domenica 6 giugno 2010

Amazzonia peruviana, i fatti di Bagua sono ancora vivi nella mente delle comunità indigene

Perù, giugno del 2009, gli indigeni amazzonici protestano per due mesi per i decreti legislativi che non riconoscono loro il diritto a decidere della propria terra. Protestano con blocchi stradali e con il blocco della pompa di un impianto petrolifero nella zona di Bagua, regione Alto Amazonas. Circa 700 poliziotti, più elicotteri e carri armati, vengono mandati sul posto. La mattina del 5, alle 6 del mattino circa la polizia assalta un accampamento dei manifestanti, nonostante il termine per la resa fosse stato fissato per le 10. Muoiono circa 35 persone tra polizia (20) e indigeni (12) e altri (3), circa 200 feriti e un numero imprecisato dispersi. Si parla di corpi bruciati o gettati nel fiume. Questi sono "i fatti di Bagua", o il "Baguazo.

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori