lunedì 9 agosto 2010

Colombia-Venezuela, l’eredità avvelenata di Álvaro Uribe per Juan Manuel Santos

Oggi Álvaro Uribe lascia la presidenza della Colombia millantando trionfi ma lasciandosi dietro una scia di sangue con pochi precedenti. Il paragone è con il peruviano Alberto Fujimori, poi condannato per corruzione e violazione dei diritti umani. Lascia avvelenando i pozzi del suo successore Juan Manuel Santos, bloccandone il tentativo di migliorare i rapporti con il Venezuela di Hugo Chávez che era deciso a presenziare alla cerimonia di passaggio dei poteri e che comunque sarà rappresentato dal suo ministro degli esteri.
Rispetto all’ennesima crisi gran-colombiana (l’ennesimo déjà vu secondo Uribe Chávez aiuterebbe e ospiterebbe la guerriglia delle FARC) la stampa italiana e il sempre più tendenzioso “El País” di Madrid si sono sforzati di incolpare il Venezuela e dare come credibile la versione uribista dei fatti. Per capirne di più, nel giorno nel quale Uribe esce di scena, è però utile guardare alla stampa colombiana e perfino al settimanale britannico “The Economist”. Quest’ultimo ha addirittura consigliato Santos di mandare il suo predecessore il più lontano possibile da Bogotà, foss’anche come ambasciatore a Pechino. La crisi sulla presunta presenza di santuari delle FARC in territorio venezuelano (2.200 km di in una frontiera porosa e artificiale come poche) è infatti giunta in un momento nel quale Santos (e da Caracas Chávez) compivano il massimo sforzo per ripartire da zero con migliori relazioni. Da un lato la nomina come ministro degli esteri di María Ángela Holguín, ex-uribista ed ex-ambasciatrice prima a Caracas e poi presso l’ONU, poi allontanatasi da questo denunciandone le clientele, dall’altro l’intimare alle FARC da parte di Chávez di deporre le armi e l’annuncio di voler essere presente al passaggio di potere, testimoniavano un atteggiamento positivo.
Va ricordato che chi ha ben più da perdere dalle cattive relazioni tra Bogotà e Caracas è la prima che altrimenti vanterebbe un surplus commerciale di oltre cinque miliardi di dollari l’anno (circa 7 miliardi di export contro meno di 2 miliardi di import di prodotti venezuelani). È un prezzo che pagano soprattutto quel 46% di colombiani poveri nel paese col maggior tasso di lavoro informale del continente, una delle eredità nere dell’uribismo. Mentre per il Venezuela, che ha peraltro altri gravi problemi economici a partire dall’inflazione, è stato facile rivolgersi al Brasile e all’Argentina come fornitori degli stessi prodotti colombiani, per Santos la sfida non è più la guerriglia ma la crescita economica e quindi il mercato venezuelano vale circa 1.5 punti di PIL all’anno.
L’ultima giocata di Uribe per condizionare in negativo la politica internazionale del suo successore è stata così fotografata (e stigmatizzata) dal brasiliano Lula che ne ha a lungo discusso in sede UNASUR (la sede che oramai sostituisce l’OSA per i conflitti intra-latinoamericani escludendo gli Stati Uniti): “è proprio strano che tale scoperta si faccia pochi giorni prima del passaggio di potere, proprio quando il nuovo presidente mostrava buona predisposizione a raggiungere la pace. Andava tutto bene fino a che Uribe non ha presentato la denuncia”.
I motivi internazionali (l’eco statunitense anti-integrazionista è ovvio per Uribe) si accavallano a motivi di carattere interno colombiano. Il timore è che per Uribe il restare al centro della scena nazionale sia una scelta obbligata proprio per evitare di finire, una volta perso il potere, nel circuito giudiziario per i suoi innumerevoli crimini. Anche la stampa colombiana, quella che sponsorizza Santos come in passato ha tirato la volata ad Uribe ma che alla potentissima famiglia Santos fa riferimento, è convinta che esista oramai una distanza siderale e una competizione viscerale tra i due.
Su “Semana”, settimanale di proprietà della famiglia Santos, si è denunciato a chiare lettere che Uribe avrebbe dedicato le ultime settimane del suo mandato “a raschiare il fondo del barile compromettendo le finanze colombiane per i prossimi vent’anni”. Non meno a chiare lettere si ritorna ad affermare quello che per otto anni era stato messo sotto silenzio: il passato di Álvaro Uribe come narcotrafficante legato al Cartello di Medellin. Non pagherà Uribe (almeno non subito) per i falsi positivi, le migliaia di cittadini innocenti assassinati per farli passare come guerriglieri, né pagherà per la fossa comune de La Macarena, la più grande al mondo dopo la seconda guerra mondiale dove l’esercito colombiano ha abbandonato per anni le vittime delle sue violazioni di diritti umani. Ma chissà che una volta perso il potere non venga processato per crimini comuni, come un Al Capone qualsiasi.

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori