lunedì 28 febbraio 2011

Polizia israeliana rapisce un bambino di 11 anni fra le lacrime della madre: Questi video, che raramente passano sui media di massa, dimostrano la vita palestinese sotto l'occupazione israeliana

Dall'autore del video:
"Questo video e’ stato girato martedì mattina dopo che le autorità israeliane hanno effettuato un altro raid contro civili. Appena l'esercito e la polizia si sono allontanati, un furgone si e’ fermato nella zona e due agenti di polizia di frontiera sono saltati fuori. Kareem Tamimi, 11 anni, ha iniziato a fuggire, correndo verso la madre. La donna con la telecamera si sente gridare "Bambino! Bambino!" in ebraico per dissuadere gli agenti di polizia di frontiera alla cattura del piccolo, senza alcun risultato.
 Quando gli agenti di polizia di frontiera catturano il bambino, lo trattano (e maltrattano) come se fosse una persona adulta. In pochi secondi è caricato sul furgone della polizia e sulla strada fuori dal paese verso una località sconosciuta. Sua madre che piange mentre sbatte le mani contro le finestre del furgone della polizia e’ ignorata dalla polizia di frontiera.
L’arresto di Kareem faceva parte di una strategia per mettere sotto pressione suo fratello Islam, di 14 anni, che è stato arrestato il giorno precedente in un raid notturno, in modo da convincere Islam a firmare tutte le (finte) confessioni prodotte dagli investigatori. La strategia ha funzionato, e Kareem è stato rilasciato più tardi la sera stessa.
Dopo questo arresto, il portavoce dell’esercito israeliano ha dichiarato ai media e su Twitter che “un altro ricercato sospetto è stata catturato e condotto in un luogo di sicurezza per un interrogatorio”. Il portavoce ha dimenticato di precisare che il “ricercato sospetto” è solo un bambino di 11 anni.
Questi video, che raramente passano sui  media di massa, dimostrano la vita palestinese sotto l'occupazione israeliana. Questo è il prezzo che pagano quei palestinesi che se si rifiutano di stare in silenzio sotto l'occupazione".
L'UNICEF venerdi' ha pubblicato un rapporto nel quale vengono illustrati gli abusi d'Israele contro i bambini palestinesi nel 2010:
11 bambini palestinesi sono stati uccisi.
360 bambini palestinesi sono rimasti feriti.
213 bambini palestinesi sono stati stati tenuti sotto detenzione militare.
14 bambini palestinesi sono stati stuprati nelle prigioni israeliane.
75 bambini palestinesi sono stati torturati nelle prigioni israeliane.
62 bambini palestinesi sono stati picchiati,
4 bambini palestinesi hanno subito l'elettroshock per estorcere loro confessioni.
Durante il 2010 le forze armate d'Israele hanno danneggiato 24 scuole palestinesi.

Restiamo Umani

di Vittorio Arrigoni da Gaza city

1 commento:

  1. quelle MERDE DI pannella,sgarbi,travaglio, fini,grillo,berluska,de magistris,(e tanti altri di destra,centro e sinistra.Compreso il papa ratzger)FANNO FINTA DI"NON CONOSCERLE QUESTE COSE!?)SPEDITE LORO QUESTO VIDEO!Del resto in usa,italia, europa,etc,le cose non vanno meglio!Pensate aI MILIONI di giovani che muoino per DROGA e ai malati di down e di autismo(che aumentano sempre più causa ogm,scie chimiche,radiazioni e inquinamento diffuso e globale)e per colpa di quell'altra merda di veronesi(che fa passare medicine orrende).Vedi video"KENNEDY e le sette segrete"ove si dice"SPIETATI CRIMINALI SI STANNO IMPADRONENDO DEGLI usa E DEL MONDO INTERO!".Tutti coloro che TACCIONO sono colpevoli di QUESTE ORRENDE INGIUSTIZIE e di quanto accadrà di ORRIBILE loro e ai loro stessi figli!?cercate"30 sopravvissuti di AUSCHWITZ"saprete che l'olocausto è stato programmato dai"magnati ebrei CHE COMANDANO usa e israele"a danno degli ebrei "più poveri"VERGOGNA PER TUTTA L'UMANITA!

    RispondiElimina

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori