martedì 30 giugno 2009

VIAREGGIO - "Una tragedia annunciata, nelle ferrovie c'è un uso di materiali troppo vecchi"


VIAREGGIO - "Una tragedia annunciata". Così ha commentato l'incidente di Viareggio il segretario della Cgil Guglielmo Epifani. "I primi riscontri darebbero ragione ai tanti allarmi lanciati in questi mesi dai sindacati e sui cui l'azienda aveva reagito sbagliando perchè - ha spiegato il leader della Cgil - nelle ferrovie c'è un uso di materiali troppo vecchi".
Il vescovo chiede chiarimenti - Italo Castellani, vescovo di Lucca, ha visitato stamattina i luoghi dell'incidente. In una nota ha dichiarato che "per affetto ed amicizia nei confronti di chi soffre, desidero invitare le autorità competenti a non tralasciare niente affinchè al più presto si possa addivenire ad un chiarimento, certo e giusto, su quanto avvenuto".
Bertolaso, ci sono ancora rischi - "La situazione di rischio non è affatto conclusa anche se gli incendi sono sotto controllo". Lo ha detto il capo della Protezione Civile, Guido Bertolaso sottolineando che "tutta la zona della stazione è stata interdetta agli estranei". "Vi sono ancora 13 cisterne piene di Gpl che devono essere svuotate e quattro di queste sono rovesciate. Dunque si tratta di un'operazione rischiosa e difficile". Il capo della Protezione Civile ha aggiunto che quella della scorsa notte è una delle peggiori tragedie mai accadute ai trasporti italiani. "Dopo quello che è successo ci saranno dei provvedimenti da adottare", ha commentato Bertolaso.
La rabbia dei ferrovieri - Avevano già segnalato molte volte i rischi connessi al cattivo funzionamento dei carrelli. L'assemblea nazionale dei ferrovieri esprime profondo cordoglio per le vittime e invita le autorità a non sottovalutare le segnalazioni di pericolo. Dure le critiche alla dirigenza delle Ferrovie dello Stato. In una nota i ferrovieri fanno sapere che "il trasporto ferroviario è un servizio complesso in cui anche il più piccolo incidente o guasto, può determinare immani tragedie e come tale va analizzato e preso, sempre, nella massima considerazione. Rinnoviamo la più ferma critica al gruppo dirigente delle Ferrovie che ha dirottato risorse e tecnologia sul servizio 'luccicante' dell' alta velocità lasciando che il resto del servizio ferroviario, in particolare merci e pendolari, deperisse sia in termini di qualità che di sicurezza".
I delegati dell'RSI aggiungono che "La rottura di un asse di un carrello del vagone merci è un incidente tipico che non è stato mai tenuto nella giusta considerazione nonostante l'elevatissimo rischio connesso. Esso si è ripetuto innumerevoli volte, sempre fortunatamente con conseguenze meno gravi, da ultimo nei giorni scorsi sempre in Toscana, a Pisa S.Rossore ed a Prato".
Il sindaco di Viareggio - "Un bilancio tragico, ma grazie all'intervento dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile in generale si sono contenuti i danni", ha commentato Luca Lunardini, primo cittadino di Viareggio.
Le reazioni del PD - Il senatore del Pd Marco Filippi, capogruppo in commissione Lavori Pubblici e Comunicazioni, chiede in una nota che il ministro Matteoli venga a riferire in Senato sull'esplosione di Viareggio. "Bisogna sentire subito Alberto Chiovelli, direttore dell'Agenzia nazionale per la sicurezza delle Ferrovie, un organismo che stenta a costruirsi un ruolo veramente indipendente dal gestore della rete e del trasporto e che dovrebbe essere, invece, capace di un controllo attento e indipendente su tutti i fattori di rischio", dice Filippi.
Le critiche della Sinistra - Le ferrovie dello stato pensano all'Alta Velocità e non alla sicurezza. E' quanto affermano i responsabili del Lavoro e dei Trasporti del Partito dei Comunisti Italiani Gianni Pagliarini e Fabrizio De Sanctis, aggiungendo che "le Ferrovie dello Stato non sono piu' in grado di garantire la sicurezza dei loro convogli". I Verdi chiedono le dimissioni di Matteoli e dei vertici delle Ferrovie dello Stato. A chiederlo è Angelo Bonelli dei Verdi: "Di fronte a questo inaccettabile incidente che ha provocato la perdita di tante vite umane il ministro dei Trasporti Matteoli e i vertici di Trenitalia si devono dimettere". Per Paolo Ferrero di Rifondazione Comunista l'incidente è "l'esito prevedibile della politica ferroviaria del Governo".
Fonte: VIAREGGIO - "Una tragedia annunciata". Così ha commentato l'incidente di Viareggio il segretario della Cgil Guglielmo Epifani. "I primi riscontri darebbero ragione ai tanti allarmi lanciati in questi mesi dai sindacati e sui cui l'azienda aveva reagito sbagliando perchè - ha spiegato il leader della Cgil - nelle ferrovie c'è un uso di materiali troppo vecchi".
Il vescovo chiede chiarimenti - Italo Castellani, vescovo di Lucca, ha visitato stamattina i luoghi dell'incidente. In una nota ha dichiarato che "per affetto ed amicizia nei confronti di chi soffre, desidero invitare le autorità competenti a non tralasciare niente affinchè al più presto si possa addivenire ad un chiarimento, certo e giusto, su quanto avvenuto".
Bertolaso, ci sono ancora rischi - "La situazione di rischio non è affatto conclusa anche se gli incendi sono sotto controllo". Lo ha detto il capo della Protezione Civile, Guido Bertolaso sottolineando che "tutta la zona della stazione è stata interdetta agli estranei". "Vi sono ancora 13 cisterne piene di Gpl che devono essere svuotate e quattro di queste sono rovesciate. Dunque si tratta di un'operazione rischiosa e difficile". Il capo della Protezione Civile ha aggiunto che quella della scorsa notte è una delle peggiori tragedie mai accadute ai trasporti italiani. "Dopo quello che è successo ci saranno dei provvedimenti da adottare", ha commentato Bertolaso.
La rabbia dei ferrovieri - Avevano già segnalato molte volte i rischi connessi al cattivo funzionamento dei carrelli. L'assemblea nazionale dei ferrovieri esprime profondo cordoglio per le vittime e invita le autorità a non sottovalutare le segnalazioni di pericolo. Dure le critiche alla dirigenza delle Ferrovie dello Stato. In una nota i ferrovieri fanno sapere che "il trasporto ferroviario è un servizio complesso in cui anche il più piccolo incidente o guasto, può determinare immani tragedie e come tale va analizzato e preso, sempre, nella massima considerazione. Rinnoviamo la più ferma critica al gruppo dirigente delle Ferrovie che ha dirottato risorse e tecnologia sul servizio 'luccicante' dell' alta velocità lasciando che il resto del servizio ferroviario, in particolare merci e pendolari, deperisse sia in termini di qualità che di sicurezza".
I delegati dell'RSI aggiungono che "La rottura di un asse di un carrello del vagone merci è un incidente tipico che non è stato mai tenuto nella giusta considerazione nonostante l'elevatissimo rischio connesso. Esso si è ripetuto innumerevoli volte, sempre fortunatamente con conseguenze meno gravi, da ultimo nei giorni scorsi sempre in Toscana, a Pisa S.Rossore ed a Prato".
Il sindaco di Viareggio - "Un bilancio tragico, ma grazie all'intervento dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile in generale si sono contenuti i danni", ha commentato Luca Lunardini, primo cittadino di Viareggio.
Le reazioni del PD - Il senatore del Pd Marco Filippi, capogruppo in commissione Lavori Pubblici e Comunicazioni, chiede in una nota che il ministro Matteoli venga a riferire in Senato sull'esplosione di Viareggio. "Bisogna sentire subito Alberto Chiovelli, direttore dell'Agenzia nazionale per la sicurezza delle Ferrovie, un organismo che stenta a costruirsi un ruolo veramente indipendente dal gestore della rete e del trasporto e che dovrebbe essere, invece, capace di un controllo attento e indipendente su tutti i fattori di rischio", dice Filippi.
Le critiche della Sinistra - Le ferrovie dello stato pensano all'Alta Velocità e non alla sicurezza. E' quanto affermano i responsabili del Lavoro e dei Trasporti del Partito dei Comunisti Italiani Gianni Pagliarini e Fabrizio De Sanctis, aggiungendo che "le Ferrovie dello Stato non sono piu' in grado di garantire la sicurezza dei loro convogli". I Verdi chiedono le dimissioni di Matteoli e dei vertici delle Ferrovie dello Stato. A chiederlo è Angelo Bonelli dei Verdi: "Di fronte a questo inaccettabile incidente che ha provocato la perdita di tante vite umane il ministro dei Trasporti Matteoli e i vertici di Trenitalia si devono dimettere". Per Paolo Ferrero di Rifondazione Comunista l'incidente è "l'esito prevedibile della politica ferroviaria del Governo".

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori