venerdì 23 luglio 2010

RIGASSIFICATORE. Se un giorno esplodesse una nave di metano…


Ad Agrigento accadono fatti strani e incomprensibili, alcuni perfino enigmatici.
Come quello che vede protagonista il presidente della Provincia, Eugenio D’Orsi, un ex socialista folgorato sulla via dello pseudo autonomismo lombardiano, il quale, a pochi giorni dall’udienza, ha ritirato il mandato all’avvocato incaricato di rappresentare l’Ente nel giudizio pendente al Tar del Lazio per la revoca dell’autorizzazione a una società Enel per realizzare un rigassificatore a Porto Empedocle.
La costituzione in giudizio, per altro proposta unitamente a altri enti e associazioni locali, come denunciano alcuni consiglieri provinciali di destra e di sinistra e l’associazione “Free” la quale, addirittura, si è rivolta alla magistratura antimafia, era praticamente un atto dovuto in ragione del voto contrario al rigassificatore espresso, a larghissima maggioranza, dal Consiglio provinciale.

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori