domenica 30 ottobre 2011

I lavoratori contestano Renzi


Manifestazione davanti alla ex stazione Leopolda organizzata dai lavoratori e dai delegati della rsu dell'Ataf con l'obiettivo di "chiamare a raccolta tutta l'opposizione cittadina arrabbiata per le politiche del sindaco sui servizi sociali"
Circa 300 persone hanno contestato il sindaco Renzi, organizzatore della convention dei “rottamatori del Pd”. Tra queste, i lavoratori della società di trasporti, molti dei quali, in segno di protesta contro l'ipotesi di cessione a privati dell'azienda, indossano cartelli con la scritta “autista vendesi”, i dipendenti del Maggio musicale, contrari ai tagli che il primo cittadino intende portare alla gestione dell'ente, un presidio di invalidi in carrozzina, vittime - hanno spiegato - delle pedonalizzazioni del sindaco, precari degli asili nido, rappresentanti dei comitati No tunnel Tav e No inceneritore nella Piana. Tra i manifestanti, anche un contestatore con la maschera da orso ed una t-shirt con la scritta “Renzi il sindaco che la destra ci invidia”.
Ma c’è anche l'immagine di Cetto Laqualunque, il personaggio di Antonio Albanese, abbracciato al sindaco Matteo Renzi, con sotto lo slogan 'Il nuovo che avanza'; quella di un bus dell'azienda di trasporti pubblici Ataf guidato dal premier Silvio Berlusconi.

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori