domenica 19 settembre 2010

Un tempo in Francia i Rom eravamo noi

In questi giorni di caccia allo zingaro e pulizia etnica d’oltralpe, viene da parafrasare così il libro, poi opera teatrale, di Gian Antonio Stella: “Quando i Rom eravamo noi”. Già. Fra le rotte più ambite dai milioni d’italiani emigrati tra il 1890 e il secondo conflitto mondiale, v’era stata innanzitutto la vicina Francia dello sceriffo Sarkozy e del suo ministro all’emigrazione Eric Besson.
Dove certamente, anche allora, l’accoglienza non era una specialità della casa. Tornando indietro di un secolo, è pacifico ricordare come la geografia indirizzò la transumanza di molti verso regioni quali laProvence-Alpes-Côte d'Azur e la Rhone Alpes. E pure dalle parti dell’Aquitaine, che a Merignac, vicino Bordeaux, ospitava un vecchio campo di concentramento nazista, trisavolo del moderno Cpt, utilizzato dalle autorità locali per trattenere i nuovi arrivi. La storia si ripete.
Al tempo, molti di noi erano bollati con l’epiteto di français de coni (francesi di Cuneo), italiani che si spacciavano per transalpini; altri con quello di orso per ricordare gli “orsanti”, mendicanti-circensi partiti dall’Appennino parmense, che si esibivano in tutta Europa con scimmie, cammelli e quindi orsi.

La CNN e il terrorista venezuelano

Durante la notte di Lunedi 13 settembre, la giornalista della CNN spagnola, Patricia Janiot, ha intervistato Raul Diaz Peña, venezuelano condannato nel 2003 per terrorismo, che pochi giorni fa è scappato dalla prigione. Nel 2003, Diaz Peña è stato arrestato dalle autorità venezuelane, in relazione con gli attentati terroristici contro le ambasciate di Spagna e Colombia avvenute a Caracas il 25 febbraio 2003.Pena Diaz fu processato e condannato da un tribunale venezuelano a nove anni e otto mesi di prigione. 
 
L'attentato si è verificato proprio alla fine del sabotaggio economico e sciopero petrolifero promossi da gruppi anti-Chavez in Venezuela, che solo pochi mesi prima avevano eseguito un colpo di stato contro il presidente Chávez, che è durato solo 48 ore. Dal dicembre 2002, organizzazioni e partiti politici dell' opposizione sono riusciti a fermare l'industria petrolifera statale, PDVSA, e i grandi mezzi di produzione nel paese - che erano ancora nelle mani dell'élite politica ed economica - con l'obiettivo di forzare la salita al potere del Presidente Chávez.

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori