martedì 23 giugno 2009

Una lettera dalle tendopoli abruzzesi racconta ciò che in tv non passa

(Leggi anche

La Repubblica Italiana è senza luce,avvolta com’è nelle lenzuola notturne del suo primo ministro)

Lettera da un campo inviata alla Redazione di http://www.sinistraeliberta.it/: Abbiamo volutamente omesso dalla lettera le generalità della persona che l’ha inviata. Con il clima che c’è nei campi, non si sa mai!
Cara Redazione,
sono xxxx yyyyy e sono residente a L’Aquila. Attualmente “abito” presso la tendopoli ITALTEL 1, perché alla mia casa, che devo ancora finire di pagare, è stata assegnata lalettera E, che in questo drammatico alfabeto significa “danni gravissimi”. Scrivo per illustrarvi alcune considerazioni, di carattere generale e, più in particolare, relative allaqualità della vita nei campi.
Intanto, evidenzio la grande confusione che c’è nella città: a quasi due mesi dal terremoto,viviamo ancora uno stato di emergenza. Uno dei grandi nemici di questi giorni, e dei prossimi, è il caldo: arriveranno i condizionatori ma risolveranno ben poco perché, come sicuramente sapete, il condizionatore funziona in una casa, con le pareti di cemento e con le finestre chiuse, non in una tenda, dove il sole batte a picco e da dove si esce e si entra. Inoltre, la tenda non è che si chiude ermeticamente! Allora, il problema vero è questa lunga permanenza nella tendopoli alla quale saremo costretti fino ai primi di novembre. E’ assurdo e inconcepibile che, per saltare una ‘fase’, come ha detto il Presidente del Consiglio, bisogna aspettare circa sette mesi per avere una casa, comunque sia. E a novembre, se le cifre rimangono quelle dette dal Governo e dalla Protezione Civile, saranno soltanto 13 mila i cittadini aquilani che potranno lasciare le tende. Su questo vorrei chiarire che si sta assistendo ad un balletto delle cifre che nasconde unaamara verità. Mi spiego. Queste cifre si riferiscono alle verifiche finora effettuate ed alle risultanze avute. Si sta ragionando in questi termini: se su un tot di case verificate, è risultata una agibilità pari al 53%, e mantenendo questo trend, allora le case inagibili saranno all’incirca 5.000 per 13 mila persone. L’agibilità è stata dichiarata per le abitazioni dei paesi vicini a L’Aquila. I quartieri nelle immediate vicinanze del centro storico, a ridosso delle mura, Sant’Anza -il quartiere dove abito-, Valle Pretara, Santa Barbara, Pettino, tutti molto popolosi, hanno le case inagibili. Inoltre, bisogna considerare che il centro storico ancora non viene sottoposto ad alcun tipo di verifica perché, a tutt’oggi, è zona rossa. Nel centro storico risiedono circa 12 mila cittadini, senza contare i domiciliati, soprattutto gli studenti fuori sede. Allora, a novembre dovrebbero avere la casa almeno 26.000 cittadini, facendo un calcolo al ribasso. Infatti, considerando anche gli abitanti dei quartieri distrutti, gli immobili da recuperare con interventi molti consistenti e, quindi, con tempi necessariamente lunghi, sicuramente le abitazioni necessarie dovrebbero essere dell’ordine di 45 mila persone.
Questo è il futuro che ci aspetta e lo tengono nascosto! Ma il Presidente del Consiglio ha detto che, comunque, le tende sono già dotate di impianto di riscaldamento, e quel “già” mi ha molto inquietato. Non possiamo accettare di restare nelle tende fino a novembre, e sicuramente fino a marzo del 2010! Questo ragionamento lo stavo facendoalcuni giorni fa al campo: prima con alcune persone, poi si sono avvicinati altri ed eravamo diventati un bel gruppetto: dopo alcuni minuti dal formarsi dell”assembramento non “autorizzato“, sono arrivati i carabinieri, in servizio all’esterno del campo. Ho chiesto se ci fosse qualche problema. Mi hanno risposto che non c’era alcun problema, marestavano anche loro ad ascoltare. Conclusione: dopo alcuni minuti, tutti ce ne siamo ritornati nelle tende. Racconto questo episodio, e ne posso citare tanti altri (ad alcuni componenti di vari comitati cittadini, che stavano raccogliendo le firme per il contributo del 100% per la ricostruzione o ristrutturazione della casa, è stato vietato l’accesso nei campi), per denunciare quella che definisco la sospensione dei diritti garantiti dalla nostra Costituzione: libertà di opinione, di parola, di movimento. Ora, posso comprendere, anche se non giustificare, un tale comportamento nel primo mese, che secondo me rappresenta la vera fase di emergenza, ma far passare tale logica antidemocratica per 7 mesi, ed anche di più, somiglia più ad un colpo di Stato che ad una ‘protezione civile’.
Adesso mi trovo per qualche giorno a xxxxx, presso mia figlia yyyy che sta ultimando un dottorato in Diritto del Lavoro (senza borsa, perché l’Università non aveva i fondi a sufficienza per finanziare tutte e quattro i posti messi a bando: yyyy si è posizionata terza, paga una tassa di iscrizione al dottorato di circa 600 euro l’anno e un affitto di 500 euro mensili, più le spese). Proprio questa mattina ho dovuto chiamare il responsabile del mio campo perché la famiglia che abita con me mi ha informato che si stavano effettuando i controlli per assegnare il nuovo tesserino di residente a campo (ne possiedo già uno). Mi ha preso una tale agitazione tanto da sentirmi male. Questa procedura che si ripete spesso nei campi: l’esibizione del documento e l’autorizzazione di accesso per gli “esterni” che ti vengono a fare visita, e magari sono i tuoi fratelli, sorelle, madri e padri che hanno trovato sistemazione in altri campi o luoghi; il fatto che adesso, nonostante avessi preventivato di stare un po’ di tempo con mia figlia, debba rientrare per avere di nuovo il tesserino, dietro presentazione di un documento di riconoscimento, anche se sono già tre volte che i responsabili del campo hanno annotato il numero della mia carta di identità, mi scuote in maniera incredibile. Ma la Protezione Civile mi deve proteggere in maniera civile o mi deve trattare come se fossi in un campo di concentramento?
Il responsabile del mio campo, quando gli ho parlato questa mattina, mi ha detto che non c’era alcun problema, che potevo tornare quando volevo, riconsegnare il vecchio tesserino e prendere il nuovo, e comunque dovevo comunicare l’allontanamento dal campo, la prossima volta che ciò sarebbe accaduto. Mi chiedo: perché devo comunicare i miei spostamenti? La tenda,adesso, è la mia casa ed ho timore che lo sarà per molto tempo, almeno fino a novembre. Quale è la norma che mi impone di comunicare i miei spostamenti?Se mi si risponde che si è in presenza di una situazione di emergenza, e che tale situazione durerà mesi e mesi, allora siamo veramente in presenza di un pauroso abbassamento del livello di democrazia! Non sono “vaporosa”, non sono arrabbiata: sono esacerbata! Ritengo che la nostra città stia diventando non una città da ricostruire, ma una città “laboratorio”, in cui si vuole sperimentare il nuovo modello di società: privo di diritti, passivo, senza bisogni: quello che ti do è frutto della buona volontà dei volontari o dell’imperatore e lo prendi dicendo anche grazie! Mi rifiuto! E si rifiutano i cittadini aquilani! Sui nostri corpi, sulle nostre menti, sulle nostre coscienze, sulle nostre memorie nessuno ha il diritto di mettere le mani! Un’altra considerazione: le tende dell’emergenza sono tutte di otto posti, per poter accogliere, in tempi molto brevi dopo l’evento catastrofico, il maggior numero di persone. Di conseguenza, ci sono moltissime situazioni di promiscuità (la vivo io stessa, con un’altra famiglia che ha due bambini piccoli). Ritorno sempre alla considerazione di prima: una situazione di promiscuità può essere proposta ed accettata, a causa del disorientamento totale in cui ognuno si trova dopo un evento così terribile, per un mese, ma non per 7 o più mesi! In alcune tende sono insieme anche tre nuclei familiari!
Mi chiedo: non si vogliono utilizzare i containers, ma allora il Presidente del Consiglio, che ha tante bellissime idee (sulle donne, sui giudici, sul Parlamento, sulla Costituzione) perché non pensa a far arrivare tende da quattro? O meglio, perché non riesce a garantire, da subito, una sistemazione dignitosa, senza costringermi ad andare sulla costa o in appartamenti situati nell’ambito della Regione Abruzzo, sicuramente non a L’Aquila, dove vi è la distruzione totale? Proprio ieri, un gruppo di psicologi ha affermato che tale situazione di promiscuità sta distruggendo le famiglie perché, a parte le discussioni che ci sono, dalle cose più grandi a quelle più piccole (pensate che si sta litigando anche per i condizionatori, quelli che li hanno, perché alcuni li vogliono accesi, i “coinquilini” li vogliono spenti; chi vuole guardare la televisione e chi vuole riposare), lamancanza di intimità e di momenti privati determina nervosismo e sensazione di annullamento di ogni sentimento, senza considerare che nei campi non esiste nessun momento di intimità, né nei bagni, né nelle docce, né a pranzo né a cena. Non posso restare in silenzio ed accettare passivamente: voglio essere protagonista della mia vita e della ricostruzione della mia città, e non voglio sentirmi come una partecipante del Grande Fratello! Non abbiamo intenzione, noi aquilani, di essere triturati dalla società dello spettacolo: alle menzogne mediatiche opporremo la nostra intelligenza, volontà e coraggio. E la nostra rabbia. L’Aquila è la mia, la nostra città e non è in vendita, per nessuno! Spero che questa mia lettera venga da voi presa in considerazione: sono forte, coraggiosa come tutti voi e spero che possiate darmi voce. Vi ringrazio, di cuore’anche se spezzato!

La Repubblica Italiana è senza luce, avvolta com’è nelle lenzuola notturne del suo primo ministro


La Repubblica Italiana è senza luce, avvolta com’è nelle lenzuola notturne del suo primo ministro. Il re è nudo (e non solo nelle sue notti festaiole), l’immagine di un governo forte, decisionista, che procede con la fiducia alle Camere, fondata sulla dittatura dei numeri, è stata spazzata via dalla netta impressione di uno Stato debole in cui il suo primo ministro sembra essere ricattabile.

E all’ombra di questa gigantesca questione morale che rimbalza dalle colonne dei giornali (le televisioni sembrano non essersene accorte), all’ombra dei vizi privati e delle pubbliche presunte virtù, restano importanti questioni irrisolte. Questioni affrontate con annunci buoni per gli spot televisivi da TV commerciale nei mesi addietro, ma che ancora non vedono una risoluzione.

Nell’ombra resta la crisi economica e i danni che provoca alla vita produttiva del paese. Le stime di questi giorni ci restituiscono un 2010 in cui la disoccupazione arriverà al 12%, a prescindere da quale sarà l’andamento del PIL, come effetto di questo 2009 nero. L’ISTAT dice che gli industriali italiani hanno perso in un anno circa un terzo della loro attività, delle loro produzioni. Questo ricade sui lavoratori.
Dove sono le misure anticrisi?

Nell’ombra restano i lavoratori. E’ di ieri la notizia che gli operai della Smith Textile di Schio (Vi) hanno minacciato l’Unicredit e il Banco Popolare di ritirare i loro depositi nel caso in cui non concedano credito alla loro azienda, che non riesce a pagare gli stipendi e i fornitori. Già, perché nonostante i soldi ricevuti, le banche non concedono il credito, e soprattutto alle piccole e media imprese, proprio quelle che avvertono maggiormente gli scossoni della crisi. Il governo non vigila?

Nell’ombra restano gli abitanti de L’Aquila. Dopo le promesse e le passerelle elettorali, dopo il cordoglio nazionale, non resta che un decreto per la ricostruzione in cui non è chiaro quasi niente, se non che i tempi di attesa degli aquilani saranno molto lunghi, nelle tendopoli. Non è chiaro quasi niente se non che il centro storico dell’Aquila e le sue case resteranno probabilmente per cinque anni in quelle condizioni.

Non è chiaro quasi niente se non che gli aiuti saranno dati solo ai residenti. Non è chiaro quasi niente se non che per lungo tempo resteranno in piedi le famose casette.
E’ così che si infligge il colpo di grazia a una città. Non a caso il Sindaco dell’Aquila e il Presidente della Provincia chiedono di vederci chiaro, non a caso molti cittadini si stanno organizzando in comitati e protestano perché vogliono prendere parte alla ricostruzione. Ma restano nell’ombra, anche perché le loro proteste sono state sistematicamente ignorate dai telegiornali di regime [Leggi (QUI)]

di Nichi Vendola

Link: http://www.nichivendola.it/sito/mcc/informazione/allombra-della-questione-morale.html

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori