giovedì 30 settembre 2010

Marijuana clandestina in Italia, in California se ne discute

Il dibattito sulla legalizzazione delle droghe soffre una fase di stanca, anche se la guerra alla droga è già stata dichiarata un fallimento d qualche anno proprio dai suoi proponenti. La debolezza della posizione dei fautori della guerra alla droga è il motivo principale per il quale qualsiasi tentativo di avviare un dibattito è soffocato nella culla, non esistono più ragioni da opporre alla legalizzazione, le proposte alternative si sono rivelate costose e fallimentari.
In California invece se ne discute moltissimo, perché prossimamente si voterà un referendum che propone la legalizzazione della marijuana, le caratteristiche dello stato americano e il suo assetto legislativo offrono una rara occasione per sbirciare cosa potrebbe succedere se si coagulassero forti movimenti per la legalizzazione in altri paesi.

In California si discute solamente della legalizzazione della marijuana,che è già legale per “usi medici” tanto poco definiti da prestarsi a un'interpretazione molto estensiva di quanti siano i malati bisognosi dell'erba miracolosa. Posto che i conservatori sono allo sbando e che la legalizzazione è stata presentata come un'ottima occasione per incassare tasse e per risparmiare le follie che si spendono per la detenzione dei pothead beccati con gli spinelli.
Finora a puntare soldi contro il referendum sono stati principalmente le associazioni di polizia e quella dei birrai, anche se tra questi si sono registrate numerose prese di distanza. In controtendenza con il resto del mondo la polizia è contro la legalizzazione, perché la legge californiana dice che i proventi dei sequestri per droga diventano finanziamenti alla polizia e al sistema giudiziario e, in questo modo, la legalizzazione della marijuana rappresenta un possibile calo degli introiti. Se i poliziotti del resto del mondo si sentono inutili a rincorrere gli spinellanti, quelli californiani li vedono come bancomat ambulanti da mungere per migliorare il budget.
È già andata bene che le guardie carcerarie, lobby potentissima, per ora si siano astenute ed è una novità, perché in altre occasioni si erano schierate contro leggi che riducevano il ricorso al carcere. A favore invece ci sono i sindacati, compreso quello potente degli autotrasportatori, associazioni progressiste e molti esponenti dello star system.
La concorrenza tra alcool e marijuana è evidente dallo schieramento dei birrai e fa un po' impressione trovare polizia e produttori di alcool dalla stessa parte, visto che in California, come un po' ovunque, oltre il 30% dei crimini violenti sono  perpetrati da ubriachi. A queste considerazioni molto materiali si aggiungono poi gli schieramenti in nome della morale e se le chiese sono in maggior parte schierate contro, non si può dire che le grandi corporation della rete siano a favore.

Facebook ha prima rifiutato una pubblicità dei promotori del referendum perché aveva una foglia di marijuana come immagine, poi l'ha rifiutata anche con altre immagini, facendo arrabbiare qualche milione di utenti che hanno messo la foglia come immagine nel loro profilo (sic). Reddit invece ha rifiutato la pubblicità dicendo che di non guadagnare sulla questione e allora è successo qualcosa di inusuale.
Reddit  è una internet company acquisita dal gigante Condè Nast, alla direzione del quale si deve il divieto, e i suoi dipendenti e manager hanno deciso di ribellarsi al divieto pubblicando gratis gli annunci, così da non procurare alcun arricchimento a Condè Nast che ci teneva tanto. Facile immaginare che la cosa avrà un seguito all'interno della corporation, ma intanto l'annuncio è passato e la ribellione ha fatto notizia.
Per la prima volta da molto tempo il referendum sembra avere buone possibilità di passare, già molti stati hanno raggiunto la California dotandosi di una legislazione per l'uso terapeutico della marijuana e già da tempo le forze di polizia, anche quelle federali, hanno direttive precise di concentrarsi sui traffici all'ingrosso, ma è soprattutto un lento cambiamento culturale che sembra essersi finalmente compiuto, la legalizzazione ha sfondato anche a destra, privando il confronto di quel sapore da guerra di religione che fino ad ora aveva sempre contribuito a far fallire tentativi simili.

di mazzetta

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori