mercoledì 26 maggio 2010

Una Repubblica che affonda nelle fosse scavate per chi muore sul lavoro


Tempo fa il ministro La Russa aveva dichiarato che avrebbe mandato i militari nei cantieri per verificare il rispetto delle normative vigenti sul lavoro. Non è successo.
Non solo non abbiamo visto nessun militare in alcun cantiere o fabbrica o campo agricolo. Ma vediamo, nel rispetto delle strazianti sofferenze e con un qualche fastidio per la loro ipocrisia, l'affollarsi delle istituzioni e delle alte cariche dello Stato ai funerali di ragazzi che loro stessi hanno mandato a morire, e lì piangere lacrime di coccodrillo.


L'anno 2008 si è chiuso con 874.940 infortuni sul lavoro e 1.120 casi mortali.
In netto calo rispetto all'anno precedente, e questo è positivo. Ma si tratta sempre di una strage di proporzioni enormi, inaccettabili. Una guerra. E il calo, come dice l'Inail, è dovuto piuttosto al fatto che il periodo di riferimento è stato un momento particolarmente negativo per l'economia italiana sia sul versante dell'occupazione (diminuita dello 0,9% nel primo trimestre e dell'1,6% nel secondo) sia su quello della produzione industriale, calata di oltre il 20%. Se a questo si aggiunge il massiccio ricorso alla Cassa integrazione, appare chiaro come al sostenuto calo della quantità di lavoro effettuata corrisponda, ovviamente, una considerevole flessione dell'esposizione al rischio di infortunio. 
E' una situazione che non può essere accettabile per un Paese civile, moderno, chiamatelo come volete. Ma soprattutto è inaccettabile e incompatibile con l'Articolo 1 della nostra Costituzione: L'Italia è una Repubblica fondata sul lavoro. Oggi l'Italia è una repubblica che affonda nelle fosse entro le quali vengono ogni giorno calate tre bare e mezzo.
E allora chiediamo che a ogni funerale di quella guerra che è il lavoro vada una alta carica dello Stato. Sono tre: un funerale al giorno cadauno, riuscirebbero quasi a coprirli tutti.
Scusate il cinismo, ma magari in questo modo, avendo tutti i giorni impegnati per lavoro, finalmente si decideranno ad affrontare il problema.


di Maso Notarianni
Fonte: PeaceReporter

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori