domenica 26 settembre 2010

Un PD tutto Chiesa e Confindustria


  Il labour Party  cerca di cambiare strada dopo il decennio di Blair che lo ha sfigurato privandolo dell'anima  e facendone uno strumento docile del capitalismo feroce e asociale. Blair è stato per il socialismo inglese quello che Craxi è stato per l'Italia: una forza devastatrice della sua identità.
 La elezione di Miliband potrebbe ricondurre il Labour alla sua naturale missione politica e storica: rappresentare e difendere le classi lavoratrici in una visione della vita e del mondo
legata alla solidarietà del socialismo.
 In Francia il Partito Socialista è diretto da  Martine  Aubry, l'autrice della legge sulle 35 ore ed è impegnato nelle lotte sindacali per la difesa delle pensioni e della scuola. La tendenza rappresentata da Segolene Rojal è stata messa in minoranza ed il socialismo francese non corre il rischio di deragliare e diventare liberista.
 In Germania la socialdemocrazia si lecca le ferite dopo il governo di unità nazionale con la Merkel, una scelta che le è costata la scissione e la formazione della Linke alla sua sinistra.
 Ma non si può dire che abbia un programma di adulterazione di sè stesso.

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori