venerdì 14 gennaio 2011

Le ultime parole di Shaban


Un contadino palestinese si racconta a una cooperante italiana prima di essere assassinato dall'esercito israeliano.
Il mio nome è Mohammed Shaban Shaker Karmoot. Sono nato nel 1964. Ho iniziato a lavorare come agricoltore quando ero giovane, prima di sposarmi, più di 35 anni fa.



Quanti figli hai?
Ho sei figli maschi, questo è qui Kamal (indica il ragazzo), nato dalla seconda moglie. Ho quattro figli e tre figlie dalla mia prima moglie, e tre figlie e due figli dalla mia seconda moglie.
Ho comprato due dunam (un dunam equivale ad un chilometro quadrato) accanto alla via comunale più vicina alla buffer zone nei pressi Al Basayna. Qui ho desiderato e costruito una casa nella quale vivere con la mia famiglia.


Accanto a questo muro?
A 22 metri di distanza da quel muro. Queste due dunam sono mie, le ho comprate.


Quanto ti sono costate?
Le ho comprate per 7500 dinari giordani (circa 8 200 euro)


E dimmi, può raggiungere quei due ettari della tua terra?
Sì, certo, ma è molto rischioso, perché i soldati sparano.


Quindi non la puoi coltivare e neanche costruirci sopra?
Esatto, non posso fare nulla nella mia terra.


E' stato così fin dall'inizio?
Una volta non era così. La mia terra era piena di alberi: palme, limoni, arance, clementine e altri frutti. Era piena di tutti i tipi di frutta possibili e immaginabili la mia terra. L'albero di mandorle che mi permetteva di riempire sacchi e sacchi
di mandorle quando c'erano frutti, (i soldati israeliani) me l'hanno sradicato proprio nel momento in cui ero pronto a raccogliere. Sono venuti di notte con i bulldozer e lo hanno sradicato.


Come è stata la tua vita? Come hai fatto per mantenere la tua famiglia?
Eravamo abituati a vivere una vita felice, lavorando su queste terre riusciamo a fare 650 NIS ogni mese (circa 150 euro), più il lavoro nei campi altrui, riuscivamo a cavarcela bene.


Questo in che anno è accadeva?
Prima che mi distruggessero le terre, credo nel 2003, all'inizio dell'ultima Intifada.


Come ti sei sentito in quel momento?
Beh, come pensi che mi sia sentito? Mi sentivo come qualcuno a cui stavano strappando via il mio cuore, mentre coi bulldozer gli israeliani distruggevano le mie terre. Ho assistito alla distruzione tutta una notte. Là c'era un grande albero di sicomoro, quando è arrivato il bulldozer e ha distrutto e sradicati tutto sono uscito con una torcia e ho visto che almeno mi avevano lasciato quell'albero dopo essersi ritirati. Era una notte di Ramadan, quando è successo, e poi le ruspe sono tornate di nuovo all'alba e hanno distrutto ciò che era rimasto dell'albero. Hanno impiegato solo tre ore per distruggere tutto la zona, utilizzando 8 bulldozer per distruggere tutta la zona.


E oggi continui a vivere in questa zona?
Quello che faccio qui o che si suppone io faccia, lo si può capire guardando questi alberi verdi qui. Sono io che lo ho coltivati, come ho coltivato il grano e l'orzo che al momento del raccolto è stato bruciato dall'esercito israeliano. Quest'anno quando siamo venuti a semonare i campi i soldati ci hanno sparato addosso.
Il suo nome è Ismahil Mkat, della famiglia Hameed (indica alcuni contadini nei campi) . Sono una famiglia che se la passa bene e può permettersi di acquistare i semi. L'altro uomo alla guida del trattore è Zoheer. L'esercito israeliano spara a tutte queste persone mentre stanno lavorando nei campi.


Vieni qui ogni giorno?
Sì, vengo qui ogni giorno


Non hai paura degli israeliani che sparano?
No, non m'importa degli spari. Se succede qualcosa di brutto noi esseri umani moriamo una volta sola, e solo Dio sa quando arriverà la mia ora per morire.
Io dormo qui alcune volte e non m' importa di morire, sento sempre i carri armati e bulldozer invadere la mia terra e non mi importa più quello che fanno. Ero qui in questa casa quando hanno distrutto l'abitazione di Al Shobaky's. Sono arrivati e hanno distrutto il muro di casa mia e quando il conducente del bulldozer mi ha visto ha fatto manovra indietro e si avvicinato ad un carro armato per parlare con i soldati all'interno. Poi il carro armato si è mosso verso casa mia e da un altoparlante ci hanno intimato di uscire tutti. Ho preso mia moglie e siamo usciti dal buco che il bulldozer aveva scavato nel muro di casa mia e un spiegatorisposto di no, e i soldati mi hanno concesso di tornare dentro. Successivamente ho ricostruito il muro distrutto.


Non hai paura che i soldati tornino di nuovo?
Beh, ogni cosa è possibile. Potrebbero entrare e distruggere la casa in qualsiasi momento.


Avete altre opzioni?
No, io non ho altra scelta che vivere qui.


Da dove prendete l'acqua?
Ho due pompe per l'acqua - una su questa terra e l'altro sulla terra dove non posso entrare.


Non vai mai in quella terra?
Alcune volte ma è rischioso.


A che ora vieni qui a lavorare su questa terra?
Circa alle 6:30 arrivo qui.


E a che ora la lasci?
Alle 16:15, talvolta alle 16:30.


I tuoi figli ti aiutano nel tuo lavoro?
Che lavoro? Non riesco a trovare lavoro per me, quindi perché avrei bisogno di qualcuno per aiutarmi? Sono diventato così povero che mi arrangio riciclando macerie e legno, e coltivando qualche coltura, così mi guadagno da vivere.


Qual è stata la più situazione più difficile che hai mai vissuto?
Il peridodo più difficile è stato quando hanno distrutto le fattorie e le terre in questa zona. Quello è il momento più duro che ho mia vissuto nella mia intera vita. La nostra vita era perfetta quando potevamo trarre profitto dal lavoro della nostra terra, e ora che ce l'hanno distrutta cosa ci rimane? Nulla.


Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori