venerdì 20 gennaio 2012

Con il Sindaco Bobbio di Castellammare di Stabia, contro il Vescovo Cece e i suoi portantini camorristi


Accade per il secondo anno consecutivo a Castellammare di Stabia. Quando il corteo con la statua del Santo patrono si è fermato davanti alla casa di un noto pregiudicato legato ai clan, il primo cittadino ha abbandonato per protesta la manifestazione.


La processione si ferma davanti alla casa del boss e il sindaco abbandona per protesta il corteo, togliendosi la fascia tricolore. Accade per il secondo anno consecutivo a Castellammare di Stabia e il protagonista è ancora una volta il primo cittadino Luigi Bobbio, che aveva già polemizzato con il vescovo Felice Cece. Stavolta c’erano stati anche degli incontri preliminari tra Bobbio e Cece, per chiarire ogni equivoco e concordare il percorso della processione in onore del Santo Patrono stabiese, San Catello.
Il corteo con la statua del Santo è giunto in via Brin e ha fatto sosta davanti alla ex Caserma Cristallini, anche per consentire ai portantini di riposarsi. Poi ha ripreso la marcia ma a pochi metri, davanti all’abitazione di un pregiudicato legato al clan D’Alessandro, dove c’è anche l’ingresso di una antica chiesa, il corteo si è fermato.
La figlia del boss si è anche affacciata al balcone, urlando insulti, presumibilmente rivolti al sindaco: "Bravo, hai fatto la sceneggiata". Bobbio si è sfilato la fascia ed è andato via in segno di protesta, esattamente come accadde l’anno scorso, mentre la processione proseguiva. Al termine della cerimonia religiosa il vescovo Cece ha detto: "Invoco la protezione di San Catello sui portantini, senza  di loro la processione non sarebbe possibile".


di ANTONIO FERRARAFonte: la Repubblica

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori