venerdì 10 settembre 2010

Il nipote del Gran Visir di Berlusconi

La cosa che mi ha colpito della contestazione a Bonanni è stata la faccia e la gesticolazione di Enrico Letta, Vice segretario del PD, nipote di Gianni Letta il gran Visir di Berlusconi, una parentela che  è anche politica. Zio e nipote fanno parte dello stesso establishment sebbene dislocati in due partiti diversi ma entrambi di governo ed entrambi saldamente schierati con la borghesia italiana. La faccia di Letta era piena di odio, di rancore, era livida, minacciosa, con gli occhi  lampeggianti pieni di voglia di fare del male. La sua gesticolazione era aggressiva, il braccio era teso e la mano chiusa con un dito puntato sui malcapitati ragazzi del Centro Sociale che avevano avuto l'idea di prendersi la scena nella grande e terribile stagione sociale che si è aperta. Oggi la loro azione è al vaglio della polizia. Non dubito che erano già stati schedati dalla Digos. Penso che il loro centro sociale Ashatasuna sarà proposto per la chiusura e che molti di loro saranno denunziati. Una opera di disinfestazione sociale sarà presto realizzata e questi giovani saranno dispersi e stritolati dalla macchina della repressione e della emarginazione sociale.

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori