lunedì 14 giugno 2010

Legge bavaglio: cancellato articolo voluto da Falcone

"Microspie per tre giorni? Una follia". "Un arretramento ingiustificato". "Un colpo a Falcone". "Un regalo alla mafia". "Una norma scritta in modo ambiguo e incomprensibile". Intercettazioni ambientali, cimici o microspie che le si voglia chiamare, nella versione prevista dal ddl Alfano? "Un meccanismo assurdo e inaccettabile destinato a favorire i criminali". Parola di magistrati e poliziotti. E dei finiani, come il numero due della commissione Antimafia Fabio Granata, che esige "un'immediata marcia indietro". E del dipietrista Luigi Li Gotti, che accusa il Guardasigilli Angelino Alfano "di aver abolito una legge importantissima voluta da Falcone". 
Una premessa su quali dovrebbero essere le nuove regole. A partire dalle norme oggi in vigore. Che parificano l'ambientale alle intercettazioni foniche. E la consentono, se ricorrono i "gravi indizi di reato", finché l'indagine lo richiede. Con un'eccezione: per i luoghi "di privata dimora" essa è possibile "se vi è fondato motivo di ritenere che ivi si stia svolgendo l'attività criminosa". Cosa escogita il governo? Nei "luoghi privati" sarà possibile piazzare la cimice per tre giorni solo se lì "si sta svolgendo l'attività criminosa". Per quelli pubblici i giorni saranno sempre tre, ma non ci vorrà il sospetto del delitto in corso. Per mafia e terrorismo microspie senza limiti. 



Conviene partire dalla denuncia di Li Gotti per affrontare il guazzabuglio delle nuove regole sulle ambientali contenute in una dozzina di righe del ddl. Dice il senatore che fu avvocato di Buscetta, Mannoia e Brusca e che ha dato filo da torcere alla maggioranza: "È incredibile. Soprattutto perché non se n'è accorto nessuno. Ma il comma 36 della nuova legge, in tre righe, cancella un fondamentale articolo di un decreto legge voluto da Falcone nel maggio '91". Ecco quelle righe: "L'articolo 13 del decreto legge 13 maggio 1991 n.152 è abrogato". È l'articolo che stabilisce "modifiche alla disciplina delle intercettazioni, conversazioni o comunicazioni" e consente, "per i delitti di criminalità organizzata", di disporre intercettazioni o mettere microspie sulla base di "sufficienti indizi" e nei luoghi di "privata dimora" per il tempo necessario alle indagini. "Una rivoluzione" la definisce Li Gotti perché "per i delitti di criminalità organizzata anche non mafiosa, e quindi ogni associazione a delinquere per fare truffe, rapine, furti, estorsioni, riciclaggio, corruzioni, era possibile intercettare e mettere microspie nei luogo pubblici e in un domicilio senza limitazioni". 

Ma che succede con la nuova legge? Innanzitutto, con un'altra riga al comma 27, passata anch'essa del tutto inosservata, il luogo "di privata dimora" diventa luogo "privato". Differenza fondamentale e destinata, come spiegano i giuristi, a "devastare le indagini", perché la "privata dimora" è in senso stretto in luogo in cui si abita, mentre il "luogo privato" può essere anche un bar o un ufficio o la propria auto. E poi dalla dizione ampia di "criminalità organizzata" vengono espunti quelli che i finiani definiscono reati "spia", tutti quelli che possono far scoprire un gruppo mafioso. Per questo Li Gotti accusa Alfano: "Parla sempre di lotta alla mafia, osa richiamarsi a Falcone, poi abolisce l'articolo che consentiva quella corsia semplificata". 

Il finiano Granata, sulle ambientali, non fa sconti al governo: "È una delle norme più controverse; è scritta in modo ambiguo e incomprensibile; pone un limite di tre giorni con richieste di proroga al tribunale collegiale del tutto inaccettabile; soprattutto esclude i reati spia". Ma la sua voce da politico non è isolata. Ecco il giudizio del presidente dell'Anm Luca Palamara, pm a Roma: "Se passa la norma sarà difficilissimo poter mettere microspie per via dei termini differenti e per la confusione che si creerà nel distinguere tra luogo pubblico e privato". Altrettanto negativo il giudizio di Giuseppe Cascini, segretario del sindacato dei giudici e anche lui pm nella Capitale: "La distinzione tra luoghi differenti è una pura follia. Non si potrà più piazzare una cimice in un'auto, ci saranno problemi prima di metterla in un bar, e pure in un ufficio, a meno che questo non sia pubblico. Non parliamo poi della regola defatigante e macchinosa delle proghe ogni tre giorni che renderanno inutilizzabile un mezzo investigativo fondamentale, soprattutto perché ogni volta bisognerà mandare gli atti al tribunale collegiale". Ma i finiani puntano i piedi e dicono: "La regola va cambiata". 


di LIANA MILELLAFonte: la Repubblica.it

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori