giovedì 9 settembre 2010

Fascismo in cammino: uccidere la FIOM

Altro che patto sociale. C'è un piano freddamente studiato a tavolino per uccidere l'ultimo sindacato ancora libero che resta ai lavoratori: la Fiom. Questo piano è condiviso dal Governo, dalla Cisl, dall'UIL ed ignorato dalla CGIL (mi auguro che prenda posizione) Una parte considerevole del PD con D'Alema, Ichino, Letta è per il massacro della Fiom.
Dalla difesa della Fiom passa la difesa dell'ultima trincea sindacale dei lavoratori. Dopo avremo l'abolizione del diritto di sciopero. Intanto nelle fabbriche si è aperta la caccia al dirigente sindacale Fiom. Atmosfera di repressione  cilena contro quello che resta del movimento operaio italiano da parte di una Oligarchia politica e confindustriale corrotta ed insofferente a qualsiasi regola di civile convivenza.

di Pietro Ancona
Articolo inviato a Nuovediscussioni-SudTerrae dall'autore Pietro Ancona già membro dell'esecutivo della Cgil e consigliere del CNEL

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori