e quindi mantenere sotto controllo le tensioni sociali. Il Partito ha appena ribadito che l'obiettivo dell'8 percento verrà raggiunto, ed è vero che le autorità hanno numerose armi a loro disposizione in questa battaglia. Le banche cinesi sono ben capitalizzate, il tasso di risparmio è tra i più alti al mondo, le casse statali sono in salute e possono permettersi ambiziosi piani pubblici per la costruzione di infrastrutture: Pechino ha già annunciato un piano di stimoli per 4.000 miliardi di yuan (460 miliardi di euro) e promette di voler sostenere l'economia in ogni modo. Ma le cifre ufficiali sulla crescita - dato il completo controllo del Partito su di esse - sono viste con diffidenza da molti osservatori. Un recente studio statunitense mette in relazione la produzione di energia elettrica nel Paese e il tasso di crescita economica. Negli ultimi anni il primo indicatore saliva del 15 percento e l'aumento del Pil era comunque a due cifre. Negli ultimi mesi, il grafico mostra una diminuzione del 5 percento dell'elettricità prodotta, il che fa pensare a una contrazione economica.

Ciò ha portato i vertici del Partito a formulare fosche previsioni per i prossimi mesi. "Senza dubbio, andiamo incontro a un periodo che costituirà il picco dei disordini", ha ammesso un autorevole giornalista dell'agenzia statale Xinhua. "La redistribuzione della ricchezza attraverso rapine e furti potrebbe aumentare drasticamente, e le minacce alla stabilità sociale cresceranno. Molto probabilmente, ciò creerà una situazione di disordini su larga scala", ha scritto un ricercatore della Scuola centrale del Partito, prevedendo un aumento fino al 14 percento del tasso di disoccupazione nelle città.Finora, i temuti massicci disordini non si sono ancora visti, ma in diverse città si segnalano proteste di lavoratori licenziati improvvisamente, senza neanche ricevere gli ultimi stipendi dagli imprenditori già fuggiti all'estero. Chi assume, spesso lo fa offrendo salari più bassi. Pechino prende nota, e in previsione di tensioni più alte ha appena iniziato un apposito corso di "aggiornamento" per 3.000 direttori locali delle forze dell'ordine, focalizzato proprio sul come fronteggiare il malcontento popolare. Il ministro per la Pubblica sicurezza, Meng Jianzhu, ha esortato i funzionari locali alla moderazione e al compromesso. Ma non sempre l'approccio è questo: l'uso della forza e la censura della situazione rimangono all'ordine del giorno. Un imprenditore ha raccontato di essere stato costretto dalla polizia, sotto la minaccia delle armi, a ritirare soldi in banca per pagare gli operai infuriati. E nel nord del Paese, a Linfen, dei giornalisti televisivi sono stati puniti per un filmato sull'occupazione di una fabbrica tessile da parte di 6.000 laoratori. Per gli ufficiali locali, il servizio avrebbe "distrutto la stabilità sociale".

di Alessandro Ursic
Link: http://it.peacereporter.net/articolo/14446/Se+la+Cina+ha+paura

Desaparecidos serbi "da espianto"


Il procuratore del Tribunale serbo per i crimini di guerra Vladimir Vukcevic, ha chiesto all'Albania di riaprire le indagini sul traffico di organi, perpetrato tra il 1999 e il 2000 ai danni di circa 300 serbi del Kosovo che sarebbero spariti nel nulla, rapiti dai guerriglieri dell'Uçk e portati in Albania per essere sottoposti a espianti di organi.
Il primo riconoscimento. La richiesta di Vukcevic segue la raccolta di ulteriori prove e il rinvenimento di una fotografia. In essa Rade Dragovic ha riconosciuto il corpo di suo padre Predrag, scomparso il 22 giugno del 1999 dalla città di Pec. L'immagine scattata nel nord dell'Albania mostra Agim Ramadani, comandante della 128° brigata dell'Uçk, con ai suoi piedi Dragovic che indossa una tuta mimetica. (La data presenta però una incongruenza con quella accreditata della morte di Ramadani che risulta essere l'11 aprile 1999. Nessuno dei presenti alla conferenza stampa ha mosso tale osservazione). Secondo il figlio Rade, il padre non avrebbe mai preso parte ad azioni militari e per questo motivo la procura ha desunto che l'uomo fosse stato vestito con abiti militari per nascondere l'uccisione di civili. "Non si può dire se dal corpo siano poi stati esportati degli organi vitali, ma ciò dimostra la pratica del rapimento e l'uccisione di civili da parte della guerriglia separatista", ha detto il procuratore in conferenza stampa a Belgrado, a cui ha preso parte anche il figlio di Dragovic. "E' un momento importante - ha continuato Vukcevic - si tratta della prima identificazione di una vittima civile. Se la giustizia di Tirana non ci assisterà ci rivolgeremo agli organismi internazionali".
La casa gialla. Torna così al centro dell'attenzione l'orribile storia svelata nel libro "La Caccia" scritto dall'ex procuratore presso la Corte dell'Aja, la svizzera Carla Del Ponte, che nel 2004 aveva ordinato delle indagini in Albania, a Burrel, dove secondo diversi testimoni, in un casa gialla ai limiti della foresta, venivano compiute delle operazioni per portare via reni, fegato e cuore. Le testimonianze, raccolte da persone diverse e in momenti diversi raccontano della casa, isolata dal mondo, e di una grande stanza al piano terra dove un dottore di Pec "dal grande naso adunco" operava i "pazienti". Le mura della casa adesso sono bianche e chi ci vive dentro, la famiglia Katuci, ha negato a una troupe dello Spiegel ogni addebito. Tra il 4 e il 5 febbraio del 2004, la commissione investigativa dell'Unmik ha rilevato attraverso l'uso del 'luminol', diverse tracce di sangue, oltre che siringhe, bende, flaconi vuoti di medicinali usati nelle fasi preparatorie agli interventi chirurgici. Quando gli investigatori chiesero di riesumare dei cadaveri dai cimiteri della zona, la comunità di Burrel e di Rribe, il villaggio dove si trova la casa in questione, hanno opposto un fermo diniego. I sospetti di Carla Del Ponte erano che i serbi uccisi fossero stati sepolti con nomi albanesi.
Le tappe dell'inchiesta. La procura di Belgrado ha individuato altri tre siti dove i serbi venivano raccolti: Tropoje e Kukes, nel nord dell'Albania e una 'prigione privata' vicino al porto di Drac, a nord di Durazzo. La criminalità organizzata cui sarebbero stati legati, secondo un investigatore del pool Unmik, diverse figure chiave dell'Uçk e di leader politici kosovari, trasportava poi gli organi all'aeroporto di Tirana da dove venivano destinati in molte cliniche dell'Occidente. La procura di Tirana aveva già archiviato l'inchiesta poiché riteneva insufficienti le prove raccolte dalla commissione investigativa nel 2004 e difficilmente raccoglierà l'invito del procuratore Vukcevic. Anche il governo svizzero ordinò alla Del Ponte di non discutere del caso e il suo ex addetto stampa ha preso le distanze dai contenuti del libro sulla vicenda dichiarando che la procuratrice si era mossa solo sulla base di voci non supportate da prove sufficienti. A fine marzo, comunque, il Consiglio d'Europa invierà una commissione d'inchiesta capeggiata dal senatore svizzero Dick Marty.
di Nicola Sessa

Articolo correlato su SudTerrae

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori