venerdì 2 aprile 2010

Fermiamo la legge ammazza diritti


Il Presidente della Repubblica ha rinviato alle Camere la legge sul lavoro recentemente approvata. Il motivo principale di questa importante decisione è “l’arbitrato”.

Infatti la legge introduce il principio dell’”arbitrato con equità” per tutti i contenziosi sul lavoro.


Vuol dire che al posto del giudice, quando sono violati i diritti – tutti: salari, orari, condizioni di lavoro, licenziamento ingiusto – il lavoratore dovrà rivolgersi ad un arbitro che non agirà secondo le leggi e i contratti ma secondo il principio dell’”equità”. Cioè dando una piccola mancia in cambio della perdita dei diritti.


La cosa più grave è che questa rinuncia ad andare dal giudice il lavoratore la dovrebbe fare già nel momento dell’assunzione, quando è più debole, quando pur di lavorare è costretto ad accettare qualsiasi cosa. Perché sia valida basta la “certificazione” di qualche Ente bilaterale o sindacato compiacente.

In questo modo non solo tutti i nuovi assunti, tutti e tutti coloro che sono licenziati e che cercano un nuovo posto di lavoro, tutti i giovani, i precari, le donne e gli anziani, rinuncerebbero preventivamente a difendere i loro diritti in tribunale, ma, cosa ancor più grave, le imprese saprebbero dall’inizio che il lavoratore ha rinunciato a farlo.


Le imprese saprebbero subito che il nuovo assunto è privo di diritti tutelati dal giudice. Cioè che sarebbero impunite quando li violano. Così i diritti e i contratti sono cancellati nel momento stesso dell’assunzione.

Questa legge vergognosa è stata varata con il consenso della Confindustria, della Cisl e della Uil ed è stata rinviata alle Camere dal Presidente della Repubblica dopo che tanti giuristi, l’opinione pubblica democratica, la Cgil, ne hanno denunciato il carattere non costituzionale.


Ora c’è il tempo e lo spazio per provare a fermarla, mobilitandoci ovunque per dire
NOalla distruzione dei diritti, dei contratti e alle complicità sindacali.

No alla rinuncia ai diritti - No all’arbitrato
Mobilitiamoci per i diritti del lavoro garantiti dalla Costituzione


Rete28Aprile nella Cgil

Fonte: il PANE e le rose

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori