mercoledì 23 febbraio 2011

L'Eni e la Libia

E' l'Eni l'obiettivo della insurrezione contro Gheddafi?
Bisogna capire bene da che cosa è fatta l'insurrezione contro Gheddafi in Libia, quanto c'è di sofferenza popolare e giovanile e quanto di interessi tribali che si sono aggrovigliati con quelli USA e delle multinazionali dell'Energia.
 Quello che è certo è che il metanodotto che porta il gas dall'Algeria alla Libia alla Sicilia è fermo. Non escludo che una vittima designata di questa rivolta sia l'Eni e comunque la politica commerciale autonoma dell'Italia che gli USA hanno "subito" con molti mal di pancia. Il PD maramaldesco farebbe bene a stare più accorto nelle critiche ed a distinguere l'Italia da Berlusconi e la Libia da Gheddafi.
  La grandiosa opera di pace del metanodotto, estranea agli interessi delle Sette Sorelle, garantisce energie e benessere da trenta anni all'Italia, all'Algeria, alla Libia. Gli Usa sono stati ostili da sempre.

 La politica fatta dal governo italiano nei confronti della Libia e della Russia è la meno berlusconiana fatta dal Governo Berlusconi. Viene da molto lontano, dalla illuminata apertura terzamondista e pacifista di La Pira e Moro, di Nenni e di Fanfani.
 Gli obiettivi dei rivoluzionari in Libia non sono chiari, non sono stati espressi. L'anelito di libertà e di democrazia si esprime in modi diversi. Certamente non risuonano con chiarezze le richieste della Rivoluzione.
 Non difendo il regime di Gheddafi ma vorrei capire chi lo sta demolendo.
L'Italia rischia di essere travolta non solo da una ondata emigratoria ma dal crollo di suoi fondamentali interessi economici
crollo che va a sommarsi alla crisi ed al trasferimento della Fiat in USA ed alla scomparsa della sua industria di base e manifatturiera.
 Anche la pace potrebbe essere travolta da una crisi di tutta l'area del Mediterraneo dentro la quale mimetizzare l'attacco e l'incenerimento dell'Iran e la fine della Palestina.

di Pietro Ancona
Articolo inviato a Nuovediscussioni-SudTerrae dall'autore Pietro Ancona già membro dell'esecutivo della Cgil e consigliere del CNEL

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori