giovedì 6 gennaio 2011

LA DITTATURA DEGLI INVESTIMENTI

1.. Credo che, negli ultimi giorni, stia crescendo nell’opinione pubblica l’intima consapevolezza che l’ingiunzione della Fiat non riguardi solo i lavoratori dei due stabilimenti (Mirafiori e Pomigliano), ma la società italiana poiché, oltre a importanti conquiste del lavoro, mette in discussione taluni principi regolatori della convivenza sociale e democratica.
Perciò, è auspicabile spostare il confronto dai tavoli istituzionali alla società, evitando l’eccessiva personalizzazione su Marchionne che appare fuorviante, persino troppo comoda per chi gli sta sopra.
Non bisogna essere grandi economisti o esperti di relazioni industriali per capire che, oggi, la Fiat vuol fare in Italia ciò che, nei decenni trascorsi, è stato fatto in diverse regioni del “terzo mondo” (Pvs) da talune multinazionali della “triade” (Usa, Europa, Giappone) le quali hanno imposto legislazioni e contratti basati sulla mercificazione dei diritti e della dignità dei lavoratori.
Oggi, questa strategia, presente anche in alcuni Stati Usa, si vorrebbe trasferire in Italia e in Europa.
A quel tempo, pochi si allarmarono per la brutta piega che stava prendendo la questione degli
Investimenti.

Le grandi multinazionali, infatti, li hanno usati come clava per dettare le loro pesanti condizioni ai governi locali che potevano scegliere fra prendere o lasciare.
Quello fu l’inizio di un processo destinato ad estendersi all’intero pianeta.
In sintonia, d’altronde, con la bozza di Accordo Multilaterale sugli Investimenti (Ami), approntata in sede OCDE e bloccato a causa del ritiro della Francia dai negoziati.

2.. E così, oggi, i gruppi più agguerriti, senza alcun vincolo sociale e morale, sono alla ricerca del più vantaggioso “investionklima”, delocalizzano per “ottimizzare” il prodotto e “massimizzare” i profitti.
A pagare il conto delle conseguenze sociali e ambientali, della disoccupazione anche dei paesi industrializzati, sono gli Stati nazionali che non si vogliono abolire, ma solo asservire agli interessi dominanti delle multinazionali.
Insomma, in quei Paesi poveri e sovra popolati e spesso dominati da governi corrotti e illiberali, si affermò una sorta di “dittatura degli investimenti” che ora si vorrebbe trasferire in Italia, nelle regioni più avanzate dell’Occidente.
Il nostro fallace eurocentrismo non ci fece vedere la pericolosità di tale “dittatura”.
Molti ritennero che poteva attecchire solo in quelle remote regioni, mai nei Paesi d’origine degli investimenti, democratici e super industrializzati.
Ecco, invece, arrivare la botta anche in Italia, sotto forma di ricetta infallibile per “salvare” due stabilimenti Fiat (Mirafiori e Pomigliano) e per chiuderne un altro (Termini Imerese).
Con un sol colpo, la Fiat, con le sue pretese impositive, mira acuire la lacerazione dei rapporti intersindacali e industriali e aprire scenari destrutturanti dei sistemi di garanzia vigenti.
Un programma avventuroso, unilaterale che punta a dividere i lavoratori e a umiliare il sindacato più rappresentativo, affidando il tutto a un referendum sul quale grava lo spettro del disinvestimento e della disoccupazione.

3.. In altri Paesi europei di primo livello una cosa del genere sarebbe improponibile, irricevibile.
Si propone in questa Italia in crisi e senza una leadership autorevole, secondo un calendario prevedibile: oggi nei due stabilimenti della Fiat, domani nel resto dell’Italia, dopodomani in Europa.
Si sta giocando una decisiva partita a due, impari e letale, fra un colosso multinazionale e un sindacato (la Fiom) glorioso, combattivo ma isolato.
Di fronte a tutto ciò, cosa stanno facendo governo e forze politiche?
C’è chi tifa apertamente per Marchionne, chi gli fa il coro dall’altare maggiore, chi si dimena nella contraddizione di volere conciliare ragioni insanabili. Qualcuno contesta.
In questo pantano il ministro del lavoro Sacconi continua a invocare “meno Stato e più mercato” e a proclamare la “fine delle ideologie”.
Che differenza di stile e di concetto con i suoi predecessori Carlo Donat Cattin, Tina Anselmi!
Ministri democristiani, cattolici, espressione di quella Cisl che ieri ha combattuto per ottenere quelle conquiste che oggi annulla con gli accordi separati.
Un ministro che frequenta le stanze ovattate di Confindustria dovrebbe sapere che non tutte le ideologie sono scomparse, ma solo quella della sinistra marxista (alla quale egli, da socialista (o ex?), dovrebbe essere sensibile) perché ha perduto la competizione a favore dell’ideologia di questo capitalismo arrogante, rimasta unica e sola a dominare il mondo.
La verità è che questi signori, per non ammettere il fallimento delle loro politiche economiche e sociali, hanno bisogno di montare una colossale mistificazione della realtà, di rompere la coesione sociale, di promuovere, favorire la divisione dei sindacati, della società, addirittura delle famiglie.

4.. Un’altra offensiva che si vorrebbe scatenare, affidandola a quel corteo decadente di bulli, pupe e ruffiani che gironzola per redazioni giornalistiche e televisive, è quella di portare la divisione, lo scontro anche all’interno delle famiglie, fra le generazioni.
Sei disoccupato? non trovi lavoro? La colpa non è di governi incapaci di creare opportunità per i giovani, di una legislazione iniqua introdotta per favorire il precariato, il lavoro nero, clandestino, ma di tuo padre, di tuo nonno che, da biechi egoisti, si vogliono godere la sudata pensione e fanno studiare, vivacchiare i figli inoccupati e/o sfruttati con contratti vergognosi.
Alla stessa ipocrita risposta si ricorre per spiegare la crisi della scuola e dell’università pubbliche, la mancanza di servizi efficienti, d’infrastrutture, ecc.
Nessuno parla delle scandalose e sospette fortune accumulate, della voragine dell’evasione fiscale che, certo, non riguarda i pensionati e i lavoratori dipendenti.
L’intento è chiaro: deviare sui genitori l’immensa rabbia dei giovani che non intravedono un futuro degno.
Mettere i figli contro i padri è un risvolto davvero odioso, pericoloso(altro che difesa della famiglia!) che potrebbe sfociare in una sorta di guerra fra generazioni.
Un perfido tranello nel quale- si spera- i giovani non dovrebbero cadere.

5.. Tutto ciò per nascondere la crescente disparità sociale, le disuguaglianze che, finalmente, anche la Banca d’Italia ha rilevato.
Non è vero che in questa ventennale transizione in Italia non è successo nulla. No. Si è verificato un processo di accumulazione scandaloso, un colossale spostamento di reddito dalle fasce medio - basse della società a favore di quelle più alte: il 10% delle famiglie oggi possiedono il 45% della ricchezza dell’Italia che, nonostante tutto, è il decimo paese più ricco del mondo.
Secondo una bizzarra aritmetica, in Italia, ricchezza e povertà, e disoccupazione, crescono insieme, contemporaneamente. Colpa dei padri o dei nonni? o di chi manovra, in pubblico e in segreto, per favorire pochi ceti contro tutti gli altri?
Le risposte a questo tentativo potrebbero essere tante.
La migliore sarebbe di ricominciare a lottare, a marciare insieme, figli, padri e nonni, a difesa dei diritti fondamentali dei cittadini, contro chi vuole impossessarsi, letteralmente, della ricchezza, del futuro di questo nostro bellissimo Paese.
Questo è anche lo spartiacque fra destra e sinistra, fra progresso e conservazione, fra individualismo e solidarietà, fra libertà e liberalismo selvaggio.
Gli stessi partiti, in preda a ricorrenti crisi d’identità, potrebbero trovare, finalmente, una degna e coerente collocazione: o da un lato o dall’altro.
L’obiettivo non è la “rivoluzione”, né il cambio di sistema, ma quello di cambiare l’Italia in sintonia con le migliori innovazioni e con la nostra Costituzione unitaria e solidale.

di Agostino Spataro

Agostino Spataro è stato parlamentare del Pci, membro delle commissioni Affari esteri e Difesa della Camera.   
Articolo inviato a Nuovediscussioni-SudTerrae dall'autore Agostino Spataro
(biografia essenziale dell’autore, al sito:www.itawiki.com/agostino_spataro.html?PHPSESSID )


* Agostino Spataro, direttore di www.infomedi.it, è coautore, con N. Chomsky e altri, del libro “Il Pianeta Unico”, Eléuthera edizioni, Milano, 1999.

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori