giovedì 10 giugno 2010

A3, ovvero la Salerno-Reggio Calabria divisa tra le 'ndrine

Reggio Calabria. “Un sistema che conveniva a tutti”: alle 'ndrine da una parte e al Contraente generale dall'altra. Nel caso specifico il Consorzio Scilla, composto da due colossi dell'edilizia italiana: Società Condotte e Impregilo.  Così i magistrati di Reggio Calabria hanno commentato l'operazione che nella giornata di ieri ha portato all'arresto di 52 persone, tra capi e gregari delle 'ndrine che controllavano gli appalti per la realizzazione del V macrolotto dell'autostrada Salerno – Reggio. Attraverso un accordo che prevedeva la suddivisione dell'interminabile A3 in tratti di competenza territoriale per ciascuna cosca e la distribuzione del pizzo pari al 3% per ogni appalto.

Fini in ginocchio da Berluskaz


È bastato che il padrone alzasse appena la voce e dichiarasse finita la ricreazione degli emendamenti, e la fronda del presidente della Camera ha prontamente smesso di stormire. 



La legge-bavaglio, la legge-salvacricca, la legge “golpe strisciante” è ottima e abbondante – giura Fini mettendosi sull’attenti – e perfettamente conforme alle promesse elettorali di legalità. Dice proprio così, senza un residuo di pudore e con evidente sprezzo del ridicolo. 

D’ora in avanti l’onorevole Fini ci faccia il piacere – almeno – di non citare più i Tocqueville e le Hannah Arendt con cui si è permesso di accreditare i suoi libri e i suoi discorsi. E meno che mai di citare Borsellino come simbolo della destra che intende realizzare. Abusivamente e a tradimento, come ha ormai ufficializzato.

Nei C.I.E., centri di espulsione, la polizia stupra

Udienza ieri al Tribunale di Milano per Joy ed Hellen, due ragazze nigeriane che hanno confermato quanto sempre sostenuto: un ispettore capo tentò di violentare Joy nel Cie di via Corelli.

Durante l’udienza dell’8 giugno, Joy ed Hellen hanno confermato il loro racconto, di fronte a Vittorio Addesso, presente in aula insieme al suo difensore, un avvocato dello studio La Russa di Milano. Ora che sono state ascoltate dal giudice, Joy ed Hellen rischiano di nuovo l’espulsione: oramai il processo può continuare senza di loro e fra pochissimi giorni, l’11 giugno, scadrà la proroga del trattenimento nel Centro.

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori