mercoledì 11 gennaio 2012

Il Carroccio fra Tanzania e Campania



La Lega Nord, ora che non sta più nella maggioranza di governo e non ritiene di dover rendere contro al “padrone del vapore” si butta sul tintinnare di manette per cercare di ricomporre la piccola crisi scoppiata al suo interno. Cosentino in carcere in cambio di una ripresa di consenso nella base sempre più “mugugnante”. Gli investimenti all'estero effettuati da Francesco Belsito, segretario amministrativo del Carroccio e un rapporto diretto con il segretario Umberto Bossi, l’unico dirigente a cui deve rendere conto, hanno fatto imbufalire la base delle camicie verdi e i “maroniani”. Il “cerchio magico” usa la sua bacchetta per fare operazioni finanziare - si dice per salvaguardare i fondi del partito - in corone norvegesi, in fondi a Cipro, in titoli di Stato della Tanzania.
Ma nelle sezioni della Lega, ha commentato Matteo Salvini, si chiede ai militanti di fare “la colletta” per pagare l’affitto dei locali, mentre “La Padania, il nostro quotidiano, versa in difficoltà economiche che tutti conoscono. E poi leggiamo della Tanzania … Spero, per rispetto dei militanti, che ci sarà una spiegazione per ogni quattrino speso”. In attesa dei chiarimenti, la linea “maroniana” è riuscita ad ottenere che il Carroccio voti sì alla richiesta d'arresto per Nicola Cosentino, il coordinatore del Pdl in Campania accusato di riciclaggio e concorso esterno in associazione camorristica. La Giunta per le Autorizzazioni della Camera si esprimerà oggi sul deputato Pdl ex sottosegretario all'Economia, mentre il voto in aula è previsto per mercoledì, o al massimo giovedì. La decisione leghista è stata presa ieri sera, al termine della riunione di segreteria nella sede milanese di via Bellerio, ed è stato Roberto Maroni a riferirne: "C’è stata la relazione dei nostri due membri della Giunta - ha spiegato l’ex ministro dell’Interno - che hanno espresso la convinzione che non esista alcun fumus persecutionis nei confronti del parlamentare. Domani (oggi, ndr) esprimeranno un voto favorevole in Giunta alla richiesta di arresto”. 


di Ersilia Contu
Fonte: Rinascita

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori