mercoledì 9 giugno 2010

Croazia, la Lotta di Liberazione Popolare dei popoli jugoslavi tra oblio nebuloso e revisionismo disgustoso

Il singolo, ma pure la collettività, ha diritto all’oblio e alla reminiscenza, ma non ha diritto di ribaltare e nascondere premeditatamente i fatti, in modo nebuloso e disgustoso,e di revisionare così la storia. Proprio con questo ci dobbiamo confrontare in Croazia oggi: siamo testimoni di tentativi permanenti e concentrici, da parte delle forze sconfitte nella Seconda Guerra Mondiale, di rivedere la storia seguendo uno schema che ribalta completamente i ruoli e gli obiettivi delle forze in campo, negando i fatti e l’ancora presente ricordo storico.
La Lotta di Liberazione Popolare dei popoli jugoslavi è stata, per le sue dimensioni, per il numero delle divisione nemiche che ha impegnato durante la Guerra, per la forza dei collaborazionisti locali instaurati dai nazifascisti, per la struttura organizzativa e i risultati militari, una lotta più avanzata rispetto agli altri movimenti resistenti all’interno della schiavizzata Europa.

Il drammatico diktat della FIAT che scardina alla radice il contratto nazionale

Una stampa e un palazzo compiacenti hanno cancellato la sostanza delle posizioni della Fiat per Pomigliano d’Arco. L’azienda non ha aperto nessun tavolo di trattativa, ma ha consegnato ai sindacati un documento che è un drammatico diktat che scardina alla radice il contratto nazionale e i diritti dei lavoratori. I 18 turni sono il meno, anche se pesantissimi nelle loro modalità, l’attacco sulle pause, sulla mensa, la riduzione dei salari sono anch’essi fatti gravissimi, ma non danno il senso ancora della brutalità delle richieste Fiat. L’azienda infatti chiede:
- La deroga al contratto nazionale sullo straordinario obbligatorio aumentandolo fino all’80%.

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori