martedì 11 gennaio 2011

Costruire senza licenza per allontanare gli arabi

Nel quartiere dove mi trovo, territorio nel west bank del comune di Gerusalemme, Israele ha dato il tacito consenso di costruire senza licenza per allontanare gli arabi dall’area della Gerusalemme libera, dove la licenza e’ carisssima quando viene concessa.
Le case di Semiramis, il nome del quartiere, devono tuttavia pagare le tasse per servizi che non vengono forniti: quasi non esistono cassonetti della spazzatura, molte strade non sono asfaltate e illuminate, o lo sono in maniera approssimativa. Inoltre, il giorno che Israele volesse distruggere o confiscare quelle case, I palestinesi non potrebbbero opporre alcun diritto. Per Iolo non ci sono condoni.
Israele ha intenzione di rendere Gerusalemme esclusivamente israeliana entro il 2020 e l’obiettivo viene perseguito trattando da emigrante chi viveva su questa terra quando nel 1896, in seguito alla nascita del sionismo nel 1891, cominciarono ad arrivare i primi coloni. Nel 1935 in Palestina c’erano circa 330.000 ebrei e circa 1.500.000 di palestinesi; ora ci sono 3 milioni di palestinesi e 7 millioni di ebrei . L a legge israeliana ALIYAH conferisce la cittadinanza piena a qualunque ebreo del mondo che la richieda oltre a forti incentivi economici a tutti gli immigrati giovani che in molti vanno a popolare gli insediamenti.

Alemanno, il sindaco azzerato

Il sindaco ha azzerato la giunta mandando a casa tutti gli assessori. Una mossa per salvare il salvabile dopo mesi di polemiche sulla pessima amministrazione, sulla parentopoli delle assunzioni e sugli ex fascisti nei posti chiave.


A poco più di due anni dalla vittoria elettorale contro Francesco Rutelli e dalla sua ascesa al campidoglio, il sindaco di Roma Gianni Alemanno ha sciolto la giunta della capitale mandando a casa tutti gli assessori, in vista di un possibile "rimpasto".


«Obiettivo del sindaco», ha spiegato il portavoce di Alemanno Simone Turbolente «è quello di nominare i nuovi assessori e i nuovi consiglieri delegati entro giovedì 13 gennaio. Per giungere a questo obiettivo il sindaco ha chiesto al vicesindaco Mauro Cutrufo, a Alfredo Antoniozzi e al capogruppo del Pdl Luca Gramazio, oltre ai vertici del PdL, di affiancarlo nelle consultazioni e nelle valutazioni» Alemanno stesso ha spiegato, tentando di arrampicarsi sugli specchi, che «si è conclusa una prima fase del governo comunale che ha ottenuto importanti risultati, ora è necessario avviare un cambiamento  in vista della riunione degli Stati generali della città convocati per il 9 e 10 febbraio presso il Palazzo dei Congressi dell'Eur e in cui sarà presentato il piano strategico di sviluppo e il Comitato promotore della candidatura alle Olimpiadi del 2020».

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori