domenica 3 ottobre 2010

La CIA nel tentativo di golpe in Ecuador

La rivolta di elementi golpisti della polizia ecuadoriana contro il presidente Rafael Correa dà conferma di un rapporto allarmante sull’infiltrazione nella polizia ecuadoriana dei servizi di intelligence statunitensi diffuso nel 2008, in cui si segnalava come molti membri del corpo di polizia fossero in una condizione di “dipendenza” dall’Ambasciata degli Stati Uniti.

La relazione precisava che le unità della polizia “mantengono una dipendenza economica informale con gli Stati Uniti, attraverso il pagamento di informatori, qualifiche, equipaggiamento e operazioni”.


L’uso sistematico di tecniche di corruzione da parte della CIA per accaparrarsi la “buona volontà” degli ufficiali della polizia è stato descritto e denunciato in numerose occasioni dall’ex agente della CIA Philip Agee che, prima di lasciare i ranghi dell’agenzia, lavorava presso l’Ambasciata degli Stati Uniti a Quito.

Nel rapporto ufficiale, diffuso alla fine di ottobre 2008, il ministro ecuadoriano della Difesa, Javier Ponce, rivelava come diplomatici statunitensi erano incaricati di corrompere la polizia, oltre che gli ufficiali delle Forze Armate.

Confermando il fatto la questura ecuadoriana aveva annunciato, allora, che avrebbe sanzionato gli agenti che collaboravano con gli Stati Uniti, mentre l’Ambasciata statunitense proclamava la “trasparenza” del suo appoggio all’Ecuador.

“Lavoriamo con il governo dell’Ecuador, con i militari, con la polizia per finalità molto importanti per la sicurezza”, ha dichiarato  Heather Hodges, l’ambasciatrice statunitense a Quito.

Tuttavia, la diplomatica ha anche detto ai giornalisti che non avrebbe fatto commenti riguardo “il tema dell’intelligence”.

Marta Youth, l’addetta stampa, da parte sua, ha respinto vigorosamente tutte le accuse del governo ecuadoriano, che includevano la partecipazione della CIA ad un’operazione della Colombia che determinò l’attacco militare contro la guerrilla FARC nel territorio ecuadoriano il 1 marzo di quell’anno.

Il capo dell’intelligence dell’esercito, Mario Pazmiño, fu destituito per aver occultato informazioni relative all’attacco contro le FARC.

Negli ultimi mesi i funzionari statunitensi si sono recati in Ecuador, con il pretesto di approfondire le relazioni tra Ecuador e Stati Uniti.

Il segretario aggiunto per l’emisfero occidentale del Dipartimento di Stato Arturo Valenzuela ha fatto visita più volte al presidente Correa, in previsione di una visita del segretario di stato Hillary Clinton. Valenzuela si è fatto accompagnare da Todd Stern, “delegato speciale per i cambiamenti climatici”, anche conosciuto per i suoi rapporti con la CIA.

di Jean-Guy Allard
Fonte: Alba Tv
Comparso su A SUD
Traduzione di
Valentina Vivona

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori