mercoledì 28 aprile 2010

Il Governo con il decreto salva-abusi salva la villa del clan


I Graziano, a Quindici in provincia di Avellino, hanno controllato il territorio, dato vita ad una guerra sanguinaria con i Cava e amministrato direttamente il comune. Un comune sciolto due volte per infiltrazioni mafiose e , ancor prima, negli anni '80 azzerato con proveddimento ad hoc dal presidente Sandro Pertini. I sindaci finivano accoppati, ammazzati, eletti mentre erano in galera o prima di finirici. La villa Graziano è il simbolo del loro strapotere. Ora il decreto salva-abusi del governo rischia di fermare nuovamente le ruspe. Un messaggio chiaro a quei cittadini: lo stato vi abbandona di nuovo.
A Quindici, da cinque anni, è arrivato un Sindaco, Liberato Santaniello che ha rotto i ponti e aperto alla democrazia quelle terre.Un nuovo corso grazie anche a chi si ribella e alle inchieste della magistratura, in particolare una donna, la pm Maria Antonietta Troncone, più volte minacciata dai clan, senza solidarietà bipartisan e raccolte firme, ha polverizzato con arresti e retate i clan in lotta. La villa, oltre il valore economico, è un mostruoso simbolo della forza dei Graziano. " Dopo anni finalmente si era arrivati al decreto di demolizione - racconta Marco Cillo, già referente Libera Avellino - ora con il decreto del governo è nuovamente tutto fermo. A Quindici le persone parlano e guardano a questo ennesimo tradimento e si chiedono ma chi è più forte lo stato o il potere dei clan?". La villa, costruita prima del 2003 era stata dichiarata abusiva, ora rientra nel decreto governativo benedetto da Santa Mara e dal nuovo governatore Caldoro. All'apertura delle buste per decidere l'impresa che avrebbe dovuto tirarla giù, non si è presentata nessuna ditta. " Contemporaneamente si teneva un'altra gara per l'ampliamento del cimitero, in quel caso di ditte ne arrivarono 22". In attesa della conversione del decreto le ruspe del genio militare si fermano di nuovo, la villa dei Graziano continua a troneggiare, fulgido esempio della boria camorristica e dell'assenza colpevole dello stato.
di Nello Trocchia
 
Sul sito www.federalismocriminale.it i decreti di scioglimento del comune. Ascolta l'intervista a Marco Cillo

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori