lunedì 10 maggio 2010

La Legge "BAVAGLIO": tutti i pericoli di un testo che infligge un duro colpo alle intercettazioni

ROMA  - Un unico articolo, per 35 commi, ben 23 pagine nel fascicolo del Senato che reca un'intestazione assai indicativa: "Norme in materia di intercettazioni telefoniche, telematiche e ambientali. Modifica della disciplina in materia di astensione del giudice e degli atti di indagine". Frutto della fiducia che Berlusconi impose alla Camera l'11 giugno 2009. Un testo che, se sarà effettivamente approvato entro giugno, cambierà la storia delle investigazioni e della cronaca giudiziaria in Italia. È proprio quello che vogliono il premier, il Guardasigilli Angelino Alfano, la maggioranza. Un testo che, a ogni pagina, riserva più di un "veleno" per magistrati e giornalisti.


Il nostro viaggio nella riforma delle intercettazioni e nei guasti che essa produrrà non può che cominciare dalla "madre" dei misfatti, la rivisitazione e la riscrittura dell'articolo 266 del codice di procedura penale che, nella versione approvata nel 1989, ha regolamentato e consentito migliaia di inchieste e ha fatto arrestare migliaia di responsabili di migliaia di reati. Ma con il nuovo 266 e i paletti imposti ai pm tutto sarà diverso. Per almeno due buoni motivi. Se è vero che resta invariato il tetto massimo degli anni di pena (cinque) per cui è possibile disporre gli ascolti e se rimangono invariati i "gravi indizi di reato" necessari, si aggiungono però altre e ben più rigide regole che vincoleranno l'attività investigativa dei pubblici ministeri.



Non basterà avere un "grave indizio di reato" per chiedere un'intercettazione a carico di un personaggio sospetto, ma si dovrà essere certi, come scrive la legge, che "le utenze siano intestate a soggetti indagati o siano agli stessi effettivamente e attualmente in uso". E qualora la registrazione della telefonata dovesse riguardare "soggetti diversi" che hanno rapporti con l'indagato, si potrà procedere soltanto se, "sulla base di specifici atti di indagine risultano a conoscenza dei fatti per i quali si procede". Non solo, dovranno esistere "concreti elementi per ritenere che le relative conversazioni o comunicazioni siano direttamente attinenti ai medesimi fatti". 


Non è che la prima di altre "trappole" disseminate lungo i 35 commi. Prima ancora di richiedere e ottenere le intercettazioni che devono provare l'esistenza del delitto, il pm dovrebbe disporre ancora prima della prova che invece va cercando con l'ascolto. Non solo: ma deve avere anche la certezza che "i fatti" per cui vuole "sentire" più di un telefono siano pure gli stessi. Un'esempio? A Trani indagavano per un anomalo comportamento dell'American Express nella gestione delle carte di credito revolving. Ma sono finiti a scoprire le pressioni di Berlusconi per mettere a tacere talk show come Annozero e Ballarò. Bene, trattandosi di "fatti" differenti, quelle intercettazioni non sarebbero più state possibili.

Ma questo non è che l'inizio di tante altre contraddizioni e anomalie...


di LIANA MILELLA

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori