martedì 9 giugno 2009

Europa, dove vincono le destre


Un voto di protesta, o un non-voto. Se si fosse espressa solo così una buona parte della popolazione dell'Unione Europea, alle consultazioni che rinnovano i 785 membri del Parlamento, non ci sarebbe molto di nuovo.

Solo bianchi. La novità è che non solo il voto di protesta è finito a ingrassare in modo cospicuo le formazioni di estrema destra, ma che in alcuni casi ha anche portato membri di formazioni 'storiche', ma finora sempre sottorappresentate, a sedere nella massima assise dell'Unione. E' il caso dei due seggi guadagnati dal British National Party, che ha confermato a Strasburgo Nick Griffin, affiancandolo a Andrew Brons, eletto nello Yorkshire un tempo regione schierata fedele ai Labour. Griffin, di cui diventò intimo Roberto Fiore nel suo asilo dorato londinese, ha tenuto a ribadire che il Bnp non è un partito fascista, ma che ha ottenuto tale risultato perchè 'parla apertamente dei problemi dell'immigrazione'. Il Bnp ha solo membri 'biannchi', e nel suo manifesto promuove l'espulsione dei 'non-bianchi' dal Paese.

Il caso olandese

In Bulgaria il governo di destra ha impartito una sonora sconfitta ai socialisti al governo. Il Gerb del sindaco di Sofia Boyko Borissov ha ottenuto il 25 percento. Il partito Ataka (destra) ha perso qualche punto percentuale, confermando tuttavia un seggio, mentre per la prima volta un'altra formazione di destra (Coalizione azzurra) riesce a superare lo sbarramento piazzando anch'essa un seggio.

Anche in Romania, dove un'inedita alleanza tra socialdemocratici e conservatori si conferma con dieci seggi nell'Europarlamento, il partito estremista nazionalista 'Grande Romania' ha ottenuto il 7,2 percento e due seggi, di cui uno destinato a Gigi Becali, discusso patron dello Steaua Bucarest, il cui stadio è stato chiuso nel 2007 perchè i tifosi avevano scritto in uno striscione 'Morte agli zingari'.

In Finlandia, il partito nazionalista dei 'Veri Finlandesi' sfonda lo sbarramento del 10 percento e ottiene un seggio. Nel 2004 aveva lo 0,5 percento.

Infine, con quasi il 10 percento dei voti, il partito di estrema destra nazionalista Jobbik ('i migliori') è diventato la terza forza politica in Ungheria, e manderà due deputati al futuro Parlamento europeo. Jobbik ha conquistato consensi soprattutto fra i giovani, ma il suo messaggio razzista, antisemita e nazionalista convince anche i più anziani.Questi i punti essenziali del programma di Jobbik: fare ordine ristabilendo la gendarmeria (corpo armato esistente prima della Seconda Guerra mondiale) per combattere la criminalità; mandare in galera Ferenc Gyurcsany, l'ex premier socialista e i suoi ministri; far pagare le tasse a multinazionali e banche; cacciare dal Paese il capitale straniero; vietare l'acquisto di terreni agli stranieri (consentito dall'Ue).

Non sono soltanto i sentimenti xenofobi e razzisti a connotare questi movimenti. Una posizione comune è l'opposizione agli organismi comunitari e alla moneta comune. L'estrema destra, specie quella di ispirazione neofascista e neonazista, tra i suoi programmi principali ha il superamento del liberismo e la guerra alla globalizzazione. Minimo comune denominatore è, per tutti, la feroce battaglia contro l'integrazione.

di Luca Galassi

Link: http://it.peacereporter.net/articolo/16136/Europee,+dove+ha+vinto+l'estrema+destra

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori