sabato 17 luglio 2010

L'odissea degli eritrei: prima catturati e torturati, poi liberati e abbandonati nelle mani della criminalità

PALERMO - Sono anni che gli imprenditori politici della sicurezza, i vari “ministri della paura” che si susseguono nel tempo, ci parlano dei loro “successi storici” nello sconfiggere il crimine organizzato, arrogandosi meriti che nella maggior parte dei casi sono da attribuire alle forze di polizia ed alla magistratura, piuttosto che ai vari pacchetti sicurezza approvati a cadenza periodica, in nome di “emergenze” che si scoprono soprattutto nei periodi elettorali o nelle fasi di maggiore scontro politico.

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori